Anonimo
Anonimo ha chiesto in Società e cultureReligione e spiritualità · 8 anni fa

Davvero credete che sia stato un intelligentissimo ingegnere a creare tutto questo?

Questo è un nuovo workshop della Google, e purtroppo funziona solo con Chrome.

http://goo.gl/lknLW

Questo invece è un video che vi mostra quali sono le reali dimensioni della Terra nel'Universo:

http://goo.gl/JNOcU

Vi devo inoltre ricordare che gli elementi chimici di cui siete composti e vi rendono unici provengono da diverse stelle e non sono stati prodotti all'inizio del tempo: gli elementi chimici di numero atomico superiore al ferro vengono prodotti nelle esplosioni delle supernove, in cui viene rilasciata un'energia immensa..

Voi siete qui a causa delle esplosioni stellari, non per il sacrificio di un dio.

Passiamo all'evoluzione teista: se la storia della Terra si potesse paragonare ad una intera giornata, l'uomo comparirebbe due minuti fa.

Si paragona Dio ad un ingegnere perfettissimo, allora riporto le parole del premio Nobel per la medicina e neuropsichiatra Eric Richard Kandel:

"L'azione della selezione naturale è stata spesso paragonata a quella di un ingegnere. Ma si tratta di un confronto che pare poco adeguato. Innanzitutto l'ingegnere lavora in base ad un progetto concepito in precedenza. Secondo, un ingegnere che prepara una nuova struttura non parte necessariamente da quelle vecchie. La lampadina elettrica non deriva dalla candela, nè il motore jet discende dal motore a combustione interna. Infine, gli oggetti prodotti ex novo dall'ingegnere, quanto meno da un buon ingegnere, raggiungono il livello di perfezione consentito dalla tecnologia del tempo.

In contrasto con l'ingegnere, l'evoluzione non produce innovazioni partendo da zero. Lavora su ciò che già esiste, sia trasformando un sistema per assegnargli una nuova funzione, sia combinando svariati sistemi per generare uno o più complessi. Se proprio vogliamo fare un paragone, si dovrebbe dire che questo processo non assomiglia all'ingegneria quanto invece all'arte di arrangiarsi, al bricolage. Mentre il lavoro dell'ingegnere dipende dal fatto di avere a disposizione le materie prime e gli strumenti esattamente adatti al suo progetto, il piccolo artigiano riparatore si aggiusta con i pezzi di recupero. Usa tutto quel che riesce a trovare intorno a sè, vecchi cartoni, pezzi di corda, frammenti di legno o metallo, per mettere insieme una qualche sorta di oggetto funzionante. Oppure prende un oggetto che si trova per caso fra le sue cianfrusaglie e li assegna una funzione non prevista. Con una vecchia ruota di automobile costruirà un ventilatore, da un tavolo rotto tirerà fuori un parasole."

Da pag. 218 del libro "Alla ricerca della memoria" di Eric Richard Kandel.

http://it.wikipedia.org/wiki/Eric_Kandel

Pensate ancora che l'intero Universo sia opera del dio tribale di Urusalim, una tendopoli mediorientale dell'Età del Bronzo?

Grazie a tutti.

Aggiornamento:

@Ettore

Se posso farti un solo appunto, dell'esempio riportato dal neurologO premio Nobel Eric Kandel non hai capito una mazza.

È una specie di "parabola" per far comprendere anche ai creazionisti e ai sostenitori dell'ID come si svolge l'evoluzione e come lavora: ossia come un artigiano che sviluppa cose che già ha a disposizione e sistemandole in maniera il più utile possibile, e non come un ingegnere che disegna un progetto in base a quello che serve e alla tecnologia dell'epoca.

Tutto il resto è noia, noia, noia, noia.

Aggiornamento 2:

@universitaria

Adoro questo tuo punto di vista, anche se non ne condivido la causa prima...

Aggiornamento 3:

@Angelo in Tshirt

Per una volta che fai una domanda intelligente, ti pollicio e ti rispondo.

O meglio, ci provo, perché non sono (ancora) capace di farlo.

Il processo con cui sono nati gli elementi chimici si chiama nucleogenesi primaria:

http://www.cosediscienza.it/fisica/08_materia.htm

Alla tua seconda domanda non rispondo perché è ovviamente ironica, o meglio, non credo che nemmeno tu sia così stupida da pensare che occorra l'esplosione di una supernova per dar vita ad un bimbo..

13 risposte

Classificazione
  • Rob L
    Lv 6
    8 anni fa
    Risposta preferita

    è un bias cognitivo.

    L'uomo tende in prima battuta a vedere dietro qualsiasi fenomeno un "intenzionalità".

    Succede anche negli animali se ci fai caso.Ciò che descrisse Darwin riguardo il "cane" che abbaia vedendo un pezzo di stoffa muoversi.Abbaia convinto che ci sia come causa di ciò un altro organismo senziente,invece no, era il "vento" che lo faceva muovere.Ma il cane non lo sa ed abbaia lo stesso.

    Poi etichettare il nostro Universo come progetto di un ingegnere è un ragionamento fallace.Le costanti cosmologiche non sono perfette e non sono costanti.

    La stessa costante di struttura fine ha subito variazioni.

    http://arxiv.org/PS_cache/arxiv/pdf/1008/1008.3907... variazioni in ambito spaziale.

    Un "perchè" ed un "intenzionalità" vanno ricercate nei comportamenti umani , non nelle dinamiche dell'Universo.

  • 8 anni fa

    @Enûma Eliš

    Senza offesa, ma se tu capissi qualcosina di più in fatto di Scienza, non scriverseti quel che hai scritto.

    La Scienza è in grado di dimostrare solo l' esistenza di ciò che esiste.

    La Scienza NON è in grado di dimostrare l' inesistenza di ciò che non esiste.

    Ad esempio, la Scienza NON è in grado di dimostrare l' inesistenza di Babbo Natale e non è neppure in grado di dimostrare l' inesistenza di un cubo di ghiaccio di un metro di lato, collocato al centro del Sole. E NON è quindi in grado neppure di dimostrare l'inesistenza di Dio, perchè ciò non rientra nello Statuto della Scienza.

  • Y
    Lv 5
    8 anni fa

    Se mi dimostrano scientificamente come ha fatto questo ipotetico ingegnere a realizzare tutto questo, e da cosa è partito per farlo, ci potrei anche credere.

    Ma dire che ha fatto tutto perché è onnipotente mi sembra una presa in giro e basta.

  • 8 anni fa

    Devo essere sincera, ma il primo link lo trovo entusiasmante...se ci fermassimo anche solo per un attimo a riflettere sull'immensità, quasi trascendentale, dell'universo, probabilmente riusciremmo a coglierne per un secondo la vastità e l'immensa bellezza che racchiude qualcosa di assolutamente straordinario e di una rara bellezza come l'universo di cui ognuno di noi, singolarmente, ne fa parte, come un tassello di un enorme puzzle che dà completezza al tutto...

    Bellissimo, grazie davvero ;)

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    8 anni fa

    L'uomo da sempre ha una forte tendenza antropomorfizzante e egocentrica

    - in macchie irregolari tende a vedere visi di persone

    - interpreta gli avvenimenti accaduti in modo direttamente collegato alla propria azione (come per esempio il portare determinati amuleti possa influenzare l'esito della gara della propria squadra del cuore).

    > E' normale quindi che interpreti il creato in maniera teistica: essa è la risposta più ovvia in conseguenza al particolare modo di ragionare umano.

    - La verità, e qui non mi dilungo in inutili sole, è che il dio semitico presentatoci nella Bibbia, per svariate ragioni NON può essere il DEMIURGO Intelligente che la filosofia moderna a partire da Spinoza ha sostenuto come artefice del creato.

    Mi limito ad osservare come il dio abramitico non si limiti a creare, ma interviene nella storia ed interagisce con essa, da prima impartendo ordini attraverso i profeti, e infine inviando suo figlio.

    E' del tutto evidente che se fosse vera l'ipotesi di un piano intelligente, il dio di Isaia non si sarebbe mai dovuto manifestare.

    CONCLUSIONE:

    > O esiste il dio abramitico ed è falsa l'ipotesi del disegno intelligente

    > O esiste il disegno intelligente, ma è il demiurgo responsabile NON è il dio bibblico.

    > O, con tutta probabilità, sono false sia la prima che la seconda ipotesi.

    @ARISTARCO: ha differenza di quanto tu sostieni, la SCIENZA DIMOSTRA CHE IL DIO DI MOSE' NON PUO' ESISTERE: come è dimostrato dalla lettura di Esodo 33:19, in realtà Yhwh ha una fisiognomica umana e può essere visto anche dalle persone, capaci di raggiungere la sua dimora, tra le nubi del cielo.

    > Migliaia di voli intergalattici hanno solcato le nubi del cielo negli ultimi 100 anni, ma nessuna ha mai trovato la minima traccia di dio. LA SCIENZA DIMOSTRA CHE DIO NON ESISTE.

  • lisa
    Lv 6
    8 anni fa

    il mondo è un aborto.

  • Anonimo
    8 anni fa

    La cosa che proprio non riesco a capire è come si può essere così presuntuosi da credere che il presunto Dio che ha creato l' intero universo stia a preoccuparsi di noi. L' universo è enorme, e secondo alcune ipotesi non è nemmeno l' unico, e ammesso che ci sia un Dio creatore, perchè mai dovrebbe controllare noi? Proprio noi, che probabilmente siamo la razza più insulsa dell' universo dato che ci stiamo allegramente autodistruggendo. Sono sicura che gli alieni ci schifano di brutto °-°

    Il primo link è una figata *-*

    Io, quando avevo ancora il vecchio windows 98, potevo vantare il possesso di uno dei più famosi programmi di simulazione del cielo notturno (non mi ricordo nemmeno come si chiama!).. ma porco giuda, quando ho cambiato pc c'erano problemi di incompatibilità e non ho più potuto usarlo.. Ma era una cosa assurda, potevi viaggiare tra migliaia di galassie, ci perdevo ore *-*

  • Anonimo
    8 anni fa

    Dio è creatore, non un ingegniere demiurgo come dicono i deisti illuministi

  • 8 anni fa

    Ciò che caratterizza l'ingegnere è la progettazione, quindi, pur non credendo, condivido la concezione del Dio cristiano come ingegnere. Le cose funzionano perché progettate per funzionare in quel modo, non per caso. Vedi principio antropico: tutto esiste affinché l'uomo esista. I cristiani assumono che ciò regoli la selezione naturale.

    Detto ciò, vorrei correggere la Kandel riguardo gli ingegneri.

    L'ingegnere spesso applica soluzioni vecchie a problemi nuovi (innovazione). E non sempre si serve di strumenti esattamente adatti al suo scopo, vedi per es. le utility multifunzione dei sistemi Unix, vedi ad es. un filo di rame e un piezoelettrico che sono sufficienti per capire se su una linea telefonica c'è il segnale. Dubita di un ingegnere che non sa arrangiarsi.

    Non è detto che "il prodotto di un ingegnere raggiunga il livello di perfezione consentito dalla tecnologia del tempo". La stragrande maggioranza dei processori del mercato desktop, come quello che hai nel pc da cui scrivi, hanno architettura x86 (o x64 che è un'estensione di x86), creata dalla Intel come alternativa performante e poco costosa (ecco perché ha avuto successo) all'iAPX 432, che era progettata infinitamente meglio. E alla Intel ci lavorano ottimi ingegneri.

    --------

    Quando ero cattolico, mi dicevano che la sel. nat. E' un caso e che dietro il caso c'è la volontà di Dio.

    Quindi, il paragone non smonta l'ID, ed è mirato male, dovrebbe invece attaccare l'assunto di partenza (principio antropico, vedi sopra), il che è scientificamente impossibile, data la non falsificabilità della religione.

    La parte sugli ingegneri è un "di più", ha il Nobel ma non è un ingegnere. :)

  • 8 anni fa

    Guarda, se la scienza non può spiegare un fenomeno non implica che questo non esista, solo che non è ancora in grado di vederlo o spiegarlo.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.