Enzo ha chiesto in Casa e giardinoGiardinaggio · 9 anni fa

i concimi sono uguali? o meglio generico o specifico?

salve ragazzi, concimare con concimi generici o specifici una determinata pianta è la stessa cosa o ogni pianta vuole esclusivamente il suo concime ???e quindi non accetta quello generico?? grazie

Aggiornamento:

servirebbe x delle rose e geranei

6 risposte

Classificazione
  • ?
    Lv 6
    9 anni fa
    Risposta preferita

    Se non hai problemi di soldi certamente vanno meglio quelli specifici, ma sai quanti sacchetti devi tenere? Solo tu puoi giudicare in base al numero di piante o fiori che hai.

  • Anonimo
    9 anni fa

    Un buon concime e' la cacca di muccaaa

    Fonte/i: Cacca
  • 9 anni fa

    Per una pianta in vaso usa l'osmocote , per le piante in terra dipende , l' azoto serve per insalate e cavoli e per tutto ciò che è erbaceo ,il potassio per i frutti e radici , e basta darne poco altrimenti s' inaridisce la terra fai conto un cucchiaino per pianta di pomodoro spargendo intorno a 10 cm dalla pianta e così per tutto.

  • Marty
    Lv 4
    9 anni fa

    http://digilander.libero.it/cacti/concimi.htm vai qua

    I concimi

    Quando si parla di concimi, si intendono, salvo eccezioni, prodotti che contengono azoto in varie forme (simbolo chimico: N), anidride fosforica (simbolo chimico: P2O5) e ossido di potassio (simbolo chimico: K20).

    In realtà, i concimi non contengono azoto elementare, che è un gas, né anidride fosforica o ossido di potassio, sostanze caustiche che, al contatto con l'aria umida, si trasformano, rispettivamente, in acido fosforico e potassa caustica. Si tratta invece di derivati di tali sostanze, la cui quantità viene espressa convenzionalmente come azoto, anidride fosforica o ossido di potassio.

    Che cosa si intende per "titolo" di un concime

    Il titolo di un concime indica, in chilogrammi (kg) per ogni 100 kg di peso, la quantità di elementi fertilizzanti che esso contiene. Per esempio, un quintale di concime con titolo 10-15-30 contiene 10 kg di azoto, 15 kg di anidride fosforica e 30 kg di ossido di potassio. Per le nostre piante è bene adoperare concimi a basso titolo di azoto, un titolo di anidride fosforica che sia il doppio di quello dell'azoto e un titolo in potassio superiore a quello dell'anidride fosforica. Naturalmente per le succulente fogliari e per le euforbie si adotteranno concimi con contenuto di azoto superiore. Nel caso in cui nel concime dovesse essere assente uno dei tre elementi fondamentali, il suo titolo sarà ovviamente zero. Il binario 25-10, per esempio, contiene 25 parti per cento di azoto e 10 di fosforo (come anidride fosforica) e sarà privo di potassio.

    Quando e come si usano i concimi

    I modi di somministrazione dei concimi dipendono essenzialmente dalle esigenze delle piante e delle caratteristiche del terriccio, anche in rapporto al periodo di annaffiamento.

    Concimazione dei terricci

    Essa si può effettuare al momento della preparazione del terriccio per arricchirlo la prima volta. Le concimazioni successive si possono effettuare per annaffiatura, sciogliendo gli elementi nutritivi in acqua. Una soluzione fertilizzante adatta per le piante succulente può essere ottenuta sciogliendo in un litro di acqua 1 grammo di nitrato di potassio (KNO3) e 1 grammo di fosfato monopotassico (KH2PO4). Questa potrà essere somministrata già in occasione della seconda annaffiatura. che avverrà, in linea di massima, nel mese di Aprile, e sarà ripetuta ogni 15 giorni circa fino alla fine di Agosto.

    Fertilizzanti organici di maggior impiego

    Cornunghia - Azoto 10-15%; fosforo, potassio e microelementi in tracce. Il concime è prodotto con i residui della lavorazione delle corna e delle unghie degli animali. Poiché gli stessi vengono sottoposti a torrefazione, con l'impiego della cornunghia non sussiste il pericolo di fermentazioni nel terriccio.

    Letame essiccato - E' formato dalle deiezioni solide e liquide degli animali allevati, mescolato a materiali vegetali. La sua azione, di solito, non si esaurisce in un solo anno ma si protrae nelle annate successive, sia pure con efficacia decrescente.

    Sangue secco - E' un prodotto di impiego frequente, soprattutto in floricoltura, e presenta un certo interesse come fonte di azoto a lenta cessione. Contiene, inoltre, piccole quantità di ferro.

    Integratori

    Gli integratori sono concimi complessi ad alta concentrazione, solubili in acqua. Ne esistono alcuni che possono essere utilizzati in luogo di qualunque altro tipo di concime, contenendo essi, in forma bilanciata, anche tutti i microelementi indispensabili per uno sviluppo ottimale delle piante. Oltre agli elementi principali (N, P, K) nelle proporzioni giuste per le piante grasse (titolo: 6-15-25), sono presenti il magnesio, il boro, lo zinco, il ferro e altri.

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 9 anni fa

    ciao,

    usa stallatico in granelli e sarai tranquilla per sempre.

    Servirebbero concimi ricchi di azoto e fosforo per i soli fiori. Il Potassio va bene per i frutti e gli ortaggi.

    ciao...sergio

  • 9 anni fa

    Tutti siamo uguali a Dio, Lui non fa distinzione

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.