Anonimo
Anonimo ha chiesto in Arte e culturaStoria · 9 anni fa

quando ci fu la peste nera a venezia e perchè avvenne?

3 risposte

Classificazione
  • Django
    Lv 6
    9 anni fa
    Risposta preferita

    La peste è dovuta al "bacillo di Yersin" e si presenta in due forme diverse: la peste bubbonica e quella polmonare.

    La peste bubbonica è il tipo primario e colpisce prima di tutto varie specie di roditori, mantenendosi fra questi allo stato endemico in diverse regioni dell'Asia centrale. In Europa il roditore che diffuse la peste fu il "rattus rattus", ovvero il piccolo topo nero e dalla coda lunga presente ovunque, nelle case e nei granai. Data la scarsa mobilità del topo nero, la peste bubbonica si estese molto lentamente per via di terra, ma assai in fretta per via d'acqua, perché il topo stesso poteva essere trasportato da un porto all'altro nelle stive delle navi. Ben diversamente stanno le cose per la peste polmonare, una complicazione che colpisce l'apparato respiratorio in via secondaria rispetto alla peste bubbonica, ed è altamente contagiosa, dato che si trasmette con lo stesso meccanismo dell'influenza e del raffreddore. Mentre il trasporto di pulci infette contenute in balle di merci (specie di indumenti) può essere causa di nuovi focolai della malattia, un solo ammalato di peste polmonare è in grado di accendere un'epidemia di grandi dimensioni. Va osservato che nel passaggio dall'autunno all'inverno la peste bubbonica può trasformarsi in quella polmonare: la prima si manifesta nei mesi caldo-umidi e si estingue quando i primi freddi tendono a ridurre la popolazione delle pulci; la seconda (che si manifesta più raramente) raggiunge, invece, la sua fase più acuta precisamente nei mesi invernali.

    La peste comparve nel 1338 in Asia centrale, a partire da un focolaio che è stato collocato nella regione attorno al lago Balhash. Poi si spostò verso occidente seguendo i percorsi della via della seta. Nel 1341 era a Samarcanda, poi toccò Astrahan, sulla costa settentrionale del mar Caspio, e nel 1346 penetrò nella colonia genovese di Caffa sul mar Nero, introdotta durante l'assedio cui la città era sottoposta da parte dei tatari. Dalla fine dell'estate del 1347 alcune navi genovesi partite da Caffa seminarono la peste nei loro scali di Costantinopoli, in settembre, e di Messina, i primi giorni di ottobre. L'epidemia, che aveva già trovato modo di raggiungere la Siria e l'Egitto, nel corso del 1348 si diffuse in Italia, Francia, Spagna e Inghilterra, seguendo le principali vie terrestri e rotte marittime.

  • Davy
    Lv 5
    9 anni fa

    Fu colpa della chiesa che fece chiudere e vietare i bagni pubblici in quanto ritenuti immorali. (uomini e donne che si lavavano assieme..).

    La mancanza di igiene da ciò derivante fece scoppiare la peste e altre malattie.

  • 9 anni fa

    Per peste nera si intende, in data odierna, la grande pandemia che uccise tra un terzo e un quarto della popolazione europea durante il XIV secolo. Nel Medioevo non era utilizzata questa denominazione, ma si parlava della grande moria o della grande pestilenza. Furono cronisti danesi e svedesi a impiegare per primi il termine morte nera (mors atra, che in realtà deve essere intesa come "morte atroce") riferendolo alla peste del 1347-53, per sottolineare il terrore e le devastazioni di tale epidemia.

    Nel 1832 questa definizione venne ripresa dal medico tedesco Justus Friedrich Karl Hecker. Il suo articolo sull'epidemia di peste del 1347-1353, intitolato La morte nera, ebbe grande risonanza, anche in quanto venne pubblicato durante un'epidemia di colera. L'articolo fu tradotto in inglese nel 1833 e pubblicato numerose volte. Da allora i termini Black death o Schwarzer tod ("Morte nera") vennero impiegati per indicare l'epidemia di peste del XIV secolo.

    La peste nera dà diversi tipi di sintomi i quali sono il più delle volte letali. I sintomi includono barcollamento, catarro, convulsioni, diarrea emorragica, inappetenza (anoressia), muco schiumoso, occhi infiammati, paralisi, tremore, prostrazione, respirazione difficoltosa, sete intensa, vomito, sangue dal naso, lividi e bubboni

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.