Unione Monetaria: vorrei capire....?

- se l'Italia esce dall'€, la svalutazione della nuova moneta renderà i debiti insostenibili e saremo morti

- se l'€ crolla per cause elelniche, si svaluterà tutta l'Europa e noi saremo i primi ad essere colpiti dalla speculazione ed in breve tempo, saremo morti

- se l'€ tiene dovremo vivere qualche decennio di stenti, con stipendi non adeguati al costo della vita e con una pressione fiscale tale da rendere le nostre merci non competitive, la contrazione del PIL non potrà essere arrestata, saremo morti...

ma chi c@zzo ha deciso che fosse per forza necessario infilare l'Italia in questo vespaio?

Aggiornamento:

@francesco F: cambia soggetto, ormai non riesci più a trolleggiare in modo decoroso

Aggiornamento 2:

@duman: conoscendo il tuo fanatismo idiot@, faccio finta di ignorare il tono sprezzante

non sostengo la necessità di politiche iperinflazionistiche, ma tra iperinflazione ed ipervalutazione c'è una giusta via di mezzo, mi sembra...

se aprissi gli occhi ed uscissi dalle cantine di botteghe oscure, vedresti che non sono solo 4 i paesi in difficoltà; in realtà è tutto l'indotto produttivo europeo che arranca. da dieci anni a questa parte, il comparto produttivo europeo va svuotandosi, stiamo diventano semplici distruttori finali di prodotto

ma tanto che te lo dico a fare? non hai una testa tua per raguinare, sei solo una marionetta...

ps: per quello che conta, mi sa che ho più lauree di te

Aggiornamento 3:

@nexus:

escludiamo pure la prima ipotesi

nella seconda ipotesi, si prevede il crollo del 50% del Pil greco, del 25% del pil tedesco; viene stimata inoltre una spesa procapite pari a 11500€ per italiano il primo anno, e di 6-8000€ negli anni successivi

nella terza ipotesi, continueremmo a lavorare con la pressione fiscale più elevata al mondo, annullando totalmente il vantaggio della moneta forte sulle importazioni; al di là della continuazione del crollo dei consumi che osserviamo già oggi, il prodotto italiano perderà progressivamente competitività anche sui mercati internazionali; nel giro di pochi mesi, avremmo un florilegio di competitors a prezzi inarrivabili per noi...

stima mia: un anno e mezzo per sfondare la soglia del 20% di disoccupazione

altra stima mia: correzione previsioni a settembre 2012: Pil 2012 -2%, Pil 2013 -0,5%

segnati le mie stime, ne ridiscutiamo fra un anno...

7 risposte

Classificazione
  • 9 anni fa
    Risposta preferita

    L'Unione Europea (con la Germania in testa) usa l'arma terrorismo verbale per preservare la propria esistenza.

    E' interessante guardare a ciò che succederà in Grecia , paese che è ormai allo stremo da queste misure di austerità e nel quale queste minacce ormai fanno solo l'effetto contrario di allontanare sempre più i greci dall'euro. Ed è li che si vedrà se i catastrofisti avran ragione oppure no.

    E' chiaro che chi avrà titoli greci rimarrà con della carta straccia in mano ma ancora non è chiaro se davvero le cose per i greci possano diventare ancor peggio di quanto lo siano ora. Ed è su questo punto che l'Ue si gioca la sua credibilità e rischia di crollare per le conseguenze di un effetto domino che può investire anche gli altri paesi dell'unione europea come Portogallo, Irlanda, Spagna e Italia

    @@@La notizia degli 11.000 euro all'anno che ogni cittadino europea perderebbe a testa sta circolando in rete e più che paura mi fa sorridere. Mi è venuto in mente un mio amico che vive con 270 euro al mese di pensione di invalidità e che non viene più nemmeno al bar perchè non ha nemmeno i soldi per la benzina o per comprarsi un caffè. Allora mi è venuto da pensare questa domanda:

    Ma dove glieli prendono a lui gli 11.000 euro????

  • 9 anni fa

    Gli Stati Uniti possono permettersi di non pagare il loro debito, se richiesto? SI, perché la loro è la moneta di riferimento del mondo e se crollano loro crollano tutti; SI perché altrimenti spingono un bottone e ti fanno saltre in aria.

    Quindi gli USA campano alle spalle del Mondo esporatando e imponendo agli altri i loro problemi

    L'Europa può fare altrettanto? NO, se manca una altrettanta paragonabile forza monetaria e di persuasione.

    In termini di scontro di Capitale tra aree del mondo la questione sta qui.

    Come intende il Capitalismo europeo rispondere a questo?

    Rafforzando e concentrando il Capitale in poche mani, omogenizzando le economie dei paesi membri (fiscal compact).

    Il che significa distruzione delle imprese piccole e medie come entità indipendenti, creazione di uno strato di lavoratori attivi mal pagati e ricattabili da uno strato di lavoratori inattivi mantenuti con la carità di stato. Ovvero quello che si chiama processo di proletraizzazione dei ceti medi.

  • 9 anni fa

    Naturalmente per farti capire e per risponderti in modo preciso e coerente ci vorrebbe come minimo un economista.

    Tuttavia possiamo dire

    > che la tua prima opzione non è neanche da prendere in considerazione

    > se la Grecia crolla ed esce dall' euro chi ti ha detto che si debba svalutare in tutta europa....è una tua personale ipotesi?

    > se l'euro tiene, come speriamo tutti, penso, dovremo vivere una vita al di sotto del livello dal quale siamo vissuti sino ad ieri, ma da qui agli stenti come dici tu ce ne passa....

    Vorrei ricordarti, infine, che non ce la passavamo bene neanche prima dell'euro.

  • Anonimo
    9 anni fa

    Tu antani scommetto che sei un piccolo, piccolissimo imprenditorino evasore fiscale, totalmente digiuno di economia e probabilmente sprovvisto anche di qualsiasi titolo di studio, sbaglio?

    Provo a spiegarti ma tanto non capirai, perché non sai niente di economia, oppure negherai e insulterai. Ma ci provo vediamo un po' se serve. Prima dell'euro, gli svantaggi di competitività (derivante da scarsa istruzione scientifica, assenza di riforme, burocrazia e stato mastodontici, classe politica di m3rda e ladra) tra Paesi erano nascosti dalla SVALUTAZIONE. La svalutazione per un po' aumentava la competitività ma poi l'inflazione dei prezzi si mangiava il vantaggio ed eravamo da capo. Quindi,la svalutazione faceva si che in Italia l'inflazione girasse a 2 cifre negli ultimi 40 anni, così era una continua rincorsa tra svalutazione, inflazione, svalutazione, inflazione ecc. I continui cambiamenti dei prezzi e l'inflazione a due cifre oltretutto provocavano coninue distorioni r nei cambi endendo difficile il commercio intra-europeo con un elevato rischio di cambio. Per questo venne fatto l'euro, il fatto che con la lira si stava meglio era solo una PIA ILLUSIONE dovuta alla svalutazione e alla spesa pubblica galoppante che inondava di denaro gli italiani a pioggia, ma il debito cera del 120% del PIL negli anni 90 per cui la festa sarebbe finita anche senza l'euro tutto il casno di oggi ci sarebbe stato ugualmente e anche molto peggio. Voi mischaite 2 cose che per coincidenza sono avvenute insieme mettendone insieme cause ed effetti, perchè siete 1GNORANTI.

    STUDIATE. STUDIATE ECONOMIA.

    Ma vi chiedete mai perché i seguenti paesi con l'EURO: Germania, Francia, Olanda, Belgio, Finlandia, Lussemburgo, Slovenia, Estonia, Irlanda (dopo la fine dei casini bancari)ecc. ............stanno bene e solo 4 paesi (Grecia, Italia, Spagna, Portogallo) vanno male?

    Sono tutti paesi schaivizzati da cmplotti dei massoni e dei poteri forti che ci volgiono male ecc.(le caxxate di Grillo) tranne noi? Ci vogiono tutti male e siamo Ma dai

    L'euro, e forse almeno questo lo hai capito tu, ma non tanti ment3catti grillini e berluskini, se non ci fosse, pagheresti la benzina 20.000 lire al litro.

    MA NON E' SEMPLICEMENTE VERO QUELLO CHE DICI.

    Non tutti arrancano e di sicuro molti paesi vanno meglio oggi di 10,20 anni fa. Guarda solo i dati della Germania e Francia degl anni 90 sono peggiori di quelli dell'apice della crisi avevano disoccupazione al 12%

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Linus
    Lv 5
    9 anni fa

    Speriamo si verifichi la terza ipotesi. Qualsiasi congettura che si fa in questi momenti difficili pecca per forza di pessimismo e forse impedisce di essere obbiettivamente realisti.

    L'Italia è un grande paese pieno di risorse inespresse, anzi represse.

    Si recuperino le centinaia di miliardi dovuti alla grande evasione fiscale, alla corruzione, agli sprechi, ai privilegi e i soldi per tagliare le tasse e far ripartire i consumi si troveranno. Sembra di ripetere un mantra, ma è così, non prendiamoci in giro.

    Però è la politica che deve dare un senso a tutto. Questa sua incapacità è il problema maggiore, ancor più dell'euro periclitante.

  • 9 anni fa

    Ho letto diverse spiegazioni sull'unione monetaria, tutte logiche ma nessuna che facesse individuare l'unione monetaria come un passo per l'unione politica.

    La cosa che solo i sognatori presero in considerazione forse potrebbe essere una delle possibili soluzioni per uscire dal vespaio. Ma forse impossibile con tutti gli attuali paesi.

    Adesso, qualunque decisione decidano di prendere (Eurobond, doppia velocità o altro), spero solo che la prendano presto.

    A metterci nel vespaio è stato il sistema economico-politico che è oramai da rinnovare.

  • 9 anni fa

    Chi lo ha deciso? Il governo di sinistra (prodi)

    Perchè? (interessi politici e non economici come ci fanno credere)

    Vantaggi? Farci "amici" la germania e la francia

    Svantaggi? Tantissimi.. Tutti questi nuovi organismi che stanno nascendo x aiutare paesi in difficoltà (come è stato x il caso greco) non aiuteranno mai altri paesi come l italia a sollevarsi un po dalla crisi..

    Ricorda i PIIGS .. Portogallo italia irlanda grecia spagna.. Fatti un calcolo e vedi che fine faremo.. Ciao ciao

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.