Breve riassunto sul Paleolitico, Mesolitico, Neolitico e rivoluzione Urbana!!?

ragazzi come da titolo mi servirebbero tali riassunti sono per domani pls un aiuto se potete riassunti centrati un po piu sull'economia del tempo e come vivevano Grazie :D

3 risposte

Classificazione
  • Abcde
    Lv 5
    8 anni fa
    Risposta preferita

    PALEOLITICO

    Il paleolitico è il primo periodo dell'età della pietra. L'uomo è in grado di lavorare la pietra con la tecnica della scheggiatura per creare utensili, armi e strumenti. Conosce l'uso del fuoco che utilizza per cuocere il cibo, proteggersi dalle belve feroci e riscaldarsi. L'uomo del paleolitico vive di raccolta, di caccia e di pesca. Per proteggersi dal freddo si copre con le pelli degli animali uccisi e si rifugia nelle caverne. Per inseguire la cacciagione è costretto a cambiare di frequente il territorio di caccia ed a praticare una vita nomade. Nel paleolitico è già presente una forma di spiritualità: si disegna sulle pareti e si seppelliscono i morti.Gli uomini vivono in tribù di 15-20 persone nomadi.

    MESOLITICO

    Il mesolitico è l'era successiva al paleolitico, iniziata dopo la fine dell'ultima glaciazione. E' l’epoca della preistoria in cui si registra un riscaldamento generale del clima del pianeta. Le civiltà di quest’epoca si caratterizzano per il passaggio dall’attività di caccia a quelle della coltivazioni di prodotti e dell’allevamento del bestiame. L’uomo impara ad addomesticare gli animali ed a coltivare il terreno. Questi eventi si verificano prevalentemente nella fertile zona della Mezzaluna Fertile, una regione tra l’Egitto e il Golfo Persico. Il passaggio dalla caccia all'agricoltura/allevamento modifica le abitudini di vita dell'uomo da nomade a stanziale. L’uomo inizia ad organizzarsi in villaggi realizzati con abitazioni circolari.

    NEOLITICO

    Il neolitico è l'ultima età della preistoria, l'uomo vive di agricoltura e di allevamento. SI cominciano a lavorare i metalli e le ceramiche, si vive in villaggi di qualche dozzina di persone, dove la divisione dei ruoli è in base all'età ed al sesso: donne e bambini si dedicavano all'agricoltura, gli uomini lavoravano i metalli ed andavano a caccia, i vecchi si riunivano in assemblee e governavano il villaggio.La diffusione dell'agricoltura trasforma l'economia nomade, basata sulla caccia e sulla raccolta, in una economia stanziale fondata sull'agricoltura e l'allevamento. L'uomo abbandona il nomadismo tipico delle piccole comunità dei cacciatori per costruire villaggi di capanne e condurre una vita stanziale. I primi villaggi sono costruiti sull'acqua (palafitte) o sulla terra (terramare) per difendersi dalle belve feroci e dai nemici.

    RIV.URBANA

    Alla fine del neolitico, in mesopotamia, alcune popolazioni si stanziarono al sud, tra i due fiumi (il Tigri e l'Eufrate). Il clima di queste zone, rendeva fertile la terra facendo sviluppare l'agricoltura. Così, i popoli che giungevano in quelle zone, aumentavano sempre di più. I villaggi si ingrandirono. Si ebbe la necessità di dividere i compiti ed i lavori (nacquero i mestieri) e di stabilire un centro di potere (il palazzo, con, a capo della città, un re). Era nata la città.

    Spero di esserti stato utile.

  • 3 anni fa

    Su questo sito http://GravidanzaMiracolosa.netint.info/?14ET troverai alcune spiegazioni di base su come aumentare la probabilità di rimanere incinta naturalmente, ma ti raccomando di fare il possibile perchè lo stress della ricerca non trasformi l'intimità della coppia in un compito da svolgere calendario alla mano.

  • 6 anni fa

    grazie a te domani andrò bene all'interrogazione

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.