Ma veramente c'è odio religioso in queste parole?

le pussy riot, gruppo femminile punk russo, sono state condannate alla prigione per blasfemia e odio religioso. già che la cosa risulta strana, se detta dai capi della vecchia russia sovietica (come a dire... difendiamo la religione quando ci fa comodo) , ma il testo della canzone altro non era che una preghiera alla madonna di liberare la russia da putin.

ok, ci sono espressioni forti, non sono propriamente parole ortodosse o melodie gregoriane ma alla fine mi pare che queste ragazze fossero più credenti di quelli che le hanno condannate.

ecco il testo della canzone (che dura meno di un minuto)

"Madre di Dio, Vergine, caccia via Putin! caccia Putin, caccia Putin! Sottana nera, spalline dorate. Tutti i parrocchiani strisciano inchinandosi. Il fantasma della libertà è nel cielo. Gli omosessuali vengono mandati in Siberia in catene. Il capo del Kgb è il più santo dei santi. Manda chi protesta in prigione. Per non addolorare il santo dei santi le donne devono partorire e amare. Spazzatura, spazzatura, spazzatura del Signore. Spazzatura, spazzatura, spazzatura del Signore. Madre di Dio, Vergine, diventa femminista. Diventa femminista, diventa femminista. Inni in chiesa per leader marci, una crociata di nere limousine. Il prete viene oggi nella tua scuola. Vai in classe, portagli il denaro. Il Patriarca crede in Putin. Quel cane dovrebbe piuttosto credere in Dio. La cintura della Vergine Maria non impedisce le manifestazioni. La Vergine Maria è con noi manifestanti. Madre di Dio, Vergine, caccia via Putin. Caccia via Putin! caccia via Putin!''.

fonte del testo:

http://www.you-ng.it/index.php?option=com_k2&view=...

11 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    7 anni fa
    Migliore risposta

    La storia insegna (qui in Italia soprattutto) che quello che il potere non può coprire con la ragione, cerca subito di coprirlo con delle stupidaggini. In quella canzone non c'è nulla di falso, di conseguenza hanno pensato bene di condannare le ragazze per "odio religioso", ovvero come dicevo prima, una stupidaggine. Oltretutto contestualizza l'evento, e ricorda che è successo in Russia, che non è conosciuta proprio per la sua completa attuazione della democrazia.

    Questo meccanismo noi italiani penso che dovremmo riuscire a capirlo perfettamente, abituati a politici che a loro insaputa abitano in una casa, che chiamano le prostitute "nipoti" di dittatori, che vanno in vacanza spendendo decine di migliaia di euro di altri e ti rispondono dicendoti semplicemente "Non ho le ricevute, non lo ricordo".

    Il Re è nudo....

  • 7 anni fa

    Non conosco la faccenda ma così a occhio è chiaramente una censura politica, la religione è una scusa.

    Poi non so...

  • 7 anni fa

    La rappresentazione punk che hanno tentato di mettere in scena le Pussy Riot nella cattedrale ortodossa di Cristo Re si inquadra perfettamente in un contesto religioso che appartiene profondamente all' animo russo e che è sopravvissuto indenne a più di settant' anni di isolamento in un formale ateismo di stato. In essa si sente la presenza di una religiosità medioevale popolare, qualcosa di simile ai misteri buffi un tempo rappresentati nelle piazze contro la religione canonica, da sempre alleata con il potere secolare inquadrato nel proprio potere sacrale assoluto (che poi finisce sempre a sua volta con il venire da quello irretito, come dimostra il riferimento del testo al patriarca ortodosso Cirillo I, legato a un' alleanza demoniaca con Putin). Solo per questo sistema religioso che si configura come organizzazione ecclesiastica a tutela di ogni struttura di potere in quanto tale, la rappresentazione punk con tutta la sua carica religiosa destrutturante suona blasfema ed eretica.

    D' altra parte agli occhi del pensiero globale dell' Occidente che da tempo ha sotterrato il sacro, questo attacco religioso destrutturante si riduce ad un attacco contro un' istituzione politica secolare senza reali conseguenze se non fosse per il fenomeno mass mediatico che viene a costituire e da cui le stesse anime russe delle Pussy Riot , in quanto esistenti in questa cultura globale, non possono non venire sedotte.

    L' elemento religioso (letto come odio antireligioso da una concezione della religione che si pone a necessaria tutela della potenza del sistema gerarchico) è dunque forte e presente, ma tenuto celato dalla rappresentazione massmediatica che alla fine annienta la pregnanza autentica e sacra della stessa rappresentazione, facendone apparire solo la futile impotenza priva di conseguenze che consiste nel diritto di qualsiasi artista di dire e fare ciò che vuole, purché questo sia utilizzabile sul mercato e al pubblico di ascoltare ciò che vuole purché questo faccia aumentare i profitti del mercato stesso. E credo che Putin che incarna quanto di peggio vi sia nella gestione del potere ma che ha per esso grande fiuto, tutto questo lo intuisca bene: il vero potere è quello del mercato e delle tecniche illusionistiche pubblicitarie che consentono di affermarvisi, per Putin stesso come per le Pussy Riot, tutto il resto (staccato dal senso che dà il mercato e la pubblicità) è fuffa residuale per quanto la si consideri arte, religione o politica.

  • 7 anni fa

    Il mio sguardo è caduto sull'articolo a fianco:

    http://www.you-ng.it/index.php?option=com_k2&view=...

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Ebbene sì, nell' "atea e comunista Russia Sovietica" esiste il reato di blasfemia, ed è così potente da mandare in carcere delle povere cantanti.

    Ma suvvia: Putin non è un santo, e di quello che succede in Russia sappiamo solo il 10%.

    Pura politica.

    Perlomeno loro si sono dichiarate contente di essere un simbolo politico e di aver portato luce su alcune "questioni" russe non proprio chiare all'estero....

    ;-)

  • 7 anni fa

    L'odio religioso non so. Poco amore senz'altro.

  • Sakura
    Lv 6
    7 anni fa

    A me sembra politica. Allora anche noi ci serviamo di Dio per fare politica, non solo la Chiesa!

  • 7 anni fa

    http://video.unita.it/media/Le_Pussy_Riot_nella_ch...

    bo? non mi sembra ..

    ecco invece cosa porta all' amore contro l' odio religioso

    http://www.youtube.com/watch?v=SvzilU6vq8c

    Youtube thumbnail

  • Anonimo
    7 anni fa

    Se fossero state uomini non sarebbero state condannate, è un dato di fatto. Avrebbero fatto lo stesso uno scandalo, probabilmente, ma una condanna.

    Io mi tatuerei la sentenza sul seno e andrei in giro senza maglietta, come reazione.

    M'arrestano un'altra volta? Amen, chiedo asilo politico.

  • Anonimo
    7 anni fa

    no.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.