e' bello darksiders 2 per ps3 ? com'e' ? 10 punti al piu' dettagliato?

1 risposta

Classificazione
  • 7 anni fa
    Migliore risposta

    1 é un gioco stupendo

    2 MERITA

    3 COMPRALO

    Da quando nell’industria girano i soldoni capita spesso di vedere titoli presentati in pompa magna, capolavori annunciati su cui vengono investiti milioni di dollari, in grado di far impallidire le produzioni hollywoodiane e di spingere le piattaforme su cui girano ai limiti massimi del loro cosmo. Poco può però fare la pubblicità se il prodotto non è all’altezza, e alle volte capita pure che campagne troppo aggressive oscurino lavori estremamente meritevoli, con meno finanziamenti alle spalle.

    Il primo Darksiders è andato incontro a un destino di questo tipo: passato in sordina sotto al naso di videogiocatori e giornalisti del settore, è stato quasi ignorato finché non si è scoperto a forza di recensioni estatiche che si trattava di un’opera con i controfiocchi. Fortunatamente il passaparola si è diffuso abbastanza da rendere il gioco un discreto successo, e da garantirgli un sequel ufficiale.

    I ragazzi di Vigil hanno dunque lavorato duramente per anni ad un successore in tutto e per tutto superiore alle avventure di Guerra, stavolta con l’enorme peso delle aspettative sulle spalle. Saranno riusciti nell’impresa o crollati per lo stress? Vediamo.

    Darksiders 2 è un interquel, che si svolge nel bel mezzo delle vicende del primo Darksiders, per l’esattezza poco dopo l’imprigionamento di Guerra per opera dell’arso consiglio. Il possente cavaliere dell’apocalisse è accusato di aver provocato la fine dell’umanità senza motivo, e spetta a suo fratello Morte scagionarlo.

    Per trovare il modo di farlo il guerriero si dirige dal custode dei segreti, a cui sono state affidate le anime dei Nephilim, razza di cui i cavalieri facevano parte sterminata proprio da loro per mantenere l’equilibrio. L’incontro non è dei più amichevoli, ma alla fine Morte scopre come portare a termine il suo piano. Dovrà raggiungere l’albero della vita, l’unico luogo dove si trova il sapere necessario a far tornare l’umanità estinta sulla terra. Non un’impresa facile, ma la Morte non guarda in faccia a nessuno dopotutto.

    La narrativa di Darksiders 2 non è malvagia, ma nemmeno superlativa.

    Agli elementi ruolistici va inoltre ad aggiungersi un profondo sistema di loot. Ogni nemico infatti può droppare vari pezzi di equipaggiamento che Morte può indossare per potenziare le sue caratteristiche. Sono disponibili varie armi secondarie ed armature oltre alle rapide falci dell’antieroe, il cui utilizzo andrà valutato accuratamente dai giocatori, in modo da sposarsi bene con la build scelta.

    Peccato che il gioco non sia altrettanto raffinato tecnicamente. Ci sono infatti capitati a tiro un sacco di bug minori, da strambi blocchi durante i salti a veri e propri freeze ingiustificati, passando per momenti di sonoro sfasato e qualche problemuccio grafico. Sono imperfezioni che non dovrebbero presenziare in un gioco di tale qualità e dallo sviluppo così longevo, ma gli sviluppatori hanno affermato che saranno corrette rapidamente con una patch.

    Ottimo il sonoro, peraltro doppiato completamente in italiano. La soundtrack vanta pezzi di grande atmosfera, e il lavoro dei nostri attori supera alle volte quello dei doppiatori originali (il Morte italiano è più cool, punto). Sorprendente la longevità, che si aggira attorno alle 20 ore saltando a piè pari quest secondarie e ricerca dei segreti. La seconda fase del gioco scorre più velocemente del previsto, e appare un po’ affrettata, ma contenutisticamente questo videogame è comunque nettamente superiore alla stragrande maggioranza degli action-adventure rivali.

    Tra le fette che compongono Darksiders 2 solo quelle legate ai puzzle e ai dungeon rasentano l'eccellenza, ma tutti gli elementi che vanno a formare il pacchetto sono comunque di qualità elevata e una volta fusi vanno a formare un prodotto a tratti grandioso, che contiene tutto ciò che un amante navigato degli action adventure può desiderare. L'opera di Vigil presenta qualche imperfezione, ed è un po' rozza nei dettagli, ma risulta comunque un titolo di grande profondità e classe, che merita di divenire un marchio noto e riconoscibile più di molti altri videogiochi. La cosa migliore? C'è ancora margine di miglioramento. Speriamo con tutto il cuore che questo secondo capitolo non sia quello finale. :DDDD

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.