Olena
Lv 7
Olena ha chiesto in Arte e culturaLibri ed autori · 8 anni fa

E' difficile scrivere per bambini? Dovrebbe essere ancora più difficile che scrivere per gli adulti...?

Secondo voi quali requisiti deve avere un'opera letteraria che possa andare bene per i lettori di 6 - 8 anni?

4 risposte

Classificazione
  • @Alba@
    Lv 6
    8 anni fa
    Risposta preferita

    Ti sembrerò una nota stonata, ma personalmente amo scrivere per i bambini e lo faccio da molto tempo e la cosa mi diverte moltissimo perchè a differenza degli adulti quando colpisci la fantasia di un bimbo ti rendi conto che si apre un mondo infinito di emozioni dolcissime e vivaci. Scrivo favole e storie aiutandomi anche con i disegni e loro rispondono con parole in velocità e disegni che trovo più belli dei miei stessi disegni. Ho imparato che tutta la comunicazione con i bambini è una questione di cuore, per non aver mai smesso di ascoltare la mia voce di bimba e non è semplicemente essere come loro perchè in realtà so bene che non sono una bimba, ma è vestire con spontaneità gli abiti dei bambini perchè il vero ascolto è quello che se anche si veste degli abiti altrui non ti cambia ma ti permette di entrare a piccoli passi dentro le altre creature.

    Un bacione

    Alba

  • 8 anni fa

    Non credo che scrivere per adulti sia più difficile che scrivere per bambini. Anzi probabilmente è il contrario.

    Il motivo principale credo sia che chi scrive è solitamente adulto e perciò è più portato ad avere un linguaggio da adulto, temi da adulto. Chi scrive è solitamente più portato, più abituato a parlare con adulti.

    Perciò è troppo facile scrivere con toni troppo infantili oppure troppo maturi, oppure scrivere cose troppo stupide, troppo infantili.

    Ho letto innumerevoli libri, per adulti, che hanno come personaggi dei bambini e ne ho sempre trovati pochi che li narrassero in modo opportuno, che gli facessero dire cose che direbbe un bambino o che li facessero comportare come si comporterebbe un bambino.

    Scrivere per bambini, è come camminare su un filo sottile e trasparente, è molto più facile cadere che arrivare in fondo, e arrivarci senza perdere l'equilibrio è molto ma molto difficile.

  • Anonimo
    8 anni fa

    Credo che scrivere per i bambini sia una delle cose più difficili in assoluto!

    Insomma, si sa che tutti siamo stati bambini, ma la verità è che gli anni della nostra infazia non li ricordiamo più tanto bene, o meglio, per ricordare i fatti li ricordiamo ma abbiamo perso quello che noi eravamo in quel periodo. In più credo che i bambini di oggi sia davvero diversi dai bambini di un tempo, per esempio oggi si tende sempre a considerare "bambini" anche ragazzini che ormai non lo sono più, perchè sono più svelti e recettivi e conoscono un mondo diverso rispetto a noi. Oddio, mi sembra di parlare come mia nonna!

    Quello che intendo è che per scrivere per i bambini bisogna avere molto chiara l'idea di cosa sono, vogliono e pensano, ed è spesso difficile non commettere errori.

    Uno degli sbagli più grandi credo sia quello di sottovalutarli, e quindi cercare di propinargli una letteratura formata da trame banali, eccessivamente semplificata e infarcita di luoghi comuni.

    Credo che un'opera letteraria per bambini di quell'età debba essere soprattutto divertente: è l'età in cui potrebbero iniziare ad approcciarsi alla lettura, quindi di certo non bisogna mettergli paura! In più devrebbe saperli stimolare, proporgli qualcosa a cui non hanno mai pensato.

  • MELODY
    Lv 6
    8 anni fa

    io scrivo favole da quando mi ricordo e le illustro,

    da bambina le raccontavo agli amichetti che me le chiedevano,poi ho continuato il training facendo la baby sitter,

    ai bambini piacciono,io racconto solo storie di animali antropomorfi , episodi della mia vita o della vita di altri che mi hanno colpito.

    I bambini non sono esigenti però non sopportano le complicazioni e l'incoerenza,debbono potere leggere e ascoltare senza chiedere perchè, il loro mondo è ''chiaro'' non dobbiamo metterci dentro la nostra anima oscura-I sentimenti debbono essere netti ed elementari e anche se si parte con la fantasia,non bisogna mai farsi prendere la mano, perchè un bambino è sempre un po' conformista (gli dà sicurezza) e ragiona nei suoi piccoli schemi.Quando si vuole che un bimbo ti ascolti,bisogna inginocchiarsi e mettere gli occhi a livello dei suoi,così,secondo me,scrivere per loro è come inginocchiarsi con la mente e guardare dentro il loro mondo.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.