Giulio
Lv 5
Giulio ha chiesto in Politica e governoGoverno · 7 anni fa

Cosa pensate di Quintino Sella l'unico ministro italiano che pareggio il bilancio dello Stato!?

Quintino Sella non ha bisogno di presentazioni, d'accordo, ma mi domando se è valsa la pena pareggiare il bilancio dello Stato coi mezzi che ha usato. Per pareggiare il bilancio si servi pure dell'infelice tassa sul macinato. Di conseguenza chiusero tanti piccoli mulini, che erano alla base dell'economia di molti piccoli centri urbani, favorendo invece i grandi grossisti dei mulini che ottennero una sorta di monopolio. Inoltre si aumentò il prezzo del pane. Questo era un alimento primario per il ceto popolare, che reagì giustamente con varie manifestazioni e sommosse, della quale alcune tragicamente finite in bagni di sangue. Gente questa è storia di cronache del tempo, riporto solo dei fatti successi. Allora fermo restando che Quintino Sella è stato un grosso personaggio mi domandavo ma ne valeva davvero la pena pareggiare il bilancio seminando tutta questa disperazione.

Anche perché pareggiato il bilancio i poveri restarono poveri comunque.

Vi prego di darmi i vostri punti di vista perché proprio non capisco.

Sentite il pensiero di Antonio Gramsci: Tale provvedimento è l'ultima goccia che fa traboccare il vaso e getta nella miseria, nella fame e nella disperazione le masse dei lavoratori italiani. «Il macinato» nota acutamente Gramsci (Il Risorgimento, pag. 161) «era insopportabile per i piccoli contadini che consumavano il poco grano prodotto da loro stessi; e la tassa del macinato era causa di svendite per procurarsi il denaro ed occasione di pratiche usurarie pesantissime. Bisogna collocare la tassa nel suo tempo, con una economia familiare molto più diffusa di ora: per il mercato producevano i grandi e medi proprietari; il piccolo contadino (piccolo proprietario o colono parziario) produceva per il proprio consumo e non aveva mai numerario: tutte le imposte erano per lui un dramma catastrofico; per il macinato si aggiungeva l'odiosità immediata». (tratto dal sito http://www.resistenze.org/sito/te/cu/st/cust9b04-0... )

7 risposte

Classificazione
  • 7 anni fa
    Migliore risposta

    Non sono un economista,né un politico.Sono un semplice e normale cittadino che paga le tasse.Se devo fare sacrifici sono disponibile ma vorrei vedere qualche cosa di buono.Invece la situazione peggiora ogno giorno.Quintino Sella ,biellese,diventò famoso per la tassa sul macinato ,ma non mi sembra che abbia migliorato la vita della povera gente.A me quello che interessa è che tutti possano avere una vita migliore con giustizia ed equità.Comunque quelle politiche hanno poi condotto ai totalitarismi ed alle guerre del secolo scorso.Ho cercato di dire come può pensare oggi uno di tanti

  • Anonimo
    7 anni fa

    ...anche all'inizio del fascismo il ministro delle finanze (un liberale di quelli tosti) portò il bilancio in pareggio, come premio infatti lo buttarono fuori dal governo :-O

    [ora non mi viene il nome...]

    Il paragone tra Sella e i nostri giorni non ci sta molto perché parliamo di struttura dello stato totalmente diversa, tieni conto che oggi la spesa dello stato in Italia è al 50% mentre all'epoca eravamo su valori che oggi appartengono a paesi del terzo mondo (niente sanità né scuola pubblica, niente previdenza ecc.).

    L'idea che il bilancio in pareggio sia una cosa che porta povertà nasce dal principio che non ci sia possibilità di tagliare la spesa; questa idea purtroppo ci è stata passata da 20 anni di politica "farfallona" e per noi è difficile togliercela.

    Un paese che ha un PIL prodotto al 50% dalla spesa di stato vuol dire che "lavora a metà", cioè metà della popolazione produce il reddito per l'altra metà...capirai che qualunque aumento del prelievo rende ogni investimento piuttosto strano.

  • 7 anni fa

    che già allora stangavano i soliti noti.

  • 3 anni fa

    E' noto che il Regno delle Due Sicilie era più ricca di tutti gli altri stati

    Italiani messi insieme all'epoca dell'unificazione d'Italia!

    Che coincidenza che la rapina del Sud ha portato dieci anni dopo al

    pareggio di bilancio dell'Italia!!

    Meditate gente, meditate e informatevi!!

    George

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    7 anni fa

    come i savoia che per salvar il nord dalla bancarotta hanno rapinato il sud.

  • 7 anni fa

    ................ altri tempi................. politici di altro stampo......................

  • Anonimo
    7 anni fa

    il fatto curioso è che invece oggi i re delle tasse sono sono proprio gli eredi di gramsci, disposti anche a veder gli altri suicidarsi in massa pur di mantenere i privilegi del proprio lavoro statale

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.