Pompa di calore acqua/acqua per riscaldamento con pozzo?

Salve, stavo valutando la possibilità di mettere una pompa di calore acqua/acqua Aermec per riscaldamento/raffreddamento con ventilconvettori. Ho un pozzo, quindi l'acqua la prenderei da li, con temperatura costante in inverno intorno ai 10 gradi e d'estate di circa 12. Vorrei integrare il tutto con un impianto fotovoltaico e un piccolo impianto solare termico che d'estate mi servirebbe per l'acqua calda sanitaria.

Il confronto vorrei farlo con una caldaia a pellet, ovviamente dimensionado l'impianto fotovoltaico in maniera opportuna per entrambi i casi..

Capisco che le variabili in gioco sono moltissime, ma mi basterebbe sapere, dato che ci sono pochissime persone che l'hanno, se questo tipo di PDC funziona "accettabile".

Grazie!!!

Aggiornamento:

In realtà questa soluzione l'ho pensata io. A casa purtroppo non c'è ne metano ne gpl (dovrei mettere le bombole), di conseguenza l'unica alternativa è una caldaia/stufa a pellet/biomassa o termocamino. Dato che il termocamino l'ho avuto 20 anni ma ora è andato, e come esperienza non mi è piaciuta, volevo cambiare. Il fotovoltaico l'andrò sicuramente a mettere, cosi come il termico. Quello che cambia è PDC o caldaia? in questo caso cambia il dimensionamento del fotovoltaico dato che mi serve più energia elettrica. Il calcolo dei costi l'ho fatto, per il fotovoltaico, grazie agli incentivi, il ritorno è veloce, mentre per la PDC e solare termico c'è il 55% entro fine anno.

Dalle mie stime, il risparmio con la PDC è notevole rispetto alla caldaia.

Anche il costo delle due è grossomodo lo stesso, 4500 la prima, 4000 la seconda.

Il mio dubbio è soltanto relativo al funzionamento della PDC acqua/acqua. Mi hanno detto che con basse tempreature esterne non lavora

Aggiornamento 2:

bene, però credo che il rivenditore si riferisse a pompe di calore acqua/aria, quindi completmaente diverse!!!

4 risposte

Classificazione
  • 9 anni fa
    Risposta preferita

    Negli ultimi tempi con la scusa dell'ecosostenibilità si propongono agli utenti soluzioni complesse per problemi semplici.

    La domanda che ti devi fare è: mi conviene tutto questo?

    Ricorda sempre che più cose ci sono più se ne possono rompere e prova a calcolare i tempi di ritorno di un investimento del genere.

    Spesso le ditte installatrici propongono soluzioni convenienti più a loro che al committente.

    Chiedi ad un serio professionista (ingegnere o perito e degno di tal nome) dovrebbe poterti fornire tutte le indicazioni necessarie.

  • 9 anni fa

    Attualmente esistono una serie di prodotti che utilizzano pompe di calore Acqua/acqua -gas/aria-aria/aria. Il pozzo puo' essere una soluzione tenuto conto che le pompe di calore lavorano a temperature di -5 producendo calore per 50/60 gradi di acqua calda che si puo' utilizzare direttamente come per elettro ventole a radiatore. I consumi elettrici di queste nuove tecnologie sono molto piu' basse circa 400/600 wat/h ,esistono pompe anche piu' potenti ma bisogna avere un ambiente di scambio di non meno di 10 gradi centigradi ,cioe' interrando delle sonde fino ad 80/100 metri ,in questo caso si ottengono temperature intorno a 100 gradi.

  • Anonimo
    9 anni fa

    Per serità ti dico che senza un sopralluogo tecnico sul posto è impossibile valutare la convenienza dell'una o dell'altra soluzione.

    Fonte/i: Il mio lavoro
  • Anonimo
    9 anni fa

    ciao, ti consiglio di inserire una richiesta di preventivi in questo sito http://www.quoton.it/ così potrai ricevere preventivi da imprese e professionisti della tua città e farti un'idea dei prezzi ;-) inoltre puoi vedere i feedback lasciati da clienti precedenti. ps. è gratuito e senza impegno!

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.