Ecco alcune frasi e pensieri del Santo Padre, si può pensarla diversamente?

Nel 1986, nel ruolo di prefetto della Congregazione per la dottrina della fede, firmò il documento intitolato Cura pastorale delle persone omosessuali, in cui si definisce l'omosessualità come condizione oggettivamente disordinata.

In qualità di prefetto della Congregazione per la dottrina della fede, fu autore dell'epistola De Delictis Gravioribus datata 18 maggio 2001 e rivolta a tutti i vescovi e ad altri membri della gerarchia della Chiesa cattolica. Successivamente, è stato citato come imputato dalla Corte distrettuale della contea di Harris (Texas), perché accusato di "ostruzione della giustizia" a seguito dell'invio dell'epistola. Secondo l'accusa, il documento della Congregazione potrebbe aver favorito la copertura di prelati coinvolti nei casi di molestie sessuali negli Stati Uniti (molti dei quali su minorenni).

Però il Papa non può essere processato perché gode dell'immunità!!!

ecco cosa disse il 25 marzo del 2005 poco prima di essere Papa:

« Signore, spesso la tua Chiesa ci sembra una barca che sta per affondare, una barca che fa acqua da tutte le parti. E anche nel tuo campo di grano vediamo più zizzania che grano. La veste e il volto così sporchi della tua Chiesa ci sgomentano. Ma siamo noi stessi a sporcarli! Siamo noi stessi a tradirti ogni volta, dopo tutte le nostre grandi parole, i nostri grandi gesti. Abbi pietà della tua Chiesa! »

Parole bellissime non c'è che dire! Ma poi?

Il 1º aprile 2005 tenne a Subiaco una conferenza dal titolo «L'Europa nella crisi delle culture», nella quale tracciò uno scenario della Chiesa in Europa e criticò fortemente «la forma attuale della cultura illuminista» che costituisce «la contraddizione in assoluto più radicale non solo del cristianesimo, ma delle tradizioni religiose e morali dell'intera umanità»

«dittatura del relativismo che non riconosce nulla come definitivo e lascia come ultima misura solo il proprio io e le proprie voglie», opponendo ad essa «un'altra misura: il Figlio di Dio, il vero uomo», «misura del vero umanesimo», ««criterio per discernere tra vero e falso, tra inganno e verità»; disse quindi che: «questa fede adulta dobbiamo maturare, a questa fede dobbiamo guidare il gregge di Cristo» anche se «avere una fede chiara, secondo il Credo della Chiesa, viene spesso etichettato come fondamentalismo»

Ancora si scaglia contro gli omosessuale...questa è una sua vecchia fobia.

« Le varie forme odierne di dissoluzione del matrimonio, come le unioni libere e il "matrimonio di prova", fino allo pseudo-matrimonio tra persone dello stesso sesso, sono invece espressioni di una libertà anarchica, che si fa passare a torto per vera liberazione dell'uomo. Una tale pseudo-libertà si fonda su una banalizzazione del corpo, che inevitabilmente include la banalizzazione dell'uomo. Proprio da qui diventa del tutto chiaro quanto sia contrario all'amore umano, alla vocazione profonda dell'uomo e della donna, chiudere sistematicamente la propria unione al dono della vita, e ancora più sopprimere o manomettere la vita che nasce. »

(Papa Benedetto XVI, Messaggio per la celebrazione della XLV Giornata Mondiale della Pace)

Ecco il suo pensiero principale:

Relativismo culturale (ovvero illuminismo) e Omosessualità (disordine sessuale per dire un eufemismo).

fonte wikipedia.

Mi ritengo di filosofia cristiana umanistica ma posso dissentire dal Papa? Ecco non la penso come lui!

3 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    8 anni fa
    Risposta preferita

    Chiedi a Dio non all'uomo...

  • Crobon
    Lv 6
    8 anni fa

    Non solo il 'Cristianesimo', ma qualunque progetto religioso contempla in materia di sessualità l'unione 'ordinata' tra due soggetti. Il fatto che in natura possano esserci attrazioni di vario tipo, non dona loro automaticamente legittimità, o perlomeno pari dignità rispetto all'unione stabile e feconda uomo-donna. Se lasci decidere all'ego, invece, non sai più dove vai a finire, l'individuo non è più teso a un'esistenza 'ordinata'. Il problema è proprio che l'uomo occidentale moderno non riesce più a governare il proprio ego, e aborre ogni progetto che voglia dargli una forma, un ordine, che voglia contenerlo. Si tratta di una vera e propria tirannia dell'ego, che detta un clima che respiriamo tutti. Da qui i vari ribellismi e anarchia normativa perfino nei credenti.

  • Anonimo
    8 anni fa

    papa Penetetto xD

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.