Lavori in terrazza. Se l'altro condomino si rifiuta?

Avrei bisogno di chiarirmi le idee su una questione...

In una palazzina di due piani ci sono evidenti e abbondanti perdite provenienti dalla terrazza; si rende necessario fare dei lavori di impermeabilizzazione, ma uno dei due proprietari si rifiuta tirandosi totalmente fuori dalla questione.

"la faccenda non mi riguarda"

Come si può fare ad indurlo a pagare la quota che gli spetta secondo i millesimi e quindi a contribuire ai lavori?

Inoltre, in caso di eventuali danni a persone e cose derivanti dalle perdite, a quali problemi legali andrebbe incontro la persona che si rifiuta e a cui è stato inviato il preventivo?

(dimostrazione della chiara volontà dell'altro condomino di procedere)

Aggiornamento:

La terrazza funge da tetto ma è in uso esclusivo

1 risposta

Classificazione
  • onox
    Lv 7
    8 anni fa
    Risposta preferita

    Se la terrazza funge da tetto rientra nella proprietà comune e qualsiasi lavoro di manutenzione va pagato in base alle quote condominuali. Se la terrazza funge da tetto ma è in uso esclusivo, i lavori di manutenzione vengono pagati per 1/3 dal condomino che ne ha l'uso esclusivo e la parte restante in quota condominiale. Non ci può essere rifiuto a pagare ma il pagamento è d'obbligo, e in caso di rifiuto se il lavori hanno caratteristica di urgenza, si può chiedere una ingiunzione esecutiva al tribunale. Per i danni da infiltrazione d'acqua ci dovrebbe essere una assicurazione rc sul fabricato, in mancanza paga il condominio.

    ===

    se in uso esclusivo vuol dire che 1/3 dei lavori è a suo carico, e il restante viene pagato in base ai millesimi. Il vicino è obbligato a eseguire i lavori e pagare la sua quota in caso di non collaborazione puoi chiedere una ingiunzione al tribunale per l'esecuzione dei lavori e pagemnto dei lavori

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.