Stavo facendo ricerche e studiando Melchisedec.?

.....e forse si era arrivato a capire chi poteva essere nell'antichità...Melchisedec..

Aggiornamento:

@Daniele di Milano: giusto, Melchisedec era re e sacerdote a tempo indefinito, fu l'unico a cui non é stato mai tolto né il potere, né il sacerdozio che a quei tempi era una persona designata da Dio, che offrisse i sacrifici a Dio nel tempio.

Ma ovvio che era un personaggio a cui fu affidato il nome Melchisedec...e nella bibbia non c'é scritto il suo vero nome su chi realmente fosse. Ma con accurate ricerche, si puó arrivare a molto probabilmente chi sia stato.

Aggiornamento 2:

@Kebod: il libro Perpicacia, vero???

Quanta saggezza cela quel libro!! Ho deciso che dal primo dell'anno, di leggerlo per intero, tutti e due i libri per conoscere tutti i personaggi!

5 risposte

Classificazione
  • 8 anni fa
    Risposta preferita

    Ciao Certosina.

    L'Apostolo Paolo, nelle sue lettere, paragona il Cristo a tutte le sue prefigurazioni passate.

    Ad esempio, nella Prima Lettera ai Corinti, lo definisce "l'ultimo Adamo"; nella Lettera agli Ebrei, invece, lo definisce "sacerdote simile a Melchisedec". Questi paragoni, diversamente da quanto dedotto da alcuni studiosi, non identificano il Cristo come Adamo o come Melchisedec stesso, che sono due personaggi biblicamente esistiti. Melchisedec è un titolo e non un nome, un titolo che significa "Re di Giustizia".

    Anche Gesù Cristo viene più volte indicato con il suo titolo celeste, Michele, che significa "Chi è come Dio?" [sono le parole che rivolse a Satana durante la sua ribellione]; altre volte viene ricordato con il suo titolo terrestre, Emmanuele, che significa "Dio cammina con noi".

    La logica, dunque, ci suggerisce che anche Melchisedec avesse un nome storico, oltre al suo epiteto, e per chiarire la questione della sua identità dobbiamo approfondire il contenuto Scritturale.

    Se leggiamo i capitoli 10 e 11 di Genesi, ci accorgiamo di un fatto interessante; l'unico patriarca che visse un numero spropositato di anni fu Sem, il figlio di Noè, che visse per ben 500 anni.

    Poichè, come ci insegna il caso di Giacobbe, la benedizione viene data all'interno della stessa famiglia, anche il Melchisedec, quando benedisse Abramo, doveva essere della stessa famiglia di Abramo stesso. Dai conti che emergono dalle Scritture, ricaviamo che l'unico patriarca ad essere ancora vivo quando Sem incontrò Melchisedec fu davvero Sem, che aveva "solo" 390 anni quando nacque Abramo. E in genesi 25:7 c'è scritto che Abramo morì all'età di 175 anni, "solo" 65 anni dopo che morì Sem.

    Poichè Abramo incontrò Melchisedec dopo il soggiorno in Egitto, e poichè nessun altro patriarca era in vita durante quei giorni, esiste un'unica conclusione logica che mette in ordine tutto il mosaico: Melchisedec è proprio Sem, figlio di Noè.

    A presto ^_^

  • 8 anni fa

    Melchisedec è la figura di Cristo, sacerdote senza genealogia, come è scritto in Genesi 14. Davide nel Salmo110, per lo Spirito dice che Gesù è stabilito dal Padre come sacerdote in eterno secondo l'ordine di Melchisedec, poichè è simile a Cristo proprio per l'origine eterna. L'apostolo Paolo nella lettera agli Ebrei, e in particolare al verso 3, parlando di Melchisedec ci spiega proprio la similitudine con Cristo,

    perchè anche Cristo non ha <inizio di giorni nè fin di vita> cioè è eterno ed esercita il sacerdozio perfetto, perchè perfetto è stato il suo sacrificio.

    Fonte/i: La Sacra Bibbia
  • 8 anni fa

    E la domanda quale sarebbe?

    Melchisec è un personaggio mitico, definito "sacerdote del Dio Altissimo" incontra Abramo e gli offre pane e vino.

    In questa offerta i cristiani hanno visto una anticipazione del sacerdozio cristiano e dell'Eucarestia.

    Melchised per la chiesa cattolica è icona stessa del sacerdozio, anzi è emblema della "pienezza del sacerdozio". Tanto è vero che durante la cerimonia di ordinazione dei vescovi l'ordinante proclama (rivolto all'ordinato) " e sarai sacerdote per sempre alla maniera di Melchisedec.

    @Certosina: heeeeeeeeeeeeeee!!!!! Con accurate ricerche arrivi doveeeeeeeee????? con la fantasia geovista magari....!!!!

    E' un personaggio mitico, re e sacerdote anticipatore del monoteismo......nella Bibbia ha probabilemnte solo la "funzione" di legittimare Abramo nei suoi propositi. Tutto quello che ci hanno visto i cristiani è solo speculazione fatta alla luce di avvenimenti posteriori. Il pane ed il vino ad esempio sono simboli polisemantici in tutto il bacino del mediterraneo ed oltre.....era l'offerta tipica di benvenuto all'ospite. Ed anche il titoli di "re" e di "sacedote" ovviamente non vanno intesi nello stesso signifcato di oggi......

    In pratica, volendo tradurre l'episodio in un linguaggio comprensibile diremo questo: Abramo incontra un capotribù che anzichè essergli ostile lo accoglie benevolmente e lo tratta da opsite anche perchè hanno convinzioni religiose in comune (essenzialemnte il monoteismo) allora per nulla comuni.

  • 8 anni fa

    Nella Bibbia è identificato come re del regno di Salem (che si ritiene fosse l'antica Gerusalemme) e come Sacerdote dell'altissimo Dio; secondo l'esegesi ebraica si tratta di Sem, figlio di Noè. mentre in un manoscritto del Mar Morto Melchisedec è identificato come una Entità Celeste e come Messia.

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Mic Jo
    Lv 4
    8 anni fa

    ...e....

    e già figura di Cristo sacerdote per sempre che ha fondato la Chiesa .

    ha designato e inviato apostoli e discepoli , da qui la successione apostolica.

    questo è il motivo per cui nella Bibbia non ci sono tante precisazioni su di lui.

    a differenza di altri, non c'è neanche la genealogia, strano no?

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.