chimica processi =(((?

1 che servizio assolve un ribollitore??'ed uno scambiatore????

2 perchè lo scambio termico in controcorrente è piu conveniente??

3 l'efficienza di uno scambiatore può variare nel tempo???

4 può la temperatura di uscita del fluido freddo superare quella di uscita del fluido caldo in uno scambiatore in equicorrente???ed in controcorrente???

vi prego rispondete ;/ 10 punti al migliore..

1 risposta

Classificazione
  • 8 anni fa
    Risposta preferita

    1) uno scambiatore e' un'apparecchiatura che consente di trasferire calore da un fluido caldo ad uno freddo senza che ci sia trasferimento di massa e quindi miscelazione tra i due fluidi. Generalmente sono costituiti da un fascio tubiero (un gran numero di tubi di piccolo diametro tenuti insieme ed equispaziati attraverso delle piastre forate) inserito all'interno di una camicia o mantello. All'interno del fascio tubiero viene fatto circolare uno dei fluidi e all'interno della camicia che avvolge il fascio tubiero viene fatto circolare il secondo fluido. Il fascio tubiero, costituito da un gran numero di tubi di piccolo diametro, consente di massimizzare la superficie di contatto tra i due fluidi e quindi anche l'efficacia dello scambio termico. Un ribollitore e' un particolare scambiatore dove lo scambio termico comporta il passaggio allo stato di vapore del fluido da riscaldare. Generalmente e' situato alla testa o al fondo di una colonna di distillazione. Ha lo scopo di ricevere una percentuale del prodotto di testa (o di fondo) e di riscaldarlo, vaporizzando la carica, e rinviarlo qualche piatto piu' sotto (sopra se di fondo) per aumentare il potere separatore della colonna e quindi la purezza dei tagli. Maggiore e' la carica inviata ai ribollitori e minore e' la resa totale della colonna, a vantaggio pero' di una migliore separazione

    2) lo scambio controcorrente e' piu' conveniente perche' si mantiene una differenza di temperatura elevata durante tutto il percorso dei fluidi, mentre nello scambio in equicorrente ad un certo punto si raggiunge un equilibrio termico tra i due fluidi per cui lo scambio non e' piu' efficiente.

    Immagina di avere un fluido caldo che vogliamo sfreddare per mezzo di un fluido freddo... se li mandiamo in equicorrente avremo subito un forte abbassamento di tempratura del fluido caldo ed un aumento della temperatura del fluido freddo. Siccome lo scambio e' in equicorrente il fluido caldo man mano che la sua temperatura diminuisce resta a contatto col fluido di scambio sempre piu' caldo finche' le due temperature non si eguagliano e lo scambio non avviene piu'.

    Nello scambio in controcorrente invece il fluido caldo incontra all'inizio del tragitto il fluido di scambio che ha gia' raggiunto la sua temperatura massima e via via che scorre incontra fluido di scambio sempre piu' freddo, quindi non ha possibilita' di stabilirsi un equilibrio termico tra i due fluidi e lo scambio sara' efficiente lungo tutto il tragitto.

    3) l'efficienza dello scambiatore puo' variare nel tempo: se variano i parametri di processo (ad esempio la carica o la temperatura o la pressione di uno dei due fluidi) ma anche per questioni di manutenzione: se lo scambiatore si sporca internamente la circolazione dei fluidi puo' risultare difficoltosa e si avra' un peggioramento della resa... inoltre se uno dei tubi del fascio tubiero si corrode fino a forarsi (e capita spessissimo) puoi avere miscelazione tra i due fluidi.

    4) in equicorrente la temperatura del fuido freddo in nessun caso puo' superare quella del fluido caldo. Al massimo puo' eguagliarla. In controcorrente in teoria si.

    Fonte/i: Lavoro in una raffineria...
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.