Sto scrivendo un romanzo. Potreste dirmi cosa ne pensate di questo esordio?

Sogno.

Ho tentato un'impresa impossibile. Ho provato a sciogliere fili d'inchiostro indissolubilmente legati tra loro. Mentre cercavo di sciogliere i nodi ho colto qualche barlume, lì dietro alla porta che è buia da tanto tempo, e mi sono spaventata; non vedevo la luce da centinaia di anni, così ho lasciato i miei fili d'inchiostro e sono corsa verso il bagliore fioco: l'ho sfiorato, era freddo. Ho acceso una candela e ho cercato di far più luce possibile, ma il buio attorno a me è aumentato. Fuori, solo il rumore della pioggia intenta a respirare ogni atomo della città nera e desolata.

Sento urla strazianti ovunque. Non capisco da dove provengano; mi guardo intorno e penso di essere morta.

Mi sveglio.

Il cuscino è ancora bagnato di lacrime calde. Sfioro appena il mio viso e provo pena per me stessa. Mi alzo e raggiungo lo specchio: ho la faccia di una a cui è appena morto il gatto. Sono funerea.

Mi vesto in fretta e furia senza badare al disordine della camera, e dopo una passata di trucco leggero sugli zigomi e sugli occhi, mi dirigo verso la porta ed esco a fare una passeggiata. La giornata è estremamente calda; il cielo è sgombro di nuvole e gli alberi sembrano essersi risvegliati dal torpore notturno. Cammino a passo veloce, con la sensazione di essere seguita da qualcuno. Un assassino forse.

“Buongiorno Magdeleine!”

“Buongiorno a lei Mrs Dalloway!”

Alzo il braccio in segno di saluto e continuo per la mia strada, con un senso di antipatia e disprezzo più forti di prima. E come può una giornata promettere bene se si incontra una Mrs Dalloway per strada?

I tempi in cui si intratteneva a casa di mia nonna erano finiti da un pezzo; dopo la sua morte non è mai più venuta a trovarmi, forse per un’ antipatia reciproca, forse per vergogna. La vedo dirigersi a passi lenti e con fare incerto verso quella che dovrebbe essere la sua dimora, una casetta da quattro soldi con le tende rotte e milioni di strambi gatti che si aggirano nel giardino.

Vecchi ricordi mi assalgono come frecce scagliate a velocità stellari. La polvere di casa della nonna, le strane storie che mi raccontava quando non riuscivo a dormire. Mi manca, mi manca davvero tanto.

Mi siedo sulla panchina del parco in Stantford Street, per raccogliere i pensieri. E penso a Rose, la mia balia, e a quella storia che mi tormenta ancora oggi. A volte ci sono storie che non trovano posto in questa vita. Forse perché sono nate in un posto sbagliato, gremito di veleni e serpi, di trappole fatte di polvere e sangue, di ipocrisia e malignità; o semplicemente perché sono troppo grandi per poter vivere in un mondo così limitato. Certo è che i grandi amori vanno oltre, e a volte ritornano: per loro la fine di una vita non rappresenta mai un ostacolo. Avevo sentito parlare dalla cara vecchia Rose (Dio la benedica), della storia di Elizabeth ed Edmund, due amanti persi ai tempi del lontano ed impolverato 1505, che ancora oggi si aggirano per le vie del castello di Ashford tormentando gli eredi di coloro che li portarono alla morte. Queste storie mi hanno da sempre affascinata. Mi piace immaginarle come sprazzi di energia divina racchiusi tra un bacio o un abbraccio, quasi sempre finiti tra strade insanguinate o roghi dimenticati da tutti. L’eternità esiste solo per loro, per i due amanti, che continuano ad amarsi anche dopo quella vita che non è mai stata abbastanza per soddisfare i loro grandiosi e patetici desideri. Ricordo di quando Rose mi rimboccava dolcemente le coperte con quel suo tocco leggero, e mi diceva che se non avessi dormito, gli spiriti di Magdeleine ed Edmund sarebbero venuti a prendermi durante la notte; mi mise una tale paura addosso, che se qualche sera non mi capitava di addormentarmi immediatamente, vedevo mani d’avorio e sentivo urla strazianti dovunque. Ah, quanto mi manca la cara vecchia Rose! Passavamo lunghi pomeriggi a raccontarci storie e a ridere di questo o di quell’altro per poi bere del tè in compagnia di qualche sua amica stramba (quasi sempre di Dingle, dove prima abitava), vestita in modo impeccabile e con grandi cappelli piumati da far invidia ad un pavone. Ciò che ricordo bene di lei, è che quando parlava non ti guardava mai negli occhi; mirava ad un punto lontano, e la mia impressione era che vedesse davvero ciò di cui raccontava. Soprattutto succedeva quando mi parlava di suo marito, morto pochi anni dopo il loro matrimonio in guerra, o di sua sorella annegata in un fiume all’età di 8 anni. Credo fosse rimasta traumatizzata da queste due tragedie, perché Rose non è mai stata del tutto normale; molti la consideravano pazza per la sua strana abitudine di parlare da sola, e per il suo sguardo spiritato che ti metteva la stizza addosso quelle poche volte che ti fissava negli occhi. Per me Rose era normalissima, anzi, anche più che normale, e per questo molti la consideravano psicopatica.

6 risposte

Classificazione
  • 8 anni fa
    Risposta preferita

    è un buon inizio.

    Mi piace il fatto che la protagonista rimanga avvolta da un barlume di mistero. Hai parlato di sua nonna, della signora Dalloway e della balia Rose ( che tra l'altro come personaggio è molto curioso ).

    Con l'ultima frase hai lasciato intendere un aspetto forte del personaggio principale, brava, descrivila con i colpi di scena, che è interessante.

    Ti do solo tre consigli:

    1) la parte iniziale iniziale sul sogno sbrogliala un po', anche perché iniziare un romanzo con qualcosa che un aspirante lettore fa fatica a comprendere è un azzardo. Rendila dunque più comprensiva (lo so che descrivi un sogno, che è in sé una cosa incomprensibile a noi umani, ma cerca di avvicinarti il più possibile all'idea che in generale si ha del sogno, senza andare oltre).

    1) La parte del trucco toglila, mi sembra un qualcosa di troppo forte da inserire, davvero. Mi spiego, in qualche modo questa parte mi ha reso antipatica la protagonista, l'ha resa poco naturale.

    2)Descrivi di più gli ambienti circostanti, utilizza tutti e cinque i sensi per descriverlo.

    Ti mando un caloroso saluto

    by un'aspirante lettrice! ^-^

    Fonte/i: Io!
  • 8 anni fa

    L'incipit è abbastanza fluido, e la prima persona è senza dubbio la scelta adeguata per un racconto interiore. Onestamente peró avrei evitato un po' di fronzoli, perché l'ottima scorrevolezza che ha il testo, viene un po' minata da qualche passaggio ridondante e baroccheggiante, e qualche avverbio di troppo. Anche in un romanzo interiore il lessico può essere più rilassato, vedi Gita al Faro di Virginia Woolf o Dubliners di Joyce. Evita di intestardirti troppo sul voler essere troppo perfezionista nel lessico, perché in alcuni passaggi sembra davvero forzato e innaturale, la gente vera non pensa cosi, fai scorrere libero l'ego e i pensieri del protagonista, come se fosse il flusso di coscienza di una perdona reale.

    Per il resto, come ho già detto, l'incipit mi sembra buono, se hai una buona idea per sviluppare la trama, sei sulla strada giusta, cerca solo di tenere sempre alta la soglia dell'attenzione del lettore, incuriosiscilo, ed evita di far diventare il racconto un trattato filosofico, devi dare un motivo al lettore per andare avanti.

    Buona fortuna per tutto. :)

  • 8 anni fa

    wow, scriva da dio , ti invidio molto, anke io sn una aspirante scrittrice solo che la mi scrittura è da cani

    sopratutto quando c'è in mezzo l'ortografia, ma tu nn hai questi problemi e inltre il tuo racconto è favoloso,spero che ci sia un seguito :)

    p.s. se vuoi leggere la mia storia puoi dare un'occhiatina qui ?

    http://it.answers.yahoo.com/question/index;_ylt=Aq...

  • Anonimo
    8 anni fa

    Brava,la narrativa in 1 persone mette curiosita' al lettore e gli fa' capire meglio i concetti,attenta ai giri di parole,cerca di semplificarlo

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 8 anni fa

    Davvero un bel lavoro, complimenti! Ti consiglio di andare avanti perché scrivi bene sul serio. Mi piacciono sia i vocaboli che utilizzi, sia la storia che vuoi raccontare ( per quanto ho potuto leggere )

    BUONA FORTUNA!

  • Anonimo
    8 anni fa

    In tutta sincerità,inizialmente mi ha lasciata stranita. Non capivo il groviglio di parole. Adesso invece... vorrei leggerlo tutto!

    Brava!Mi intrippa! :)

    Fonte/i: Parere personale
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.