Variazione di pressione lungo un condotto?

Salve a tutti....sono uno studente di medicina alle prese con la dinamica della circolazione. Studiandola mi ha portato ad un dubbio che fondamentalmente è di pertinenza fisica. Immaginiamo di avere un condotto con alle due estremità una differenza di pressione. Questa differenza di pressione in realtà dovrebbe crearsi a causa della perdita di carico che si ha lungo il condotto a partire dalla spinta data dalla pressione iniziale. Quindi se da un lato c'è una pompa che dà una spinta di 100 mmHg, questa pressione cala man mano che il fluido procede lungo il condotto. Quindi abbiamo --> DP= R(resistenza)* Q(flusso, o portata)

Ma se modifico la pompa in modo che dia una spinta maggiore, di conseguenza la pressione a monte diventa più alta di 100 mmHg, e questa pressione, come prima, scenderà man mano.

Il flusso (mantenendo R costante) in questo secondo caso non è aumentato? Ma se è aumentato, la differenza di pressione dovrebbe essere cmq rimasta sempre la stessa (dato che la perdita di carico è proporzionale alla pressione iniziale)...

In questo modo però la formula DP= R*Q non è rispettata...

Spero che ci sia qualcuno in grado di aiutarmi...

1 risposta

Classificazione
  • Donato
    Lv 5
    8 anni fa
    Risposta preferita

    se aumenti la differenza di pressione aumenterà la portata che circola fino a quando questa non produce una perdita di carico pari alla differenza di pressione prodotta dalla pompa

    la perdita di carico è proporzionale alla portata nel flusso laminare e al quadrato della portata nel flusso turbolento

    nel tuo caso, credo che il sangue sia in moto laminare

    quindi ricorda

    Dpressione pompa > perdita di carico -> aumenta le portata

    Dpressione pompa < perdita di carico -> dimiuisce le portata

    Dpressione pompa = perdita di carico -> portata costante

    Fonte/i: io, ingegnere
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.