Domanda per chi lo ha fatto: Perchè si perde investendo in Borsa?

Salve premetto che non ho mai investito in borsa, anche se devo dire mi ha sempre un po incuriosito, è da un po di tempo però che mi frulla in mente una cosa, vi faccio un esempio e vorrei che qualcuno mi chiarisse:

Mettiamo che io oggi mi sveglio e decido di investire 10.000 euro in azioni della Google, ovviamente le azioni salgono e scendono col rischio che non rifarci i soldi spesi ... ma se io li lasciassi sempre lì finchè le azioni non valgono più di quanto le ho pagate, prima o poi non guadagnerei?

Lo so forse è una domanda stupida, ma il fatto è che per non guadagnarci mai signicherebbe che io praticamente ho investito nel momento di picco massimo della storia di Google, non so se mi spiego... potete chiarirmi? Garzie

4 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    8 anni fa
    Risposta preferita

    Perdere sempre è impossibile, così come è impossibile vincere sempre.

    É chiaro che per vincere bisogna anche applicarsi.

    Acquistare 10'000 € di titoli di Google oggi potrebbe essere molto rischioso, dal momento che le pubblicità, a causa della recessione, pagano sempre meno, e sebbene ad oggi sia il primo motore di ricerca al mondo, non è detto che domani lo sia ancora.

    Tanto per farti capire cosa voglio dire, oggi Google vale meno di quando è iniziata la recessione nel 2008.

    Chi perde in Borsa, perde proprio perchè fa il tuo ragionamento.

    Per investire in Borsa, bisogna adoperare delle ottiche di breve-medio periodo, e possibilmente NON ANTICIPARE il mercato, ma rispettarlo.

    Per questa ragione seguire il trend è fondamentale.

    Bisogna rendersi conto di quando è il momento di entrare long, e di quando invece bisogna andare short.

    Che senso avrebbe piazzare 10'000 € in un titolo che domani ne vale 10'500, e che dopodomani ne vale 10'200?

    É chiaro che il rendimento massimo si ha vendendo quando il titolo è sui massimi per entrare short, e riacquistare quando il titolo è sui minimi.

    Rendersi conto dei minimi e dei massimi è difficoltoso. Capita spesso che in intraday un titolo sfondi supporti e resistenze consolidate, e poi magari torni sopra/sotto.

    É quindi importante sapersi accontentare, ed è anche importante saper cambiare idea.

    Le perdite, molto spesso, sono causate anche da un voler andare contro al mercato, sicuri del fatto che la propria idea si quella valida.

    Ad esempio, io penso che domani sia una giornata da long sul FTSE MIB.

    É chiaro che se però il mercato dovrebbe aprire in ribasso, e questo ribasso dovesse proseguire oltre un certo limite, significherebbe che la mia analisi è sbagliata, e a quel punto mi converrà vendere, ed aspettare di capire esattamente cosa stia succedendo nel mondo.

    In definitiva, direi che qualche buona regola è:

    1. rispettare il denaro (non investire capitali limitati, ma investire una cifra che si possa ritenere al limite dell'accettabile in caso di perdita totale, perchè altrimenti si corre il rischio di non pesare abbastanza i segnali);

    2. non dare troppo valore al denaro (le perdite succedono, ma non devono essere causa di crisi finanziarie, quindi è fondamentale non investire più di quanto si possa rischiare per poter comunque continuare a vivere);

    3. rispettare il mercato (il mercato ha sempre ragione, e volersi accanire contro il mercato causa solo danni a sè stessi);

    4. essere umili (la propria visione del mondo può essere sbagliata, e l'arroganza porterebbe solo al non rispetto del mercato);

    5. studiare (io credo che sia inutile studiare esoterismo e magia, come fa qualcuno, e sia sufficiente rendersi conto di quali sono i supporti e le resistenze di un titolo o di uno strumento, facendo attenzione ai momenti di ipoervenduto e di ipercomprato, e facendo attenzione a quelli che sono i segnali che arrivano dall'economia reale).

    In definitiva, Google puoi anche acquistarlo, ma non pensare di tenerlo delle settimane.

    E al primo segnale negativo, vendilo.

  • 8 anni fa

    Vedi, il problema è molto complesso. Per fare investimenti in Borsa devi essere in grado di gestire un portafoglio di titoli, gestione che presuppone la capacità di "fiutare" i movimenti di mercato (e questo può essere possibile soltanto con una approfondita conoscenza dell'economia).

    Il problema è che nessuno ti garantisce che un certo titolo aumenterà di valore, potrebbe tranquillamente scendere ed il punto è tutto lì: anticipare il mercato.

    Se "dormi", con la Borsa finisci sul lastrico...

  • Danfx
    Lv 5
    8 anni fa

    Premesso che oggi è possibile guadagnare anche se un titolo scende vendendo allo scoperto, quando compri un titolo possono accadere 2 cose: il titolo sale oppure scende.

    La maggioranza perde in borsa perche' quando il titolo scende aspetta e non vende in perdita, piuttosto aspetta anni accumulando perdite sperando che poi risalga.

    Quando invece guadagna di solito vende quasi subito per incassare il guadagno.

    Si dovrebbe fare il contrario, compo un titolo e prima ancora di comprarlo decido la perdita massima che mi posso permettere, quella sara' il livello di stop loss. Se una volta comprato sale allora si segue il guadagno inserendo e aggiornando di volta in volta il trailing stop, cioe' uno stop ad inseguimento che ci garantisce di seguire il titolo quando guadagna.

    Insomma il detto " taglia le perdite e lascia correre i profitti " e' sempre valido.

  • 8 anni fa

    Se segui gli indicatori che ti provano che un titolo è sottovalutato, in base all'utile che fa e al patrimonio che possiede, è meglio che lo comperi.Può anche scendere nel breve ma sul medio e sul lungo periodo non può far altro che salire.Il prezzo di un titolo non è mai basso o alto di per sè, ma va sempre rapportato agli indicatori di cui sopra.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.