Ciao a tutti, cosa avete studiato e che lavoro fate ora?

Io sono laureata in turismo culturale e faccio l'aiuto cuoco in un ristorante.

Seguendo il mio percorso di studi, dovrei essere negli uffici di qualche agenzia turistica e/o comunque occuparmi di cose inerenti al turismo (avevo anche gli "agganci" giusti). Un pò per la crisi e per i tagli ai posti di lavoro, un pò per vicissitudini personali, sono finita a lavorare in un ristorante all'estero. Qui ho conosciuto parecchia gente da vari paesi d'europa: laureati in questo e quello, ma che svolgono tutt'altro lavoro.

Secondo i miei "vecchi" amici italiani, una laurea non sfruttata è soltanto uno spreco di tempo e denaro, che se non fai "quello per cui hai studiato" sei un mezzo fallito, ecc.

Secondo me è un modo di pensare molto ristretto... forse anni fa avrebbero anche avuto ragione, ma basta guardarsi attorno per capire che il mondo è cambiato e che bisogna darsi una mossa. Non ho rinunciato del tutto al mio sogno di lavorare nel turismo, magari ci arriverò piano piano, oppure arriverò da tutta un'altra parte... non si sa!

Voi invece, cosa ne pensate?

Aggiornamento:

Aurora: possiamo scambiarci e mail se vuoi

4 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    7 anni fa
    Migliore risposta

    Il problema principale attualmente è la CRISI ECONOMICA che sta colpendo tutti. Non sei l'unica a trovarti in questa situazione. Io vedo tante persone che hanno studiato una cosa e adesso fanno tutt'altro. Non sempre è uno spreco di tempo, denaro, ecc. Se quando dovevi scegliere il tuo percorso hai voluto scegliere quella determinata cosa, e adesso ti piace il lavoro che fai, anche se non centra con quello che hai studiato, non è tempo perso; l'importante che ti piaccia. Poi se sei una di quelle persone che preferisce avere uno stipendio alto, nonostante fa un lavoro noioso e deprimente, quello è un altro discorso. Io sto studiando la stessa cosa che hai studiato tu. Mi chiedo spesso se da grande farò qualcosa riguardante il mio percorso di studio o se farò tutt'altro, cosa più probabile, dato che avrò in mano un diploma e quindi avrò varie scelte. Io puntavo a scegliere il corso di vigile urbano, carabiniere e quelle cose lì. Soprattutto il vigile urbano di preciso. Non centra niente con quello che sto facendo. Mi servirebbe diritto, ma lo faccio solo nel biennio. Devo sapere gli articoli della costituzione a memoria. L'unica cosa utile, è l'inglese. Mi sono informata e han detto che bisogna avere la certificazione per fare questo lavoro; bisogna sapere l'inglese ad un buon livello. Con questo voglio dirti che con il tempo si cambiano le idee. Adesso voglio fare questa cosa, magari fra 2 anni sarà tutt'altro. Adesso per fare il lavapiatti chiedono una laurea a momenti. Con questa crisi bisogna puntare sempre più in alto con gli studi se si vuole un lavoro "dignitoso" e con questo intendo proprio un "fior" di lavoro. Per fare il lavapiatti è capace anche un ragazzino. Non è scema la tua domanda, anzi. Quando tornerà tutto come prima, riguardo l'economia intendo, secondo me farai ancora in tempo a cambiare lavoro e andare a fare quello che vorrai tu, il tuo sogno.

    Fonte/i: :D
  • 7 anni fa

    Invidio ogni giorno chi al posto mio hanno fatto studiare ciò che le piaceva studiare, dicendo che io non ero cpaace di farlo. avevo un abiettivo... Gia all'età di dieci anni che non ho mai cambiato. e adesso mi ritrovo con studi che nno mho nemmeno avuto la forza e la motivazione di portare fino in fondo... tanta voglia di cambiare la mia vita.. ma con un lavoro che non mi piace e che non mi da soddisfazioni... mentre vedo che avrei potuto..... e non me lo hanno lasciato fare serenamente.... :(

  • Aurora
    Lv 6
    7 anni fa

    scusa Diamans, posso permettermi di chiederti in quale città vivi di preciso e come hai fatto a trovare lavoro lì...

    sto pensando anch'io di emigrare , ma ho paura che anche all'estero pretendono la benedetta esperienza! non ne posso più, ovunque vai ti dicono che devi già aver fatto quel lavoro, ma io dico se non ci danno la possibilità di imparare come facciamo a saper fare una cosa????

    tu avevi già lavorato in dei ristoranti e per questo sei stata presa oppure ti hanno assunta lo stesso ??? ti prego aiutami

  • Anonimo
    7 anni fa

    credo che non ti devi dispiacere se sei finita all'estero, o se non hai ancora coltivato il tuo sogni, non è colpa tua, ma sono questioni politiche-amministrative, che colpiscono anche la società di oggi. beh io non starei male, anzi lavorare in un ristorante mica male eh! in italia ci sono un sacco di persone che non lavorano e che farebbero di tutto pur di lavorare, quindi per me ti è andata bene. poi sei all'estero, per ora, qualunque città del mondo si sta meglio dell'italia.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.