promotion image of download ymail app
Promoted
Saverio ha chiesto in Casa e giardinoGiardinaggio · 8 anni fa

Un consiglio sul giardinaggio?

Salve, ho un benjamin che dall'inizio di quest'inverno ha fatto tutte le foglie gialle (secche), quindi ho provato a metterci del concime e dell'acqua ogni settimana. Circa una settimana fa, non vedendo risultati ho deciso di comprarne un'altra ma proprio questa mattina ho notato 2 foglie verdi (le foglie sono nate direttamente dal "tronco principale" e non dai rami ormai secchi). Ho staccato tutte le foglie secche (le ho staccate manualmente perchè ho notato che non cadevano da sole anche dopo mesi). Ora l'alberello è spoglio (a parte quelle due foglie verdi). Cosa dovrei fare oltre ad aspettare? Devo tagliare il rami secchi?

Grazie in anticipo!

P.S. La pianta si trova in un vaso fuori al mio balcone (2 mesi fa ho cambiato il terreno).

1 risposta

Classificazione
  • Anonimo
    8 anni fa
    Risposta preferita

    Sicuramente in casa ha superato i 30° c, o ha avuto una esposizione in pieno sole ( ricordati che mettendolo nel balcone oltre al sole che scalda , devi considerare anche i muri e il pavimento che riflettono il calore facendogli percepire alla pianta più calore) o addirittura a preso troppo correnti d'aria , il Benjamin d'estate va innaffiato ( a doccia ) due volte a settimana e in inverno va messo all'interno della casa e va innaffiato ogni 10/15 gg. Hai travasato questa primavera la pianta? Ci sono delle radici che escono dalla terra?

    prova a rinvasarlo in un vaso di terracotta leggermente più grande del precedente ( c'è il caso che le radici non trovavano più spazio ) con un terriccio tenero e aggiungici nell'acqua dell'innaffiatura ( a doccia ) del concime liquido per piante verdi con Azoto (N), Fosforo (P) e Potassio (K) e che tra questi l'Azoto sia in "maggiore quantità" che abbia anche i "microelementi" quali il Ferro (Fe), il Manganese (Mn), il Rame (Cu), lo Zinco (Zn), il Boro (B), il Molibdeno (Mo. Il terreno deve essere sempre umido e non secco.

    elimina le foglie secche e taglia i rami secchi a due centimetri sopra da un precedente getto ma in obliquo e accertati che siano secchi .

    Adesso per farla riprenderla posiziona la pianta in casa e che non tocchi il muro , assicurati che abbia luce ma non quella diretta del sole e attenzione alle correnti d'aria e al troppo calore . Fai attenzione a non metterla sotto a un condizionatore acceso e non fargli prendere la temperatura bassa rischi la morte della stessa .

    qui ti do dei consigli come fare a mantenere bene in salute la pianta . Ciao Matteo

    Essendo per la maggior parte piante di origine tropicale o subtropicale, il Benjamin vive bene in ambienti molto luminosi ma non gradisce la luce diretta del sole. Solo il Ficus lyrata richiede una minore intensità luminosa. In genere ama il caldo e non soffre se la temperatura raggiunge i 30°C; solo il Ficus elastica non gradisce temperature superiori ai 24°C. Quando è possibile sarebbe opportuno, d' estate, trasferirla all' aperto, in un luogo riparato dalle correnti d' aria e non al sole diretto ma in un luogo ombreggiato. Nel periodo estivo si innaffia circa due volte alla settimana, mentre in quello autunno-invernale è sufficiente bagnare ogni 10-15 gg. Sono piante che temono il secco, per cui sarà opportuno nebulizzare le foglie ogni 20-25 gg circa con acqua leggermente tiepida e possibilemente non calcarea che potrebbe lasciare fastidiosi depositi sulle foglie. In ogni caso non usare mai acqua troppo fredda ed evitare che ristagni nel sottovaso per evitare la marcescenza delle radici. Per garantire una buona umidità si può sistemare il vaso su di un sottovaso dove avrai sistemato dell'argilla espansa dove sarà costantemente presente un filo d'acqua che evaporando garantirà un ambiente umido al tuo Ficus. Il ficus si rinvasa in primavera e solo quando la pianta mostra di soffrire in un vaso diventato troppo piccolo (le radici fuoriescono dal foro di fondo). Il terriccio deve avere come caratteristica primaria quella di essere soffice, poroso e ben drenato e con ph=6 quindi leggermente acido. Si può utilizzare un terriccio torboso, di cui almeno una parte su quattro è bene che sia costituita da terriccio di foglie.E' molto importante assicurare un buon drenaggio in quanto i Ficus non tollerano in alcun modo i ristagni idrici. Abbia l'accortezza pertanto di sistemare sul fondo del vaso del materiale grossolano quale ghiaia, argilla espansa e pezzi di coccio che garantiranno il rapido sgrondo delle acque in eccesso. E' bene ricordarsi di non tagliare mai le radici aeree (ad esempio del Ficus elastica) e di sorreggere sempre il fusto con dei tutori, meglio se di bambù. Per il ficus si usa un concime liquido, opportunamente diluito nell' acqua d' irrigazione, ogni 15 gg in primavera- estate ed una volta ogni 2 mesi in autunno-inverno.

    Per tutte le piante verdi, vale a dire per quelle piante che sviluppano molte foglie, è preferibile usare concimi che abbiamo un titolo abbastanza elevato in Azoto (N) che favorisce appunto lo sviluppo delle parti verdi. Accertati pertanto che oltre ad avere i cosiddetti "macroelementi" quali Azoto (N), Fosforo (P) e Potassio (K) e che tra questi l'Azoto sia in "maggiore quantità" che abbia anche i "microelementi" quali il Ferro (Fe), il Manganese (Mn), il Rame (Cu), lo Zinco (Zn), il Boro (B), il Molibdeno (Mo), tutti importanti per una corretta ed equilibrata crescita della pianta.

    Un consiglio: diminuisci leggermente le dosi rispetto a quelle riportate nella confezione in quanto sono sempre esagerate e tra l'altro, se rinvasi con un buon terriccio ogni 2 anni, dai alla tua pianta una buona scorta di base di elementi nutritivi.

    Fonte/i: il giardiniere del mio palazzo
    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.