Davide ha chiesto in Società e cultureLingue · 8 anni fa

MIpotete x favore tradurre correttamente questo testo ? Oppure se riuscite trovate un riassunto del film Cabre?

Il protagonista del film è Hugo Cabret , un piccolo orfano che vive in una stazione ferroviaria di Parigi. Suo padre, un orologiaio che lavora anche in un museo, è morto in seguito ad un’esplosione. Dopo la morte del padre Hugo va a vivere nella stazione insieme allo zio , il quale, in poco tempo insegna al piccolo orfano ad aggiustare e a permettere il funzionamento di tutti gli orologi della stazione. Lo zio, però , scompare e Hugo si ritrova completamente solo . Nonostante ciò il piccolo continua ad occuparsi degli orologi della stazione e nello stesso tempo cerca di riparare un automa che il padre aveva trovato nella soffitta del museo prima di morire, rubando dei meccanismi in un negozio di giocattoli .Un giorno, mentre sta cercando di rubare un piccolo giocattolo a forma di topo, Hugo viene bloccato dal padrone del negozio ed è costretto a consegnargli un libretto, nel quale sono raffigurati dei disegni del padre. Il bambino cerca insistentemente di riprendersi il libretto ma il signor George, il padrone del negozio, non lo consegna ad Hugo e ,anzi, minaccia di bruciarlo. Una sera l’orfano segue il signore fino sotto casa dove , da una finestra , vede una ragazza. Dopo aver catturato la sua attenzione la ragazza scende e va a parlare Hugo, il quale le spiega la situazione . La ragazzina promette di aiutare Hugo nel recuperare il libretto. Il giorno dopo ,però, George consegna ad Hugo un fazzoletto contenente della cenere . Pensando che fosse il libretto Hugo scappa ma mentre sta tornando a casa incontra Isabelle , la ragazzina che viveva a casa del negoziante, che spiega al ragazzino che il libretto non è stato bruciato e che era tutto uno scherzo. Ancora una volta Hugo va al negozio di giocattoli per farsi ridare il libretto, ma , questa volta il signor George chiede al ragazzino di riparare il topolino che era stato rotto. Il piccolo supera brillantemente la prova e il signore propone a Hugo di lavorare per lui in cambio del libretto. L’orfano accetta la proposta e si mette a lavoro. Nel pomeriggio, dopo aver parlato a lungo, Hugo e Isabelle vanno al cinema ,ovviamente senza pagare. Vengono però scoperti e cacciati dal cinema. Dopo essere fuggiti tornano alla stazione, dove vengono fermati dall’ispettore , il quale , pero , gli lascia andare.

A questo punto il protagonista si accorge di aver fatto tardi e scappa via ma Isabelle viene travolta dalla folla e aiutata a rialzarsi da Hugo che torna indietro. Mentre la aiuta si accorge che Isabelle porta al collo una chiave a forma di cuore, la stessa che avrebbe permesso il funzionamento dell’automa. Cosi, Hugo porta Isabelle a casa sua per tentare di far funzionare l’automa. Dopo aver inserito la chiave, l’automa inizia a muoversi e , dopo essersi bloccato per qualche secondo, esegue un disegno che rappresenta la luna in maniera divertente. Prima di bloccarsi definitivamente, firma il disegno con il nome di George Miliet , il padrino di Isabelle e padrone del negozio di giocattoli. I due ragazzini decidono di andare a casa di George per mostrare alla matrigna il disegno. Dopo pochi minuti , però, arriva George e i piccoli ragazzini si nascondono nella camera da letto dove scoprono un piccolo baule. Nel tentativo di prenderlo, Isabelle cade a terra e dal baule escono decine e decine di disegni del signor Miliet, il quale inizialmente si arrabbia e dopo scoppia in lacrime. Hugo decide di tornare alla stazione.

1 risposta

Classificazione
  • 8 anni fa
    Risposta preferita

    Hugo Cabret is a twelve-year-old boy living in Paris in 1931. Hugo’s parents have passed away, and he was left in the care of his uncle who operated the clocks at a train station. Hugo and his uncle lived in a secret apartment hidden away for employees who operated the train station years ago. When Hugo’s uncle began to leave him alone for hours at a time, Hugo was expected to take care of all of the clocks by himself. When Hugo’s uncle disappeared altogether, Hugo had to live in secret and carry out his uncle’s work so he would not be taken away to an orphanage.

    Hugo’s father worked as a repairman for clocks and other small mechanical objects, and he volunteered his time at a local museum. At the museum, Hugo’s father uncovered an incredibly complex and beautiful automaton, which appeared to be able to communicate by writing a letter. Hugo’s father desperately tried to fix the automaton before his death, and he drew immaculate pictures of the specific parts to help him in his work. Hugo kept the notebook full of illustrations and kept it in his pocket, and had the drawings on him at all times. After Hugo’s father passed away, Hugo became convinced the automaton would produce a message from his father, and that it could help him now that he is all alone in this world. In order to continue to repair and to replace parts the automaton, Hugo needed to steal small mechanical toys from a toy stand operated by Georges Méliés. On the day the story begins, Hugo is caught and Georges Méliés makes him work off the debt so he can see his illustrations again, if Georges hasn’t destroyed the notebook already.

    Hugo continues to steal parts for the automaton, clean the clocks and work in the toy stand. One day, Hugo notices a key around Georges’s goddaughter Isabelle’s neck that he immediately recognizes; it is the last piece that will make the automaton roar to life. Hugo steals they key from Isabelle's neck and he dashed up to his room to operate the machine. Hugo watches in awe as the automaton draws a picture that he recognizes, it is a scene from his father’s favorite childhood movie. As the automaton finishes the picture, he notices that the signature at the bottom is Georges Méliés. Hugo is shocked and he is determined to find out who why the automaton has created this drawing.

    Hugo, with a little help from Georges goddaughter, finally uncovers the truth behind Georges and the picture, Georges was once a magician that created the automaton to perform in shows. Once movies were invented, he created films that dealt with fantasy, but after the war he had to stop creating movies. Georges good friends were killed in a car accident, leaving him with his goddaughter Isabelle to take care of. Georges was forced to stop making movies, and he decided to never talk about his past again. Once Georges is reconnected with his past, he is able to move on and be proud of his accomplishments. Georges takes Hugo in and raises him, and Georges movies are celebrated and viewed in a banquet in his honor.

    Fonte/i: Bye
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.