Il sito di Yahoo Answers verrà chiuso il 4 maggio 2021 (ora della costa est degli USA) e dal 20 aprile 2021 (ora della costa est degli USA) sarà in modalità di sola lettura. Non verranno apportate modifiche ad altre proprietà o servizi di Yahoo o al tuo account Yahoo. Puoi trovare maggiori informazioni sulla chiusura di Yahoo Answers e su come scaricare i tuoi dati in questa pagina di aiuto.

Zucchero o dolcificanti?

ieri sera ho visto report.. nella prima parte parlavano dell' aspartame ed edulcoranti vari..

a quanto pare, non sarebbero collegati all' insorgere di tumori, ma l'unico istituto indipendente (cioè non composto da scienziati che hanno a che fare con l' industria alimentare) ha trovato dei risultati un po' diversi...

io non ho mai usato dolcificanti nelle bevande, perchè non li amo molto, ma guardando il servizio mi sono accorta che in realtà è contenuto in tantissimi alimenti, anche in parecchi farmaci pediatrici..

la domanda è... ci pensate mai a quante cose siamo costretti a mangiare senza sapere cosa possano causare al nostro organismo? spesso qui, leggo di utenti che a domande, che potrebbero sembrare un po' eccessive (tipo i tortellini industriali fanno male?), rispondono che loro li hanno sempre mangiati e non sono morti... ma se 50-60 anni fa' avessi chiesto se le sigarette facevano male..non m avrebbero forse risposto che nessuno è mai morto per il fumo?

siete rassegnate che le cose siano così, o nel vostro piccolo cercate di controllare quello che mangiate?

Aggiornamento:

@@@

ovviamente i tortellini sono usati ad esempio..non ho nemmeno idea di cosa usino per farli..

la mia domanda era..pure prima di dimostrare che le sigarette portano il cancro si diceva le stesse cose del fumo, ci pensate mai a quante cose potenzialmente dannose mangiamo senza poterne avere nessun controllo?

l' aspartame è un esempio, noi sappiamo quali sono i limiti di aspartame che dovremmo assumere (già questo dovrebbe farci capire che proprio sano non è)ma non sappiamo in che quantità siano contenuti nei vari prodotti.. e questo vale per l'aspartame e per chissà quante altre cose...

il fatto che pure mangiare solo frutta faccia male, sai che novità..ma non ha niente a che vedere con questo discorso

ma qui il discorso è diverso, si tratta di prodotti chimici.. coloranti, conservanti ecc.. che se andiamo poi a guardare alcuni di questi, negli anni, sono stati vietati.. ma nel mentre che si dimostra che sono dannosi noi ce li mangiamo..

9 risposte

Classificazione
  • 9 anni fa
    Risposta preferita

    Io ci penso sempre. Infatti, dopo anni di spulciare etichette, ho ormai la mia "lista della spesa" fatta di prodotti che contengono il minor numero di additivi.

    Es, fra tutti gli yogurt scelgo Yomo (fatto solo con latte, frutta e zucchero); come cacao (da mettere nel latte o fare torte, gelati e cioccolate calde) scelgo quello amaro della Kent che non contiene neanche il carbonato di potassio (additivo che corregge l'acidità); i succhi di frutta che scelgo sono quelli 100% frutta (al max dolcificati con succo d'uva concentrato); invece del Philadelphia (che contiene carragenina, additivo sospettato) compro la robiola; invece delle sottilette il Galbanino (o simile) e lo affetto al bisogno; non uso più formaggini nè dadi ed i salumi sono banditi dalla mia tavola (perchè comunque so che i miei figli, mangiando fuori da parenti e amici, o nelle festicciole a scuola ecc si beccano sempre la loro porzione settimanale di salumi con tutti i nitriti e nitrati del caso); ecc ecc

    Sono arrivata a fare io i biscotti (farina, olio e zucchero); il pane (per evitare le miscele di Manitoba, sospetta OGM); le marmellate e i gelati per evitare INUTILI addensanti, coloranti, emulsionanti ecc ecc

    Lavoro mezza giornata e con due bambini di 7 e 2 anni e mezzo, un marito sempre fuori e una gattona diabetica di 16 anni, tempo ne ho pochissimo .

    Però preferisco impiegare il mio tempo a fare queste cose, piuttosto che a lucidare i pavimenti.

    PERCHÈ IL PUNTO È PROPRIO QUESTO: gli effetti di questi additivi utilizzati così massicciamente si vedranno solo sui nostri figli.

    Mia madre racconta che quando io ero bambina, nelle botteghe del paese dove vivevamo non c'erano ancora tutti i "prosciutti" di oggi; non c'erano tutte le merendine di oggi ecc ecc.

    Quando arrivava una novità, lei che aveva 3 figli piccoli non se ne faceva sfuggire una: per lei era meraviglioso poter godere di questo progresso.

    E sostiene, nella sua miopia, che noi figli oggi più o meno quarantenni (io ne ho fatti da qualche giorno 39) godiamo ottima salute.

    Io le dico invece: intanto non sappiamo ancora se questa salute ce la porteremo appresso fino alla fine dei nostri giorni.

    Secondo, anche se così fosse, io e i miei fratelli abbiamo iniziato a mangiare sofficini, bastoncini, prosciutti, merendine mulino bianco, nutelle e patatine già grandicelli.

    E le industrie alimentari erano ancora poco smaliziate.

    Oggi si vende un succo di mela colorato col blu petrolio per dargli il colore di verde mela... Ecco a cosa ci siamo ridotti!

    Il problema è molto più complesso di quanto non si pensi: il cancro è una malattia lenta, che si sviluppa in un arco di tempo troppo lungo per poter essere oggi correlato con i cambiamenti così recenti, repentini e intensi della qualità alimentare.

    Gli effetti, se ci sono, non saremo noi a scoprirli ma i nostri figli!

    Inoltre, come accennato per i tortellini, nessuno parla di bioaccumulo.

    Ogni prodotto rispetta il limite imposto per legge sugli additivi utilizzati; ma noi ingeriamo centinaia di prodotti e non siamo in grado di sommare le quantità contenute in ciascuno di essi. E se la somma supera il limite massimo imposto?

    E cosa succede se, pur rispettando i limiti anche nella somma delle diverse quantità contenute nei diversi prodotti, ingeriamo l'additivo A contemporaneamente all'additivo B?

    Nessuno sa rispondere!

    Allora, SE POSSO EVITARE, EVITO.

    Prima di salutarti e visto che ne hai fatto menzione, ti linko la domanda a cui ho risposto ieri, proprio sull'aspartame.

    http://it.answers.yahoo.com/question/index;_ylt=Al...

    Visita i link riportati lì ma anche qui sotto; io ho iniziato da lì.

    Mi sono tolta i prosciutti dagli occhi, proprio a partire da queste letture.

    So che alla gente dà quasi fastidio sentirsi dire certe cose.

    Però mi fa rabbia che si possa indisturbatamente "provare" sulla pelle della gente, senza neanche informarla e SENZA CHE CE NE SAREBBE REALE BISOGNO, solo per fare sempre più business.

    La cosa veramente sbalorditiva è che CAMBIARE il ns modo di fare la spesa, di cucinare e di mangiare... È una cosa fattibile; non è impossibile.

    Le alternative ci sono e sono sempre negli scaffali del nostro supermercato...

    Ecco perchè in tale frangente mi sento così "agguerrita" perchè penso, forse sbagliando, che la soluzione è così ovvia, semplice e a portata di mano che ... Tutti dovremmo attuarlo. Per il nostro stesso bene.

    Bisogna solo studiare, informarsi, documentarsi ... E se siamo qui su Answers vuol dire che abbiamo uno strumento potentissimo a portata di mano, senza paura che qualcuno possa rifilarci solo quello che fa comodo a loro: Internet.

    Adesso tocca a noi.

  • 9 anni fa

    Ma è anche un po' questione di stile di vita, non credi? Se ogni tanto compro i tortellini industriali per comodità non possono diventare veleno, ma se mangio piatti pronti tutti i giorni è chiaro che non mi preparo una salute di ferro...

    Io uso lo sciroppo d'agave al posto dello zucchero. Niente carie e niente picco di glicemia con shock al pancreas e iperproduzione di insulina (anche lo zucchero di canna causa queste due cose, purtroppo). Ma puoi usare il malto d'orzo, il malto di grano, la stevia, lo sciroppo di riso... Hai solo l'imbarazzo della scelta!

    Io ho alcuni libri sui danni dello zucchero, e dicono tutti che nei paesi dove lo zucchero non esiste, non ci sono casi di cancro. Nel dubbio, sciroppo d'agave, che è anche mooolto più buono! :))

  • 9 anni fa

    un conto è mangiare un piatto di tortellini (presumibilmente 60-80 gr.) una volta al mese, anche meno (io personalmente una volta all'anno forse dato che non li amo particolarmente), un conto è abitualmente consumare tortellini, una volta-due volte a settimana.

    Io mi controllo moltissimo, soprattutto per quanto riguarda dolci, dolcificanti, zucchero, etc.. perchè ho un principio di insulino-resistenza da tenere a bada, inoltre il mio colon non mi consente di abusare di prodotti come farina 00, pasta barilla etc, devo variare il più possibile (pasta, riso, kamut, farro, etc..) proprio per evitare che il mio colon si ribelli (o in un senso o nell'altro) soprattutto per una questione di forti dolori. grazie a questo tipo di alimentazione (più varia che mangiare pasta tutto i giorni) non ho più grossi dolori addominali.

    Quindi, aprescindere da ciò un prodotto contiene, io non consumo mai sempre lo stesso prodotto per lungo tempo, ma vario e cerco di prendere sempre prodotti sani.

    Però, d'altra parte, sinceramente, l'allarmismo è una cosa che assolutamente odio.

    Non è il tortellino che ti fa venire il cancro, non è l'aspartame nel succo di frutta o nella caramella mangiata una volta al mese, ma è un consumo assiduo e perpetuato nel tempo di tali sostanze-prodotti etc. Anche mangiare sempre e solo salsa di pomodoro colto nell'orto di zio Giuseppe fa male, perchè prima che delle privazioni, il nostro organismo ha bisogno di variare.

    Se l'alimentazione è varia, l'aspartame assunto una volta ognitanto non fa male secondo me.

    - - - -

    per rispondere alla tua domanda, anche se in parte mi sento cmq di aver risposto, ti dico che non ci penso molto, ma per il semplice fatto che cmq non abuso di niente in particolare. Quindi non mi pongo il problema di cosa un alimento-sostanza possa causarmi alla lunga.

    E' chiaro che ci sono sostanze che fanno male, come negli alimenti anche in ciò che ci spalmiamo addosso, parabeni, siliconi etc. Ma anche qui, tutto sta a non fare del talebanesimo secondo me e a portare avanti una filosofia della moderazione. Ripeto. Questa è l'unica arma che abbiamo contro i prodotti e le sostanze che assumiamo senza che ci sia una vera e propria volontà nel farlo. Questo vale per i medicinali e per gli alimenti.

    Se posso mi proteggo non comprando semplicemente queste cose particolarmente industriali, a volte me le faccio da me certe cose (come biscotti o altro), ma altre volte mi proteggo non abusando e quindi variando spesso.

  • Sai benissimo che delle cose industriali io mi fido solo dei sughi pronti.

    Per il resto viva la cucina casalinga, ovvero tutto quello che cucina mia mamma.hihihi

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 9 anni fa

    Io ho studiato all'università scienze dell'alimentazione (controlli e preparazione industriale), chimica bromatologia (degli alimenti) e microbiologia applicata agli alimenti (conservazione).

    Intanto che studiavo... son dimagrita qualche chilo... ti assicuro che o coltivi nel tuo orto e allevi il tuo bestiame o non sai che cosa mangi. E anche così... non puoi essere sicuro dell'inquinamento ambientale della tua zona e dell'acqua che usi per annaffiare.

    Così... fai una scelta. Cerchi di evitare i prodotti incerti e mangi quelli che ti danno più sicurezza.

    Vai più sul sicuro con i prodotti a chilometro zero, e quelli meno elaborati possibile. Le grandi case sono più controllate. Quelle che costano meno possono usare ingredienti meno pregiati (tipo oli strani invece di burro) ecc...

    Coloranti e conservanti sono le cose che meno mi preoccupano... se non ci fossero i conservanti il cibo pronto non si conserverebbe e le scadenze diventano così brevi da dover aumentare i prezzi, e non sarebbero neppure tanto sicuri. I coloranti potrebbero evitarli.. ma poi ti assicuro che non mangeresti quella roba vecchia.

    Aspartame e ciclammato e saccarina... sono cose che vogliamo noi e allora le mettono dovunque... ma siamo così sicuri di aver bisogno di tutto quel dolce?

    Il mondo è frenetico... quanto di noi comprano farina uova e burro per fare i biscotti per la colazione? Io no. E per comprare prodotti di qualità spendo, non ci sono soluzioni fattibili. E perdo la vista nell'elenco ingredienti.

    Si, guardo moltissimo quello che metto nel piatto. Non sono una cuoca raffinata, ma la gente viene volentieri a cena da me perché cucino bene. In realtà il mio segreto è comprare le migliori materie prime e cercare di non rovinarle in cottura.

    ps. pare che uno dei peggiori dolcificanti in assoluto sia paradossalmente, il fruttosio.Definito ad una conferenza in cui sono stata da un medico pediatra dietologo, addirittura come veleno.

    PS. mi è piaciuto tanto il discorso di Vanessa C...

    Vanessa, parti e arrivi molto bene, sei brava. Ma informati attraverso tante fonti, leggi tanti articoli scientifici, non fermarti a questi siti paranoici, come disinformazione.it, eventualmente prendili come spunto, ma poi mollali... qualcosa dicon bene, ma si inventano anche panzane, ti assicuro che se hai un po' di pazienza e sai un po' di inglese, ci son tanti siti scientifici che possono chiarirti le idee. Anche se devi fare più fatica, perché lì leggi qua e leggi là, sei tu a tirare le somme.

    pps. carragenine... dici che son tossiche. Questa per me è una novità, sai di cosa son sospettate?

    Trovato sulle carragenine (E407)! http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22011715

    E' uno studio di gennaio 2012... freschissimo! Pare possano indurre il diabete... che bellezza!!

  • Anonimo
    9 anni fa

    L'ho guardato anche io. Condivido quello che dici, a me piace molto cucinare anche dolci e utilizzo sempre meno zucchero di quello che andrebbe. Cerco anche con la bambina di non usarne troppo. Ad esempio non lo metto nella frutta. Sono d'accordo con gli altri, una alimentazione varia e' la cosa migliore. E cerco di insegnarlo anche a mia figlia.

  • 9 anni fa

    io sono una persona che guarda attentamente le etichette non metto lo zucchero nel the quando faccio colazione,se faccio un dolce uso lo zucchero di canna se posso compro bio cerco di stare attenta ma non posso star dietro a tutto se vai a guardare tutto fa male se abusato anche consumare porzioni eccessive di frutta, non posso mettermi a fare tutto in casa per paura di strani complotti delle grandi multinazionali alimentari per esempio i tortellini anche avessero conservanti di dubbia sicurezza la dose sarebbe talmente bassa da essere innocua anche per una mosca se ho qualche dubbio non mi rassegno semplicemente mi affido ad un'altra marca che reputo più siura

    Ma nel frattempo che fanno ricerche cosa mangiamo?

    Io sono del parere che consumare tutto in quantità moderata minimizzi i rischi di incorrere in tumori o malattie correlate all'uso di zuccheri,coloranti ecc..anche il discorso sull'aspartame non sai numericamente quanto ce ne sia ma siccome i cibi subiscono rigorosi controlli prima di essere messi in commercio mi auguro che siano al di sotto dei livelli di sicurezza per quanto riguarda i limiti da assumere beh quasi tutti i cibi considerati sani non si possono consumare a volontà a causa degli ormoni e altre sostanze di dubbia provenienza contenuti all'interno pensa alla carne ai formaggi alle uova e a tanti altri alimenti che non vanno consumati più di due volte alla settimana non sarà proprio la stessa cosa ma i risultati a lungo termine sono gli stessi

    Purtroppo di conservanti dolcificanti e compagnia bella se ne fa larghissimo uso è difficilissimo cercare di evitarli al massimo si può scegliere il meno peggio

  • Anonimo
    9 anni fa

    Si che ci penso a quanta robaccia mangiamo ogni giorno! Ormai tutto è dannoso, io spesso leggo le etichette per vedere che ingredienti ci sono, ma le etichette la maggiorparte delle volte portano a false interpretazioni. Ci sarebbe da studiare i vari tipi di Edulcoranti, olii idrogenati, additivi e coloranti vari... Sinceramente io mi sono rassegnata, non divento matta per sapere tutta la verità... Altrimenti non mangerei più niente!

  • Anonimo
    9 anni fa

    Ma al posto di guardare report non potevi darla un po a tuo marito?

    Così non ci venivi a fare tutta sta tirata a noi!

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.