L'ossessione di essere madri perfette rende "cattive madri"?

Sabato sera ho conosciuto una donna sulla 40ina che,dopo 3 aborti,ha avuto un bimbo appena 10 gg dopo di me,che ha quindi 10 mesi.Forse perchè non ha molta possibilità di confrontarsi con altre mamme,non so,mi ha letteralmente fatto il terzo grado sulle abitudini di mio figlio per confrontarle con le abitudini del suo (già lo trovo sbagliato ma cmq..)

Vi faccio 3 esempi per farvi capire il tipo: 1)c'erano 35 gradi,mio figlio in maglietta e pantaloncino senza body,suo figlio con body,camicia e maglia a manica lunga,avvolto nel passeggino con lenzuolo e coperta di cotone,il bambino trasudava sudore da tutti i pori e lei dice"ho paura che si raffreddi". Peccato che così al primo colpo di vento lo ammazzi!! 2) mio figlio mangia la pastina da più di 3 mesi e dall'alto dei suoi 4 denti mastica,come può. Lei non ha mai fatto assaggiare la pastina a suo figlio,che mangia ancora esclusivamente crema di riso (ha 2 denti) O.o 3) ultimo esempio che ho potuto vedere coi miei occhi,ogni volta che il bambino prova a esprimersi con un verso lei gli tappa la bocca col biberon di latte perchè ha il terrore che abbia fame,io a 10 mesi lo trovo fuori luogo,per non dire ridicolo!!

Ha ammesso lei stessa di essere "asfissiante" col figlio perchè dopo 3 aborti è stato desideratissimo e vuole essere una madre perfetta,ma a me è sembrato che non gli stia dando la possibilità di crescere come si deve,altro che perfezione!!

Io mi sono fatta i fatti miei e non mi sono espressa,ma mi sono chiesta come sia possibile arrivare a essere così ossessionati..è possibile che l'ansia oscuri del tutto il buon senso? E' possibile vivere la maternità con questi stati d'animo,con l'angoscia e la paranoia onnipresenti?

Credete anche voi che più si vuol essere perfetti e più si sbaglia,andando ovviamente a discapito del bambino?

Aggiornamento:

Sabato l'ho vista per la prima volta,non volevo si sentisse giudicata (male,lo ammetto) da una perfetta estranea.Ho risposto a tutte le sue domande rimarcando la differenza abissale di comportamento tra me e lei ma senza dire "stai sbagliando",spero se ne sia resa conto da sola almeno un pò. In ogni caso la rivedrò di sicuro e prendendo confidenza sarò più chiara.

Anche io mi sono chiesta cosa racconti al pediatra quando lo vede e mi vien da pensare che gli racconti un sacco di balle per non essere "rimproverata".

Aggiornamento 2:

No Brain aspetta è solo una mia supposizione,non è detto che sia vero anche se onestamente non me la spiego diversamente!

16 risposte

Classificazione
  • 8 anni fa
    Risposta preferita

    Anch' io ero così. Dopo varie visite mi ero sentita dire che non avrei mai potuto avere figli e poi invece è arrivato il mio cucciolo, così , senza che nessuno capisse come, non ti dico che miracolo è stato !! penso che non sia l'ossessione di essere madri perfette, bensì il contrari, l'ossessione di essere madri incapaci :"non ho avuto gli altri bimbi perché non li meritavo ...oppure :"questa è la mia possibilità ,non posso sprecarla.

    In una cosa hai fatto male, dovevi dirle quello che pensavi, dove secondo te stava sbagliando, nel confronto, nelle domande, stava cercando quello.

  • Anonimo
    8 anni fa

    Non lo so io credo che se una di base il buon senso ce l'ha sia difficile oscurarlo! Cioè anche il fatto di coprirlo,puoi essere ansiosa quanto vuoi,ma i bambini sono esseri umani come noi,non strani mutanti o alieni. Se ci sono 35 gradi e tu adulto stai in shorts e canottiera e lo stesso schiatti di caldo,perchè un bambino lo devi imbacuccare? sarà iperprotettiva e ansiosa di sicuro,ma di base secondo me non c'è un grande acume.

    A me sono capita mamme,che appunto trattano i bambini come se appartenessero ad un'altra specie..mi sono sentita chiedere:" ma secondo te lo devo coprire/scoprire?", cioè ma non so,la senti su di te la temperatura atmosferica?

  • 8 anni fa

    Credo di condividere quanto dici.

    Vivere con tranquillità senza ossessioni è il miglior modo per stare bene con se stessi e per dare educazione a un figlio. L'atteggiamento di un genitore poi va a plasmare inevitabilmente il "carattere" o meglio l'atteggiamento del proprio figlio crescendo.

    Hai fatto bene a tenere la bocca chiusa, in fondo è giusto che impari dai suoi errori. Se la rivedi magari cerca di farle capire dove Secondo te sbaglia ma in modo indiretto. Vedere come altre mamme crescono il proprio figlio le farà bene.

    Ciao

  • 8 anni fa

    Trovo che questa storia sia molto triste.

    Questa donna non ha capito due cose fondamentali.

    La prima è che la perfezione non esiste e così facendo sarà solo una donna infelice.

    La seconda è che se proprio vogliamo cercare di fare del nostro meglio, il meglio sta nell'equilibrio, non nell'affermazione di un eccesso. Per farti capire. Meglio è valutare la temperatura e vestite il bimbo adeguatamente, non metterlo nudo ai primi caldi oppure lasciarli il cappotto con 40 gradi. Questi sono due eccessi che certamente non sono perfezione, e nemmeno il meglio in quel momento.

    E' tutto molto triste, soprattutto per la donna che ha un evidente disagio ed avrebbe bisogno di aiuto immediato da parte di uno psicologo per risolvere i suoi problemi: si sente fallita come donna e come madre perchè non è riuscita a portare a termine tre gravidanze. E' un grave errore pensarla così, ma lei pensa questo. Ed avrebbe bisogno di aiuto.

    condivido quello che dice Lodovica.

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 8 anni fa

    Ognuna di noi ha un modo diverso di essere mamma, ma certo

    coprendolo all'inevrosimile con questo caldo non sarà per questo una madre migliore, nè tantomeno dandogli ancora la crema di riso o dandogli il biberon ad ogni minima apertura di bocca...

    ho conosciuto una mamma così .. due aborti, primo figlio a 42 anni: il piccolo ha l'età della mia quasi 4 anni... all'inizio dell'anno veniva aancora a scuola in passeggino con ciuccio biberon e copertina di winnie pooh.

    Grazie all'aiuto della maestra e della pediatra se le vedi oggi è un altro bambina, la mamma è riuscita - ripeto grazie all'asilo e alla pediatra in consultorio - ad aprire se stessa e togliere suo figlio da sotto la campana di vetro...

  • LaSi
    Lv 6
    8 anni fa

    Guarda ho una vicina con una figlia che ha finito la prima media ora, quindi 12 anni quasi...ancora non la manda a letto da sola, la accompagna, e se dopocena stiamo tutti in cortile a chiacchierare, lei se c'è la figlia a letto non scende.

    E mi guarda male, io che metto a letto il pupo, accendo il baby monitor e portando con me il ricevitore scendo tranquillamente un paio d'ore!!!

    Se questa non fa 17 gradini (perchè abitiamo al primo piano proprio sul cortile) con la figlia di 12 anni, pensa a come poteva essere quando la figlia aveva 12 mesi!!!

    Quindi si, probabile che l'ansia, la paura, giochino brutti scherzi.

    Peccato che però a volte si ottenga il contrario.

  • io
    Lv 6
    8 anni fa

    io ho un'amica con un bimbo di 13 mesi, la mia ne ha 9 mesi più di lui...

    e anche lei da solo pappette al piccolo, niente di solito (poverino... ha solo 2 denti -dice lei- ma con le gengive mastica che è una meraviglia!!)!

    questo povero bimbo è un tontolone... gattona a malapena (ha iniziato da un mesetto perchè lei non lo lasciava mai sul pavimento), pensa che ancora gli ciondola la testa a volte...

    eppure lei è più giovane di me di 2-3 anni, e questo figlio è arrivato al primo tentativo....

    ogni 3 per 2 è malato, quest'inverno l'avrà portato in ps non so quante volte per tosse o raffreddore........

    pensa che è andata in ps anche per le colichette......

    bah..... come il bimbo della tua conoscente è sempre stra-coperto........ (e chissà perchè si ammala.....)

    però, come te, mi sono sempre fatta i fatti miei, se mi chiede consigli glieli do, ma non è che impongo le mie opinioni.....

    che dire..... credo che tu abbia ragione!

  • Anonimo
    8 anni fa

    povero bambino, credo che questa mamma abbia dei problemi abbastanza seri di apprensione verso il figlio.

    non credo che lei voglia essere una "mamma perfetta", non mi sembra quello l'atteggiamento. mi sembra piuttosto che il figlio sia diventato per lei un vero e proprio ricettacolo dove riversare le proprie ansie e paure.

    ma il problema è che tu non sei una sua amica o una persona che ha abbastanza intimità con lei da poterle dire alcunchè. sono d'accordo con quanto dice Lodovica:lei cercava un confronto assillandoti con quelle domane perchè insicura, ma dato che tu per lei sei poco più che un'estranea se le dicessi realmente come la pensi rischieresti di trovare una barriera. difficilmente le mamme accettano consigli o critiche su come accudire i propri figli.

    se proprio vuoi impegnarti in questa vicenda, e sappi che potrebbe essere un'impresa ardua, l'unica cosa che puoi fare è cercare di prendere un pò di confidenza con lei, e magari, una volta ottenuta, confrontarti il più possibile, senza criticarla o giudicarla, ma lasciando che si renda conto da sola che i bambini stanno benissimo anche a maniche corte con questo caldo, e che magari non hanno fame a tutte le ore.

    potresti spingerla a provare facendole vedere i due bimbi insieme mentre giocano: il tuo bimbo fa fatica a muoversi, proviamo a togliere questo...il bimbo si lamenta: ma no, guarda vuole dirci qualcosa!...e via dicendo

    potresti anche convincerla a rivolgersi ad un consultorio o a qualche struttura in cui danno supporto alle madri. non dico proprio supporto psicologico, magari anche solo uno di quei gruppi in cui si organizzano attività di gruppo con le neomamme. in questo modo potrà confrontarsi con persone esperte e con altre mamme, e magari si accorgerà dell'assurdità di tante sue preoccupazioni e dei suoi errori. ad esempio potresti dirle: sai, mi stavo interessando a questo gruppo per andare col mio bimbo, ti piacerebbe venire con me?

    è un'idea, spero ti sia utile

  • 8 anni fa

    ed io che credevo di essere una mamma apprensiva....

  • Anonimo
    8 anni fa

    se le mamme si comportano in questo modo, i ragazzi si sentono in gabbia, quindi o c'è la possibilità che non siano mai felici, che vivano per sempre in una "bolla", o che diventino dei teppisti, per ribellarsi all'educazione della madre,che gli sta col fiato sul collo

    . bisogna dare fiducia ai bambini, lasciare che facciano anche loro i propri errori e stargli addosso il dovuto, per il loro bene. chi è troppo opressivo non fa che del male ;)

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.