Minita ha chiesto in Affari e finanzaCredito · 8 anni fa

finanziaria, dopo brutale invasione privacy, minaccia " perizia capacità genitoriale"?

Piccolo prologo: Ieri una bruttissima esperienza con una finanziaria che coinvolge i miei vicini, addirittura preoccupandoli, per un mio debito con tale finanziaria (attenzione:il debito originale era con una banca,7 anni fa, poi ci sono stati 4 "acquisti" di questo debito: MAI UNA RACCOMANDATA, SOLO POSTA ORDINARIA). Al tempo ogni mia proposta di rientro "dilazionata" era bocciata dalla direttrice di tale banca, volevano tutto e subito. Parliamo di nemmeno 6 mila euro...

Comunque ieri ho denunciato questo "recuperatore" (lui dice di essere un ufficiale giudiziario, ora non so ancora se lo è o meno, fatto sta che a me non è pervenuto alcun atto ufficiale di atto giudiziario).

Problema per il quale chiedo aiuto alla comunità: questo "recuperatore", non solo dice di essere nel giusto, ma vuole infierire probabilmente perchè si sente invincibile di fronte ad una donna indifesa: io mi sbatto dalle 6 di mattina alle 6 di sera per dare tutto il necessario alla mia bimba, di 4 anni, e riesco a fare tutto e di più. Il "recuperatore" mi ha minacciato (già, mi ha detto pure di fare attenzione e pesare bene le parole perchè lui è un "pubblico ufficiale") di richiedere una "perizia sulla mia capacità genitoriale" perchè ritiene "improbabile" che una "pezzente simile" possa avere la responsabilità di una bambina. Vi prego: voi ora cosa fareste?????

Non ho ancora pubblicato il nome della finanziaria in questione, ma poco ci manca, sto solo aspettando il parere del mio avvocato e poi lo farò non certo su yahoo answer.

Aggiornamento:

Una risposta, anche se non la merita, al "direttore di banca" che parla della sua "collega".

Spero che lei non sia davvero un direttore di banca, perchè è un insulto alla categoria. Lo dico io che sono una chiunque, non un direttore di banca. Ma che c...o dice!!! Per voi allora è normale affidare i debiti non pagati dei "vostri" clienti a dei delinquenti?? Con tutto quello che sta facendo lo Stato per difendere i cittadini da delinquenti ai quali come quelli che lei, che si descrive addirittura come "direttore di banca", si rivogerebbero??? Ma mi faccia il piacere, e si vergogni!!!. Spero proprio che non sia il direttore di banca che dice di essere. Mi paicerebbe almeno, quando tutto questo diverrà pubblico, e stia tranquillo che lo diverrà, che esca allo scoperto e racconti la sua triste storia di "direttore di banca con esecutori mafiosi", se è vero che lei è un direttore di banca.

Spero che non sia vero, perchè a breve stia pur tra

2 risposte

Classificazione
  • 8 anni fa
    Risposta preferita

    CIAO! i recuperatori si spacciano per qualsiasi cosa non starli a sentire ... non dargli confidenza...

    per 6,000 euro cosa vuoi che facciano ...un bel nulla ....

    aspetta che scada la dbt ... prima o poi ti faranno un offerta per un saldo a straccio ...

    ma non firmare cambiali ne altro... ATTENZIONE!

    HAI UN REDDITO ? AL MASSIMO CON IL TEMPO POSSONO RIUSCIRE A FARTI LA CESSIONE DEL QUINTO.... MA NULLA PIU' DI CIO'...

    DORMI SOGNI TRANQUILLI... PENSA ALLA TUA BIMBA

    E SOPRATUTTO NON DARE CONFIDENZA A NESSUN RECUPERO CREDITO SI PRESENTI

    NON FARLI ENTRARE IN CASA...MAI! TANTO LORO SONO ACCATTONI CONTANO MENO DI ZERO!

    BUONA FORTUNA

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 8 anni fa

    allora, premetto che i debiti vanno pagati e non pagarli comporta delle conseguenze non piacevoli.

    La premessa è d'obbligo perchè tu devi capire che non sei nel giusto. Se quella direttrice di banca (che fa il mio stesso lavoro) ha deciso di non accettare la tua proposta di dilazione ma di girarti a contenzioso cavrà dei motivi per farlo. ti posso assicurare che io, come direttore di banca, non ho la facolftà di decidere se accettare o meno una dilazione. prima di tutto il cliente deve fare una porosta che sia ragionavole, seconda cosa questa proposta va approvata da altre persone (in sostanza dall'ufficio legale e contenzioso) che può decidere se aderire o meno alla tua proposta. io faccio semplicemente da tramite. Se la risposta è negativa, come mi pare nel tuo caso, a questo punto io mi libero della pratica e la passo direttamente al legale. e poi loro agiranno per vie legali come riterranno più opportuno. Una delle varie ipotesi è proprio quella di affidarsi a società specializzate nel recupero credito.

    Purtroppo queste società di recupero credito (non tutte per la verità) si avvalgono di personaggi alquanto bizzarri che si comportano nella maniera che hai visto.

    Però devi porre attenzione a 2 cose:

    1) non sono assolutamente pubblici ufficiali, ma semplicemente dei dipendenti di queste società.

    2) di fatto non ti possono fare nulla. sono solo dei gran maleducati che minacciano a parole (e mai in presenza di testimoni...) ma non vanno mai oltre. in sostanza tu li denunci ma non hai uno straccio di prova a conferma se nn la tua parola.

    Però guarda l'altra faccia della medaglia. non ci sono testimoni? bene... insulta pure quanto ti pare anche tu che tanto....

    uno che conosco una volta a uno di questi signori l'ha persino buttato fisicamente giù dalla tromba delle scale ed è finito al pronto soccorso. però si è guardato bene dallo sporgere denuncia perchè non era proprio un personaggio limpido e pulito.

    Quindi vedi che fanno solo i gradassi.

    Come dico sempre, purtroppo, nel mio lavoro ci sono cose anche spiaccevoli da dire ai clienti. E tu potresti essere un esempio perchè se non mi paghi il prestito è evidente che io ti devo dire che ti giro a contenzioso e ti verranno fatti i pignoramenti. Però c'è modo e modo e soprattutto l'educazione non la si deva mai lasciare a casa. una cosa è dire: mi dispiace signora ma sono costretto ad istruire le pratiche legali per il contenzioso e le eventuali azioni legali a suo carico. una cosa è dire: brutto pezzente che non sei altro se non mi paghi.... (mi scuso per la parola pezzente che non è evidentemente rivolta a te ma la uso perchè tu l'hai usata). evidentemente il primo modo è quello corretto per porsi di fronte a una situazione comunque spiacevole per entrambi.

    Perchè io nn credo che la mia collega quando ha dovuto girarti a contenzioso abbia esultato. di sicuro l'ha fatto a malincuore perchè non sono mai piacevoli queste cose.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.