VI CHIEDO DI ORIENTARMI SULL'ETA' DI UN BONSAI APPENA COMPRATO... GRAZIE!?

Salve a tutti, vi chiedo di aiutarmi a capire quale sia, più o meno, l'età del mio bonsai. L'ho comprato una settimana fà, è un bonsai di ficus, e l'ho pagato 35 €. Non si tratta di uno di quegli alberelli che si trovano fuori da una chiesa o fuori da un supermercato che costano 10 € e hanno due rametti, questo è già bello formato, ha un bel tronchetto robusto, tante foglie. Ho girato un pò di siti dove si possono comprare e ho visto che bonsai di ficus che vengono su i 30-35 € hanno un'età che si aggira ai 12-13 anni, però modestamente quello che ho io sembra poco + sviluppato di quelli che ho visto in foto. Grazie in anticipo, ribadisco che non cerco un'età precisa ma approssimativa.

4 risposte

Classificazione
  • 9 anni fa
    Risposta preferita

    Ho appena fatto un bonsai di glicine da un ramo di 3/4 anni. L'ho margottato in primavera. é stato su tutta l'estate e un mese fa l'ho tagliato e messo in vaso. Adesso lo sistemo per l'invervo e questa primavera mi farà due o tre grappoli di fiori. La pianta madre ha 15 anni la mia piantina il prossimo anno avrà un anno, ma fa i fiori grandi e belli come sua mamma. Bonsai di 200 300 anni non esistono in commercio ma di 30 50 anni fatti da rami di 200/300 anni.

  • 8 anni fa

    Per comprendere i criteri da seguire per determinare il valore di un bonsai possiamo ricorrere ad un parallelo con un altro prodotto che presenta differenze di prezzo notevoli come l’aceto balsamico: vi sono degli aceti balsamici che costano qualche euro così come vi sono aceti balsamici invecchiati per oltre 50 anni,provenienti da acetaie artigianali, che possono costare anche 2000 euro al litro, analogamente si possono acquistare dei bonsai a 15- 20 euro e bonsai da collezione valutati anche migliaia di euro.

    *Il primo elemento da tenere in considerazione per valutare il valore di un bonsai riguarda l’età, vi sono dei bonsai da collezione che hanno 200/300 anni di vita e che possono raggiungere delle quotazioni molto elevate.

    *Il secondo elemento da vagliare riguarda la provenienza: un bonsai giapponese con certificazione di autenticità attestante l’appartenenza ad una scuola bonsaista riconosciuta e rinomata può essere venduto al pubblico ad un prezzo di 1700-2000 euro ad esemplare.

    *Lo stile di un bonsai è un altro elemento che ne determina il valore, vi sono scuole bonsaiste che si contraddistinguono per i loro bonsai dai tratti distintivi unici e inconfondibili che si raggiungono seguendo delle regole ben precise che riguardano le dimensioni che deve raggiungere il bonsai, la forma dei rami,la presenza di un determinato numero di torsioni del tronco,l’inclinazione della pianta che si può sviluppare orizzontalmente o verticalmente ecc.

    *La fama di un autore è un fattore spesso determinante quando viene quotato un bonsai: diversi maestri bonsaisti sono rinomati e conosciuti a livello internazionale per il loro stile inconfondibile; alcuni di loro hanno creato delle scuole di arte bonsai in tutto il mondo, queste scuole seguendo i principi ispiratori del maestro sono spesso dei luoghi di esercizio spirituale in cui tecnica, arte e concezione della vita si sovrappongono a tal punto che il bonsai può essere definito come la manifestazione materiale di una visione del mondo.

    *Il quarto elemento che bisogna valutare è il tipo di pianta: vi sono specie tropicali che per la loro rarità hanno già in partenza un valore maggiore rispetto alle specie più comuni.

    Esperienze personali:Vedere una collezione di esemplari rari è come visitare una mostra di quadri d’autore che non si potranno mai possedere, tuttavia è possibile acquistare degli esemplari di un certo pregio a costi accessibili rivolgendosi ad un importatore specializzato nella commercializzazione di bonsai di qualità.

    Ho regalato diverse esemplari di bonsai tropicali adatti ad essere collocati all’interno pagandoli intorno ai 50,00 euro comprese le spese di spedizione, un costo sostenibile considerando che spesso in Italia vengono venduti dei bonsai di specie comuni a prezzi non congrui.

    Si consiglia pertanto di valutarne l’acquisto visionando i cataloghi che numerosi importatori oggi rendono disponibili su internet.

    Prezzo: Le quotazioni partono da poche decine di euro sino ad arrivare a migliaia di euro per gli esemplari più rari e da collezione.

    Svantaggi:Il prezzo dei vecchi alberi bonsai e da collezione non sempre è determinato in base a dei parametri oggettivi.

    Vantaggi: Conoscere le variabili che determinano il valore di un bonsai permette di fare degli acquisti consapevoli e di evitare che esemplari comuni vengano spacciati per rari.

  • Anonimo
    9 anni fa

    mi dispiace deluderti ma purtoppo i bosai che compri nn hanno tanta età, infati quello che hai comprato avra massimimo 10 anni. poi che sia piu grande o più grande o piu piccolo poco importa, infatti ci sono bonsai di 600 anni che sono piccoli e alcui ke ne hanno 300 anni è sono il doppio. spero di averti dato una risposta

    Fonte/i: me&me
  • Anonimo
    9 anni fa

    ha 74 anni, 5 mesi, 28 giorni, 7 ore, 52 minuti, e 34 secondi. ma quando leggerai questa risposta avrà più minuti.

    Fonte/i: bonsaista esperto.
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.