fame nervosa e glutammina?

ne ho sentito parlare e vorrei sapere se davvero la glutammina può essere d'aiuto a chi come me soffre di attacchi da fame nervosa.

vorrei provarla ma mi auguro non si tratti di qualcosa che va assunto quotidianamente poichè fortunatamente ora mi succede più di rado.

grazie

ah, chiunque spammi con sti c@zz di monaci buddisti o miadietashop verrà prontamente segnalato!

2 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    7 anni fa
    Migliore risposta

    Per la mia esperienza funziona solo se presa quotidianamente, ma devo precisare che io avevo attacchi di fame nervosa quasi ad ogni ora del giorno quindi dovevo per forza prenderla tutti i giorni. Dato che il tuo caso e' diverso potresti provare una assunzione piu' saltuaria ma non saprei se possa funzionare se la prendi solo quando ti e' gia' iniziato l'attacco di fame. Se vuoi fare un tentativo del genere potrebbe essere necessaria una dose maggiore rispetto a chi la prende tutti i giorni, direi almeno un 6-7 grammi. Purtroppo la persona che ti ha risposto per prima e' molto male informata. La glutammina non solo non e' pericolosa ma anzi e' fondamentale per la vita e per la salute di tutto il corpo, cervello compreso. Che sia innocua e' dimostrato dal fatto che la glutammina e' l'amminoacido di gran lunga piu' abbondante in qualunque cibo. Gli amminoacidi sono in tutto venti ma la concentrazione di glutammina supera di molto tutti gli altri, segno evidente che e' importante assumerla ed assumerla in abbondanza. In pasta, pane e tutto cio' che e' fatto con farina, riso, legumi, formaggi freschi, la concentrazione media di glutammina e' di 4 grammi (NON milligrammi) ogni 100 gr di alimento. Nei formaggi stagionati e nei salumi anche di piu'. Una persona che mangia normalmente ne assume tra i venti e i trenta grammi al giorno. Lo scopo di usarla come antifame non e' quello di assumere dosaggi eccessivi, ma solo di rimpiazzare tramite integratore quella che si assumerebbe col cibo, quindi alla fine il totale e' sempre lo stesso.

    Se vuoi l'opinione di un medico specialista in Scienza dell'Alimentazione ti riporto le parole del dott. Spattini: "Nel cervello essa agisce sul centro della fame, sito in una stazione definita ipotalamo, dando un senso di sazietà e ciò è molto utile nei casi di dieta ipocalorica. Questa importante azione dipende dal fatto che la glutammina aiuta a mantenere l’omeostasi glucidica , attenua gli sbalzi della glicemia indotti dall’insulina e per cui tutti quei morsi della fame. " ( http://www.massimospattini.it/GLUTAMMINAeOKG.htm )

    Per smentire le inesattezze dell'altro utente vorrei segnalare uno studio recente in cui si sottolinea l'importanza di adeguate quantita' di glutammina proprio come prevenzione delle malattie degenerative : http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC329763...

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Nico
    Lv 4
    7 anni fa

    makkè, infatti solo i cinesi fanno ste cag**e!! la glutammina è il precursore del glutammato che viene ricilato dagli astrociti, causa ecitotossicità nervoso e poi ti vengono le malattie neurodegenrative...hai mai sentito parlare di "sindrome del ristorante cinese"?? vedi e fatti una idea così avrai anche la conferma che non sto dicendo cavolate. spero di essere stato d'aiuto!! cmq la glutammina nn è un antifame e ne viene utilizzata nei farmaci antifame

    • Accedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.