Rap in dialetto, cosa ne pensate?

Alcuni rapper scelgono di rappare nella loro lingua nazionale, altri in dialetto, altri aggiungono qualche termine dialettale.

Voi cosa ne pensate della questione? Io penso che rappare in dialetto stretto possa essere un'arma a doppio taglio, ad esempio se uno mi viene a rappare in barese o in calabrese io non ci capisco una mazza :)

C'è da dire però che dal mio punto di vista i dialetti sono più spontanei ed espressivi rispetto alla lingua ''ufficiale'' e alcuni termini non si riescono a rendere bene nella lingua comune a tutti i compatrioti. Ad esempio se io dico a uno ''te son un mona'' o ''el xe un trapoler'' mona e trapoler ve li posso tradurre più o meno, ma quasi sicuro non riuscirò a farvi capire l' essenza della parola, quello che pensa un mio concittadino sentendo queste parole.

Quindi penso con qualche fatica può essere divertente scoprire (o andare a vicino a scoprire) significati di parole dialettali, magari di tutt'altre parti d'italia, anche se ovviamente chi lo parla ogni giorno capirà al volo..

In sostanza:

1)cosa ne pensate voi dell'utilizzo del dialetto nel rap?

2) Divagando un po, a voi piace il vostro dialetto? Fatemi un esempio di dialetto italiano che vi piace e di uno che non vi piace.

A me piace molto il mio dialetto, il Triestino, ci sono affezionato :) e, pur non capendo niente, mi ispira il Napoletano, mi piace il suo suono, invece un dialetto che non sopporto (e chiedo scusa a tutti gli amici Romani in sezione) è appunto il Romano, non mi piace come intonano le parole, non so come spiegare xD

Ora vi lascio la parola, anzi la tastiera :) bella lì!

15 risposte

Classificazione
  • 8 anni fa
    Risposta preferita

    1)Chi utilizza il dialetto nel rap, fa rap sicuramente per passione e non per soldi o fama, perchè è già sicuro che il suo cd verrà comprato solo da chi lo capisce, in america negli anni 80-90 tra i rapper undeground c'erano diverse tipologie di parlata dette "slang" adirittura nella stessa città due rapper di quartieri diversi non si capivano tra di loro quando rappavano perchè ogni quartiere aveva introdotto o cambiato le parole per distinguersi.

    2) Io son da Venezia e il dialetto Veneto in generale mi piace molto quel che non mi piace è l'accento.

    Poi tutto sommato mi piacciono anche il dialetto Romano, Napoletano e Calabrese, credo siano quelli che vadano più a braccietto con il rap.

    Ciao! :)

  • 8 anni fa

    Ciao Gj vic! Sarò breve: per me il rap deve veicolare un messaggio e farlo in dialetto significherebbe restringere il pubblico di un tale messaggio favorendo il proprio "gruppo" ad esclusione di un altro. Quando sento del rap napoletano (per fare un esempio) , a parte la simpatia e la musicalità partenopea, io non mi sento partecipe del messaggio. Lo stesso non mi accade se ascolto del rap statunitense. Perchè accade? Perchè un italiano che canta in dialetto si chiude all'Italia e sembra rivolgersi solo alla sua città-regione. Questa è la mia percezione, giusta o sbagliata che sia.

    Fonte/i: Il dialetto che più mi piace è quello toscano. Quello che meno mi piace è quello bolognese
  • 8 anni fa

    è un'arma a doppio taglio di sicuro, personalmente dipende dalle canzoni a meno che non sia il mio dialetto(essendo veneto ad esempio adoro herman medrano).

    a me il mio dialetto piace molto, o almeno mi piace quello della mia zona, già se vado a verona comincia a suonarmi un po' strano. mi piace anche il romano, sarà che mi vengono in mente i soliti idioti con father and son XD

    riguardo al dialetto che non mi piace bè..."parli con un dialetto che sembra un colpo di stato"...riferito agli amici marchigiani XD

  • Kaos
    Lv 4
    8 anni fa

    L'utilizzo del dialetto nella musica e quindi nel rap, fondamentalmente è giusto, perchè essendoci libertà di espressione, ognuno può far ciò che vuole, il problema stà nel fatto di cosa si vuole comunicare; mi spiego, se stò cercando di farmi capire dal maggior numero di persone possibili, allora la scelta di utilizzare il dialetto sicuramente è scorretta, se invece si vuole comunicare il proprio stato d'animo, oppure alcuni concetti "intimi" allora la cosa risulta funzionare molto bene.

    Ovviamente è anche da considerare che alcuni tipi di dialetto non si sposano col rap, basti pensare ai dialetti del nord, infatti tutt'ora non mi è mai capitato di ascoltare rap milanese, o rap torinese.

    I dialetti che vanno a braccetto col rap sono soprattutto quelli del sud, devo dire che quello napoletano non mi ispira particolarmente, ma è solo una questione personale, mentre quello calabrese ad esempio (Turi in particolare) mi sembra che sia fatto apposta.

    Comunque il rap nel suo piccolo ha utilizzato sempre il dialetto, solo che nell'ambiente si chiama slang.

    Il mio dialetto (l'Ascolano) non mi dispiace, anzi lo trovo divertente, però lascia un accento, anche nel parlare l'italiano, molto cafone e campagnolo, che non mi piace per niente.

    I dialetti che mi piacciono molto sono l'Abruzzese (è troppo comico), ma anche il Veneto, un dialetto che odio è il Toscano, fà sembrare quelli che lo parlano dei babbi.

    @mi spiace deluderti Zakka, ma la canzone non mi piace proprio, il dialetto del nord-ovest in particolare col rap non c'entra niente, forse quello del sud è più appropriato perchè con il loro ci fanno la pizzica, che come cadenze ha qualcosa in comune con il beat.

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 8 anni fa

    1) A me il dialetto nelle canzoni Rap non pace però per esempio Clementino che nella canzone " La luce " mette italiano e napoletano va bene, è orecchiabile ma tipo Roccho Hunt non lo ascolterei perchè parla dialetto napoletano e quindi non si capisce una mazza

    2) Adoro tantissimo da morì er mio dialetto Romano XD Di dialetti mi fanno crepare dalle risate quello pugliese e quello milanese hahahaha ma non sopporto quello napoletano u___u

  • Zakka
    Lv 4
    8 anni fa

    @Kaos: non son d'accordo riguardo il tuo parere sui dialetti del nord.. senti

    http://www.youtube.com/watch?v=mF1RfcLF00s

    Youtube thumbnail

    questa canzone, potrebbe farti cambiare idea.

    Rispondendo alla domanda:

    1) secondo me l'utilizzo del dialetto è una cosa positiva, molto spesso il rap dialettale è molto più veloce che non quello italiano, quindi è (per chi lo capisce) veramente bello da ascoltare.

    2) A me piace il mio (bresciano - bergamasco), mi piace molto anche il napoletano anche se ci capisco ben poco.. dialetti che non sopporto non ce ne sono, non che ne conosca molti..

  • 8 anni fa

    Sono contenta che sia uscita una domanda sul rap in dialetto! A me piace tantissimo, lo trovo interessante e mi diverte pure. Dovrebbero utilizzarlo più spesso dai rapper, perchè come hai detto tu, quando usi il dialetto ti esprimi meglio, comunichi molto di più, mentre in italiano sei più limitato.

    Proprio l'anno scorso ho cominciato ad ascoltare i Co'sang e i Fuossera. Ovviamente all'inizio non capivo quasi nulla, però loro sono stati così gentili da mettere su internet sia i testi in italiano che quelli in napoletano, così ascoltando le canzoni e studiandomi bene entrambi i testi con il tempo sono riuscita a capirli. Però c'è voluto tanto tempo, e tanta pazienza... TANTA PAZIENZA! è stata un po' n'ammazzata però alla fine ne è valsa la pena, perchè mi sono resa conto che sono INTENSI, sono stati capaci di farmi entrare dentro le loro parole, le loro storie... sono qualcosa di meraviglioso e se fossero stati scritti in italiano i loro pezzi non sarebbe stato lo stesso. Mi dispiace solo di non averli scoperti prima, i Co'sang ho cominciato ad ascoltarli a settembre e loro si sono sciolti a febbraio... che rosicata...

    Infatti non lo posso sentire Luchè rappare in italiano, sembrano vuote le sue canzoni, sembra quasi scarso adesso, non hanno nè sale nè pepe, non come quando rappava in napoletano.

    E' stato davvero interessante mettersi lì a studiare bene tutte le parole e sforzarsi di tradurle nel mio dialetto per cercare di dargli la stessa enfasi

    dopo aver ascoltato i Co'sang non ho avuto troppe difficoltà a capire gli altri, ho avuto sempre bisogno del testo in italiano, ma molte parole e espressioni le avevo già imparate da loro quindi è stato meno faticoso.

    Ho provato ad ascoltare altri... però la maggior parte sono dei semplici rapper che rappano in dialetto e parlano quasi sempre della malavita e non hanno quel qualcosa in più.... a parte qualcuno... ecco tipo Turi è un grande :D è fantastico, mi fa morire!

    Il mio dialetto, quello romano, mi piace sì, se non viene storpiato o banalizzato.

    Quello napoletano mi piace... ma quasi tutti alla fine... non so se c'è un dialetto che non mi piace...

    Io poi ho ascoltato solo rapper meridionali, cioè mai sentito una canzone rap in dialetto milanese veneto o triestino... nemmeno ho mai sentito parlare di rapper che rappano in questi dialetti, se li conoscete ditemelo... a patto che ci sia anche il testo in italiano però!

    Io penso si possa usare di più il dialetto nelle canzoni, il problema non è la comprensione ma la pigrizia del pubblico!

    non è come quando ascolti i rapper americani e devi tradurli dall'inglese (che è una lingua che studi pure a scuola) all'italiano, qui sei completamente autodidatta

  • 8 anni fa

    Hai già detto tutto tu: sicuramente ci sono dei dialetti che non sono facilmente comprensibili e magari per chi non è del posto il significato non arriva in modo diretto, cosa che invece nel rap è fondamentale quindi questo è certamente un problema.

    In generale però sono d'accordo con quelli sopra di me e quoto tutti i loro motivi, aggiungendone un altro: rispetto chi rappa in dialetto perché vuol dire che ci tiene alle sue radici e cerca di mantenere la propria identità...meglio uno che rappa in lingua locale che uno che copia gli americani con improponibili reinterpretazioni del loro slang.

    A tal proposito volevo linkare Triste MC, che in questa canzone da quello che ho capito canta in antico dialetto siciliano http://www.youtube.com/watch?v=LIk_0fj-QSo

    Youtube thumbnail

    Della serie supportiamo chi merita

    Per quanto riguarda il mio dialetto che è marchigiano della provincia di ancona lo considero piuttosto divertente e colorito ma se parliamo di musicalità ci sono dialetti che sono nettamente sopra e più adatti al rap, in particolare il napoletano e il barese.

  • Lino G
    Lv 5
    8 anni fa

    Domanda particolare e interessante

    Venendo al dunque personalmente ascolto con piacere qualsiasi canzone fatta in dialetto anche se ammetto di non comprenderne sempre il significato . La pecca come giustamente osservavi è la comunicazione in quanto rischia di divenire esclusiva perché accessibile soltanto agli ascoltatori di quella determinata regione . Ma in generale sono favorevole al suo utilizzo proprio perché nella maggior parte dei casi riesci a trasmettermi qualcosa in più , in maniera più diretta.

    Essendo di origini salernitane ma vivendo a Roma da ormai venti anni ovviamente mi risultano comprensibili e piacevoli il dialetto napoletano e quello romano , in particolare quest'ultimo mi risulta maggiormente gradito proprio per la cadenza e l'intonazione che invece ho capito tu non digerisci molto : )

    Un dialetto a cui sono leggermente refrattario è quello Toscano , a pelle mi sembra che stoni un po ma sono pareri personali .

    Easy : Non mi potrai mai sentire cantare allora che peccato , ho una accentuata cadenza napoletana !! :p

  • Anonimo
    8 anni fa

    L'uso del dialetto è lecito e sacrosanto, anche perchè molti pensieri hanno una forma migliore nella raffigurazione dialettale, e te lo dice uno che ha girato un po' e di accenti ne ho 3 o4. Il napoletano, mio primo dialetto, è un discorso ancora più particolare rispetto agli altri, perchè pieno di troncamenti ed elisioni, allitterazioni naturali ecc, permette di avere una metrica e un flow di pensieri (e non) unico. Non può esserci uno che fa freestyle come Clementino. Il romano, mio terzo dialetto, neanche lo è tecnicamente, molte parole sono solo varianti delle parolee romane rispetto gli accenti, il romano vero, quello dialettale, non si parlà più eccetto che i ritorvi per vecchi.

    Generalmente quelli del sud suonano meglio e sono più semplici perchè le parole si incastrano meglio, e che nessuno me ne voglia, ma è obiettivo il dato. Ma altrettanto obiettivo è che sono quelli che spaccano di più. Gli assurdi tecnicismi dei 13 bastard* non sarebbero mai nati senza il dialetto, Lugi, Moddi e tanti altri mostri sacri sono tali con l'uso del dialetto- In conclusione, pro dialetto.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.