Anonimo
Anonimo ha chiesto in Società e cultureReligione e spiritualità · 8 anni fa

In "folle" con lo Zen, pacifiche diatribe?

Leggendo i vari interventi in tema di Zen,specie da parte di utenti che ne ostentano l'avatar,ho fatto le seguenti riflessioni che vorrei condividere con voi e con loro ,nel caso.

Un po di storia:

Lo Zen o Chan ( in cinese) che ebbe la sua maggiore fioritura in Giappone ad opera di un Monaco indiano che lo importò dall'India ( era un frammento di una pratica pià ampia di tipo Yogico chiamata Dyhana, meditazione sul vuoto) di fatto e' ben esposto in RS dagli utenti in questione.

Sono i frutti che lasciano a desiderare e la loro postura "mentale",secondo me.

Lo Zen non si occupa di politica,di ateismo, di anticlericalismo.E' "ecumenico",come tutte le discipline orientali non mistificate dai gusti e le mode occidentali.E ateo solo di riflesso.

Non vuole annullare l'ego, annihilire la personalità.Semplicemente essendo uan diretta conseguenza del Buddhismo ( su cui poggia le sue solide radici) sa benissimo che l'individuo già di per sè ,naturalmente,tende ad alimentare l'ego e con esso l'illusione (Maya in sanscrito)

Non esiste insegnamento esoterico o alto che sfugga a questi criteri.E nel caso sono solo fandonie da megalomani.

Non c'entra alcunchè il bigottismo o il qualunquismo di chi eventualmente obietta.C'entra l'osservanza.Buddha insegnò una pratica che permetteva al'uomo di verificare i suoi progressi spirituali e con lo Zen ne abbiamo una versione più libera e scevra da dogmatismi.Questo non significa che debbe diventare una succursale del pensiero ateo o una fantasia.

Voi lo praticate lo zen?

Aggiornamento:

@folle: mi sarò espresso male citando" in primis" la Cina ma troppo brevemente. Se leggi attentamente non ho espresso nulla di personale ,anzi.Ho scritto che giunto in Cina il Dyhana divenne Chan che in seguito e in Giappone si tradusse in Zen.Non vedo errori?.Volevo solo essere sintetico.

In secondo luogo ,ma e' un limite del web e non tuo in particolare.Si tende a dare un giudizio senza aver letto o assimilato tutto.Non ho scritto che il Buddhismo e lo Zen non mirino all'annullamento dell'Ego.Ho scritto che per questa ragione l'individuo non cessa di avere una personalità,dei gusti o rinuncia ai piaceri della vita.( tralaltro mi sembrava più una tua posizione che non una mia, quella che ora mi critichi).

Quello che scrivi in genere non si discosta affatto da un insegnamento tradizionale, quanto il mio non e' viziato da interpretazioni e personalismi.Un giorno mi misi a ridere,perchè il mio maestro di karate che sosteneva di praticare lo Zen disse "

Aggiornamento 2:

...Questo maestro insomma ci incitava dicendo " dovete allenarvi,meditare,fare...per raggiungere l'illuminazione.Ma se teniamo conto del concetto di Wu wei ( non azione) tipico delle arti marziali e proveniente dalla cultura Chan,e' quanto di più fuorviante.

Non dissento dalle tue citazioni Zen e dai concetti che esprimi.Solo a volte non li vedo proiettati nel tuo intimo.Specie quando fai attacchi antireligiosi e simpatizzi con un certo tipo di ateismo che non e' dei migliori.Per il resto nulla da eccepire.Ma di personalismi da parte mia proprio non ce ne sono.

Aggiornamento 3:

...Questo maestro insomma ci incitava dicendo " dovete allenarvi,meditare,fare...per raggiungere l'illuminazione.Ma se teniamo conto del concetto di Wu wei ( non azione) tipico delle arti marziali e proveniente dalla cultura Chan,e' quanto di più fuorviante.

Non dissento dalle tue citazioni Zen e dai concetti che esprimi.Solo a volte non li vedo proiettati nel tuo intimo.Specie quando fai attacchi antireligiosi e simpatizzi con un certo tipo di ateismo che non e' dei migliori.Per il resto nulla da eccepire.Ma di personalismi da parte mia proprio non ce ne sono.

5 risposte

Classificazione
  • 8 anni fa
    Risposta preferita

    L' insegnamento è alla base della vita ( se si vuole seguire) ma l' applicazione dello stesso nella vita ha le sue espressioni e differenze in base alla persona che lo sta seguendo.

    La coerenza e l' aderenza agli insegnamenti passa attraverso tutte le qualità della persona e quando si confuta l' altro si passa attraverso una idea di sè illusa, così come si crede che sia illusa la mente dell' altro.

    Illusione per illusione, oltretutto partendo da conoscenze superficiali spesso della materia mistica originaria che ha sempre una vastità enorme, è preferibile cercare di capire perchè certe considerazioni diano fastidio e perchè proprio a noi, e da lì indagare su se stessi. in fondo solo capendo noi stessi possiamo arrivare a capire gli altri.

  • Anonimo
    8 anni fa

    Faresti meglio a indagare meglio sulla storia dello Zen, ad esempio sul fatto che Bodhidharma lo importò sì dall'India, ma in Cina, e non in Giappone come potrebbe sembrare da quello che hai scritto, è dubbio il fatto che tu non lo sapessi o se hai usato una sintassi infelice che così lo fa sembrare.

    Tranquillo, la sintassi è anche il mio cruccio, e non esiste correttore automatico che ti aiuti ad usarla.

    Stai dando delle informazioni sullo Zen un po' viziate dal tuo modo di pensare.

    Ad esempio sul "un Buddhismo che non vuole annullare l'ego", nulla di più falso, tutto il Buddhismo si fonda su questo, e se tu vedi una esaltazione dell'ego da parte mia, è solo una tua impressione, giusta o sbagliata che sia, e non puoi accusarmi di farne un dogma personale né inventarti una mia personale Via senza il mio consenso.

    "Buddha insegnò una pratica che permetteva all'uomo di verificare i suoi progressi spirituali e con lo Zen ne abbiamo una versione più libera e scevra da dogmatismi."

    Fermati qui, non andare oltre.

    Inoltre le opinioni che ho delle altre religioni incluse le altre scuole del Buddhismo stesso, sono solo conclusioni personali, cosa ci vuoi fare, quando uno vede che il ferro stira meglio quando è caldo e vede gli altri stirare con quello freddo, ha tutte le ragioni per consigliare gli altri ad attaccare la spina della corrente per scaldarlo, e se va anche oltre, di usare il ferro a vapore con la caldaia, per stirare.

    Io dico "cose" delle quali ho un certo grado di convinzione che siano giuste perché ho usato la mia ragione per arrivarci, poi queste "cose" potrebbero essere giuste ma difficili da comprendere oppure sbagliate, ma si spera che ci si arrivi dopo una attenta valutazione o studio dell'argomento, e non per "fede contraria".

  • ?
    Lv 6
    8 anni fa

    Io non pratico lo zen,ma non vedo perchè uno non possa dare una propria opinione.Voglio dire,prima di tutto i buddisti sono tutti atei (o meglio si disinteressano dell'argomento dio),secondo il fatto di essere zen non credo che significhi che non possa fare delle critiche sulle altre religione e/o essere ateo.Magari io lo conosco poco e niente queste filosofie religiose ma.....

  • Anonimo
    8 anni fa

    per me, sei troppo presuntuoso

    come tutti i bigotti

     

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Y
    Lv 5
    8 anni fa

    Ma tu, oltre alla tua immagine riflessa allo specchio, hai qualche amico?

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.