che tipo di impianto fotovoltaico conviene oggi installare ?

3 risposte

Classificazione
  • 8 anni fa
    Risposta preferita

    L’argomento è vasto. Per aiutarti, da installatore ti posso dare qualche dritta.

    Innanzitutto è consigliabile installare un impianto FV in grado di soddisfare quanto più possibile il totale dei propri consumi, senza cercare d’installare quanti più kWp possibili.

    Il nuovo Conto Energia (V) è stato stilato in modo da dare la massima (anche a livello economico) a quegli utenti che cercano di auto-consumare quanto più possibile l’energia prodotta dal proprio impianto FV.

    A livello d’incentivazione invece il V Conto Energia privilegia gli impianti che installano moduli FV e inverter provenienti dall’unione Europea (incrementando l’incentivo base di 2 cent/kWh prodotto); in secondo luogo il nuovo Conto energia privilegia anche gli edifici sui quali deve essere fatto lo smaltimento amianto (incrementando l’incentivo base di 3 cent/kWh prodotto).

    Infine esiste la possibilità di poter installare i cosiddetti “impianti FV ad integrazione innovativa”, quelli che vanno a sostituire la copertura preesistente (tegole o coppi). Questi impianti godono di incentivi che sono quasi il doppio di quelli classici. Un prodotto europeo ideato per impianti a integrazione innovativa è ad esempio il sistema Easy In di SolarWatt, questo qui:

    http://www.coenergiaitalia.com/it/prod-125-1913-so...

    Per fare un esempio degli incentivi:

    Se consideri un impianto da 3kWp classico: l’incentivo sarebbe di 0,157 cent/kWh (tariffa omnicomprensiva) + 0,75 cent/kWh (tariffa premio sull’energia consumata).

    Se consideri invece un impianto da 3 kWp Innovativo: l’incentivo sarebbe di 0,288 cent/kWh (tariffa omnicomprensiva) + 0,186 cent/kWh (tariffa premio sull’energia consumata).

    A questi incentivi sarebbe possibile sommare gli incrementi agli incentivi nel caso si utilizzassero prodotti europei e nel caso si dovesse fare lo smaltimento amianto sulla propria abitazione.

    La novità è che questi incrementi, a differenza del vecchio conto energia, sono cumulabili.

    Perciò nel caso si volesse installare un impianto da 3kWp Innovativo + europeo + smaltimento amianto, si otterrebbe l’incentivo massimo realizzabile ad oggi; ovvero l’incentivo sarebbe di 0,338 cent/kWh (tariffa omnicomprensiva) + 0,236 cent/kWh (tariffa premio sull’energia consumata).

    Spero di essere stato chiaro, è un argomento complesso su cui occorre essere molto aggiornati perchè ci sono novità continue sia nei prodotti sia nelle normative.

  • Anonimo
    8 anni fa

    Per rispondere a questa domanda dovresti fare una serie di considerazioni su ciò che ti serve realmente. Fai conto che adesso vi è un sistema incentivante che risulta conveniente solo se fai un impianto dimensionato alle tue REALI esigenze.

    Inoltre è importante sapere se lo puoi fare, che vincoli hai e così via.

    Risponderti a questa domanda è un pò complesso in poche righe, ma ti consiglio di andare su http://www.fotovoltaico-casa.com/ dove troverai un video corso adatto a ciò che cerchi.

    Ciao

    Dario

  • Anonimo
    8 anni fa

    Ciao SERVIZI9,

    installare un impiantol fotovoltaico oggi conviene, infatti è sufficiente che tu provi a immaginare di poter produrre l'energia elettrica per i tuoi consumi abituali senza dover pagare più nulla a nessuno e da una fonte praticamente inesauribile.

    Ti basta immaginare questa situazione per capire sin da subito quanto sia conveniente installare un impianto fotovoltaico. Se ciò non bastasse aggiungi che lo stato Italiano garantisce ancora (con il V conto energia) seppur in forma ridotta gli incentivi (soprattutto per impianti di piccole dimensioni: da 3 a 15 Kwp), privilegiando quindi soprattutto l'autoconsumo. In più ti viene ancora data la possibilità di "vendere" l'eventuale energia prodotta in eccesso all'ENEL, che ti verrà quindi ripagata tramite il GSE con cadenza bimestrale e direttamente sul tuo c/c.

    Conti alla mano il "fotovoltaico" risulta essere attualmente il miglior investimento con "rientri certi" praticabile oggi in Italia, infatti è l'unico a garantire un rendimento certo tra il 9 e il 12%, con un ammortamento completo del capitale in 4/6 anni.

    Per capirci prova ad immaginare un'altro investimento dove impegni 10.000,00 €, per soli 6 anni che ti rende 1.000,00 sin dal primo anno più il rimborso del capitale (ne esistessero di investimenti simili ci sarebbero gli investitori in fila per sottoscriverli). Questo, tra l'altro, è anche il motivo per cui lo Stato Italiano ha ridotto sia gli incentivi, che le dimensioni degli impianti incentivabili, in quanto la situazione precedente era troppo appetibile per le "speculazioni". Non credo ci sia da aggiungere altro sotto l'aspetto della convenienza.

    Piuttosto vorrei spendere altre due parole per raccomandarti di affidarti a professionisti seri, che siano in grado di effettuare tutta l'operazione con il sistema cosi detto: "chiavi in mano", dove tu non devi pensare assolutamente a nient'altro che fornire la "location" e i documenti della "location" e tutto il resto, dal sopralluogo esecutivo alla posa dell'impianto, consecutivo collaudo e riconoscimento da parte del GSE (Ente erogatore), viene fatto dalla società fornitrice dell'impianto stesso. Ricorda che questo è molto importante, in quanto basta una virgola mal messa e il GSE non prende in carico l'impianto e i tuoi incentivi vanno a farsi benedire, oppure potrebbero arrivare in notevole ritardo.

    Ti lascio la mia email: infolostaff@gmail.com se hai necessità puoi contattarmi. 

    In bocca al lupo, tonka.

    Fonte/i: Esperienza e competenze personali
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.