Cz5oo ha chiesto in Scienze socialiAntropologia · 8 anni fa

Da cosa dipende l'evoluzione culturale di un popolo?

Ad esempio, perché gli europei hanno sviluppato di più -tra il XII e il XX secolo- le arti, le scienze, le tecniche di guerra ecc., mentre indigeni, amerindi, indiani d'america ecc., si sono dedicati alla coscienza naturale?

2 risposte

Classificazione
  • 8 anni fa
    Migliore risposta

    Secondo me dipende dal clima. In Europa passiamo dal clima molto caldo al clima molto freddo con oscillazioni spesso imprevedibili. Questo ha portato l'uomo a dover escogitare sempre nuove strategia per difendersi dal freddo, dal caldo, dal vento, dalle intemperie ecc... Inoltre ha dovuto inventarsi metodi di conservazione dei cibi, migliorare il raccolto, l'allevamento ecc... Questo ha portato alla ricerca e realizzazione di nuove attrezzature nonchè tecniche di sopravvivenza.

    L'uomo deve essere sempre all'erta, fare tesoro del passato e pianificare il futuro.

    Imparare dall'esperienza degli altri e condividere la conoscienza.

    In questo modo la cultura ha cominciato a svilupparsi ed evolversi.

    Nei paesi con in clima costante, non ci sono troppe necessità. Una volta che si sono imparate le tecniche di sopravvivenza che sono uguali per tutti, il resto del tempo lo si passa a socializzare e magari conoscere ciò che ti sta intorno.

  • 8 anni fa

    forse non hai notato che i cosiddetti selvaggi involuti stanno tutti intorno all'equatore cioè zona tropicale dove le persone che vivono lì non devono fare eccessiva fatica per la sopravvivenza, non hai nominato l'africa ma è lo stesso problema non c'è competizione fra i popoli che vivono lì, e c'è anche un uso di droghe che è endemico e fa parte dgli usi e costumi locali, e se le religioni sono l'oppio dei popoli la droga è la sua tomba ! anche i nostri giovani stanno seguendo il fascino delle droghe e li vedete da voi come sono ridotti !

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.