gigho mi puoi spiegare come si può riprodurre la sindone in laboratorio con tre elementi chimici?

ciao sarei curiosa di conoscere questa cosa. Io sapevo come hai scritto tu che il carbonio 14 la datava 1300 e rotti anni dopo Cristo ma so anche che la sindone subì diversi incendi che in via ipotetica poterono falsarne la datazione col carbonio 14. In laboratorio non mi risulta che ad ora si sia riusciti a riprodurre fronte e retro della sindone, qualcosa di simile si ma uguale no. Non voglio asserire a tutti i costi che sia vera ma sarei curiosa di conoscene di più.Grazie

Aggiornamento:

@il magnifico: mi sto chiedendo da credente ma aperta alla scienza se come Gigho mi scriveva in una risposta data a un altro utente se e come è possibile riprodurre quello che tu chiami cencio in laboratorio cosa che con tante trasmissione seguite o libri letti non è ancora riuscito hai laboratori e se è riuscito e mi è sfuggito sto chiedendo il come. Il cencio che tu dici per me ha valore come il possibile sudario di Cristo. ciao

Aggiornamento 2:

@il magnifico:scusa l'italiano ho sbagliato a digitare una h di troppo, ai laboratori e poi rispondendo di corsa non ho usato un italiano propriamento scritto in modo corretto.

Aggiornamento 3:

@Gabriele:se chiedo è proprio perchè non so, sono laureata in scienze religiose e non in chimica o altre materie di questo genere ed ecco perchè chiedo a voi.

Unica cosa che non mi risulta è quello che dici sulla trama del tessuto che era a lisca di pesce tipica della palestina al tempo di gesù e le spore che sono state trovate erano di piante di provenienza di quella zona (anche se questo dice relativamente):magari, sbaglio, intendiamoci.

3 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    9 anni fa
    Risposta preferita

    Una prima considerazione sul fatto che se non si riesce oggi a riprodurre un oggetto come quello della Sindone figuriamoci se ci potevano riuscire nell'anno 30 dc: o nell'anno 1300. Un assurdo.

    Sull'esame col metodo del carbonio 14 vorrei fare alcune considerazioni.

    Già nel 1982 era stato analizzato privatamente un filo di tessuto preso dal "campione di Raes" ed il risultato era stato l'anno 200 dC.

    Nel 1983, per verificare la possibilità di datare la Sindone, fu coordinato dal British Museum un confronto fra sei laboratori che avevano manifestato interesse per la datazione della reliquia. Il tessuto peruviano risultò a tutti più recente (1400-1668 d.C.) di quanto in realtà fosse, perciò venne sostituito con un altro campione senza spiegazioni. Al suo posto,venne datato un altro reperto peruviano del 1000-1400 d.C. I problemi avuti confermavano che l’analisi radiocarbonica non poteva ritenersi un verdetto infallibile

    Esistono altri casi clamorosi di datazioni errate a causa di contaminazioni ineliminabili. La mummia egizia 1770 del museo di Manchester, ad esempio, ha fornito date diverse per le ossa e le bende; queste ultime sono risultate ad una prima datazione 800-1.000 anni più giovani delle ossa, ad una seconda datazione 220-460 anni più giovani delle ossa. Inoltre la datazione la poneva in un'epoca diversa in quella in cui era realmente vissuta.

    Tre ricercatori italiani, il prof. Mario Moroni, l'ing. Francesco Barbesino e il dott. Maurizio Bettinelli, hanno condotto importanti esperimenti su tele di una mummia egiziana: tali campioni, irraggiati con un flusso neutronico e successivamente trattati termicamente simulando l'incendio di Chambéry, sono risultati alla datazione radiocarbonica più giovani di circa 1100 anni rispetto alla loro vera età.

    Rogers, eseguendo un altro esame di datazione, che misura nel lino la scomparsa graduale di un composto, la vanillina, ha trovato che questa era presente nella zona analizzata nel 1988 ma non nella parte principale della Sindone. Egli ha affermato che anche le tele trovate con i rotoli del Mar Morto, che risalgono all’epoca di Cristo, non mostrano vanillina. Ha valutato che la Sindone potrebbe avere una qualsiasi età fra i 1.300 e i 3.000 anni.

    Recentemente un bel film-documentario di Francesca Saracino "La notte della Sindone" ha evidenziato come i laboratori abbiano collaborato tra loro, e loro esponenti si sono incontrati e concordato la data da attribuire al lenzuolo tanto che i risultati grezzi delle analisi, al giorno d'oggi, non sono stati resi pubblici e dai dati resi pubblici si evince che è stato commesso un errore che inficia la data attribuita..

    Alcune domande

    Come mai se i campioni dovevano essere tre ne spuntò un quarto che era della data poi attribuita alla Sindone ?

    Come mai il laboratorio di Oxford ricevette 1.000.000 di sterline?

    Può essere, come si ipotizza nel documentario, che i campioni siano stati sostituiti ?

    Ma una domanda molto importante è: quali furono gli interessi che spinsero ad escludere dalla datazione lo STURP, un gruppo di scienziati di diversa estrazione culturale e religiosa, che aveva preparato un programma di ricerche comprendente 26 esami tra cui la radiodatazione ?

    Yves Delage nella sua relazione all'Accademia delle Scienze in Francia sostenne che: «Se l'ipotesi che l'uomo della Sindone sia Gesù Cristo non ha buona udienza presso certa gente, è perché molti credono che sia una questione religiosa che fa velo al loro raziocinio. Se non si trattasse di Cristo, ma di Sargon, di Achille, di uno dei Faraoni, nessuno avrebbe da eccepire». (…) Io considero Cristo come un personaggio storico e non vedo perché certa gente abbia a spaventarsi cimentandosi con una traccia tangibile della sua esistenza».(Yves Delage, Revue scientifique, 1902, Ser. 4, A.39, T.17, pagg. 686-687)

    E questa semplice affermazione getta una chiara luce sulle attuali vicende della Sindone e sugli atteggiamenti nei suoi confronti.

    N. B. La Sindone è un lenzuolo lavorato nella maniera propria dell'epoca in cui visse Gesù. E' un lenzuolo molto ricercato, prezioso e sono stati effettuati altri ritrovamenti di lenzuola lavorate allo stesso modo.

    Fonte/i: Diploma di specializzazione in Studi Sindonici dell' Ateneo Pontificio Regina Apostolorum
  • 9 anni fa

    Sarai laureata in scienze(?) religiose, ma di chimica e quant'altro sei proprio a 0.

    Quando si fa un analisi del C14 non si fa l'analisi alla caxxo di cane, prima si ripulisce di tutto il materiale estraneo e poi si esegue l'esame. Chi dice che l'esame può essere inficiato da eventi tipo incendi o non sa come si esegue oppure mente perché ha interessi a mentire. Sulla sindone sono stati trovati pigmenti, ovvero colori, da un chimico molto famoso per il controllo su reperti antichi o presunti antichi, si chiama Walter Mc Crone, dopo che ha presentato i risultati è stato allontanato dal gruppo di ricerca sulla sindone, sai su ordine di chi è stato allontanato? Dal cardinale di Torino, della serie o i risultati dicono che è vera o i risultati sono sbagliati perché vogliamo che siano sbagliati.

    Walter Mc Crone è stato premiato per i suoi studi sulla sindone da una nota associazione atea e comunista di un noto Paese comunista, è stato premiato dall'American Chemical Society. In più tutti i reperti di tessuto di lino ritrovati in medio oriente e datati con certezza attorno all'anno 0 presentano una trama e ordito totalmente diverso da quello della sindone, la sindone è un tessuto tipico del 1100/1300 come lavorazione.

    Infine vorrei ricordare che fino a non molti anni fa non si riusciva a capire come gli antichi Egitto avessero potuto costruire delle piramidi così grandi con materiale così pesante senza macchinari, poi si è scoperto. La stessa cosa capiterà anche per la sindone.

    @ La trama e l'ordito NON sono e non possono essere del periodo attorno all'anno 0, tutti e ripetio tutti i reperti trovati in medio oriente e datati con certezza attorno all'anno 0 e presenti in tombe, anche, di persone di rango sono molto più semplici, l'ultimo ritrovamento risale a 3/4 anni fa da parte di un gruppo di studiosi inglesi e anche in quel caso il tessuto è molto più semplice, ai tempi del l'anno 0 non c'era ancora la "tecnologia" per fare un tessuto di quel genere.

    Infine vorrei ricordare che nello stesso periodo in cui fu fatta ritrovare la sindone sono comparse tante altre reliquie, il prepuzio di gesù, la piuma di un angelo, i chiodi della croce( di cui uno in argento, pezzi della croce vari ecc. ecc. Le città facevano a gara a chi aveva l'ultima reliquia per avere così un flusso di pellegrini e aver un guadagno.

    La diceria che il tessuto, come trama, ordito e tessitura sia tipico dell'anno 0 è stata messa in giro ad arte, ma basta cercare notizie in rete o su libri per capire che è una bufala.

  • Anonimo
    9 anni fa

    Secondo me stai facendo un errore di logica..la prima sindone è venuta così...le altre sono venute simili a questa..ma se fossero state le prime, sarebbero state prese per vere e tentando di riprodurle si sarebbero ottenuti risultati simili,magari un risultato sarebbe la nostra "prima sindone" che comunque sarebbe stata scartata in quanto non uguale all'originale...non so se mi sono spiegato...e poi che avrebbe di tanto speciale quel cenciaccio ?

    @se anche tu credi nella sacralità di quel cencio come posso io offenderti chiamandolo appunto "cencio"? non mi spiego perché ti senta offesa da tale cosa...non vedo perché dovrei portare rispetto ad un panno...non mi pare sensato...Quoto comunque Gabriele, non ti preoccupare per l'h...ognuno fa i suoi sbagli..c'è chi dimentica l'h, chi si laurea in scienze religiose..

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.