Anonimo
Anonimo ha chiesto in Arte e culturaStoria · 9 anni fa

Nel medioevo come è accaduto il passaggio da suddito a cittadino ?

Sotto i seguenti aspetti : politico, economico, sociale, religioso , giuridico , territoriale, grazie a tutti

1 risposta

Classificazione
  • 9 anni fa
    Risposta preferita

    La tua domanda è un po' ambigua: il termine "cittadino" nasce con il Còde Napoleon nel 1804. Interpretando la tua domanda a modo mio, ti dico che nel tardo Medioevo (in realtà i veri cambiamenti accadranno dal rinascimento), era la Chiesa a detenere il "progresso" filosofico. Nel Medioevo di fatto, qualcosa cambiò, ma le guerre dei secoli sucessivi riporteranno all'assolutismo, che cadrà definitivamente a fine 700, in Francia.

    La Fonte del diritto a governare: nel Medioevo prevalse la legittimità del potere umano, derivata comunque da Dio. In nessun modo tale potere dipendeva dai sudditi, i quali avevano il dovere di obbedire. La limitazione al governante, derivante dai germanici, era solo teorica. La concezione discendente del potere divenne dominante e venne afforzata dalla visione teocratica della Monarchia (Dio come fonte di potere al Re).

    Se nella filosofia greco-romana era già presente un’idea contrattualistica dello Stato, nell’Alto Medioevo si diffuse l’idea di un contratto vincolante non solo per il sovrano, ma anche per il popolo. Anche il Feudalesimo funzionava così: il vassallo doveva fedeltà al suo signore, ma in cambio doveva ricevere protezione e sostegno; se ciò non avveniva il vassallo aveva il diritto di non essere più fedele.

    Si diffusero anche in quel periodo le prime teorie che legittimavano il popolo a ribbellarsi al potere dispotico di un sovrano, nel caso non seguisse gli interessi degli stessi. Ovviamente c'erano pareri contrastanti.

    La Chiesa si limitò ad accettare la proprietà come condizione necessaria, come anche la schiavitù.

    Nel Rinascimento:

    Ma è a metà del 1400 che ci fu la scoperta più importante: la stampa a caratteri mobili, che portò scritti greco-romani alle masse intellettuali. Grazie alla mentalità umanista che portò ad un giudizio degli scritti del passato da un punto divista indipendente e non ancorato alle vecchie credenze.

    E sarà proprio la cultura greco romana a progredire le idee filosofiche (illuminismo e umanesimo) che porteranno le prime monarchie parlamentari.

    Fonte/i: Ho integrato con alcuni riassunti miei, tratti dal libro "Storia del Pensiero politico occidentale" di Kelly.
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.