Anonimo
Anonimo ha chiesto in Arte e culturaLibri ed autori · 8 anni fa

LIBRO ASSASSINIO SULL'ORIENT EXPRESS HEEELP ?!?

RAGAZZI MI SERVE AL PIU' PRESTO UN RIASSUNTO E UNA PICCOLA RECENSIONE DEL LIBRO ASSASSINIO SULL'ORIENT EXPRESS VI PREGO E' IMPORTANTE! PER PIACERE, NON PORTATEMI COSE PRESE DA GOOGLE CHE NON MI AIUTANO.. MI SERVE SOLO UN PICCOLO RIASSUNTO ED UNA PICCOLA RECENSIONE NIENTE DI PIU' GRAZIE A CHI MI AIUTERA' <3 :)

1 risposta

Classificazione
  • Anonimo
    8 anni fa
    Risposta preferita

    RIASSUNTO: Poirot, un investigatore belga, si trova costretto ad indagare sull’assassinio di un uomo avvenuto sull’Orient Express, un treno su cui lui stesso sta viaggiando. La vittima è un certo Samuel Edward Ratchett, distinto americano con la passione dei viaggi.

    L’Orient – Express, il mitico treno delle spie e di coloro che sono in cerca di avventura, è impiegato, ancora una volta, come sfondo per un romanzo giallo, forse il più celebre tra quelli di Agatha Christie: “Assassinio sull’Orient – Express”. La risoluzione di questo misterioso caso scaturisce, ancora una volta, dall’intelletto di Hercule Poirot, inimitabile e acuto poliziotto belga ideato dalla Christie. Poirot è in viaggio sulla vettura di prima classe del suddetto treno, partito da Istanbul e diretto a Calais. Quello a cui l’astuta mente dell’investigatore è sottoposta, è un feroce delitto che ha avuto luogo di notte, quando il treno si è fermato a causa della grande quantità di neve che ostruiva il regolare percorso del mezzo di trasporto. Quella notte sono accaduti alcuni fatti che lasciarono molto perplesso Poirot, benché non si fosse ancora a conoscenza dell’uccisione di Samuel Edward Ratchett, un ricco americano dal volto molto crudele. Infatti, quella medesima notte, suonò il campanello dello scompartimento di Ratchett e si sentì un tonfo, ma una voce, all’interno, rispose in francese che non era accaduto niente di grave. Successivamente squillò anche il campanello della signora Martha Hubbard, una turista americana, la quale era sicura che qualcuno si fosse introdotto nel suo scompartimento. Poi Poirot avvertì un colpo davanti alla sua porta, ma quando aprì per verificare chi fosse stato, notò una figura, che indossava un chimono rosso, allontanarsi.

    L’indomani, quando venne scoperto il cadavere, Poirot e il dottor Costantine, andarono ad ispezionare il luogo del delitto e la salma, che era stata pugnalata molteplici volte, anche se alcune ferite erano da considerarsi graffi e alcune altre create da colpi vibrati con la mano sinistra. Analizzando alcuni indizi il nostro investigatore scoprì che Ratchett (il cui vero nome è Cassetti) non era altri che un pericoloso assassino che aveva ucciso, molti anni prima, la figlia dei signori Armstrong, benestanti persone americane, dopo aver riscosso elevate somme di denaro per il riscatto. Interrogate molteplici volte tutte le persone e ragionando sulle loro qualità e personalità, Poirot, in un solo giorno, ha proposto due soluzioni del caso ai passeggeri del treno. La prima consiste nel fatto che un uomo basso e dalla voce femminea, (che Hildegard Schmidt, cameriera della principessa russa Natalia Dragomiroff, dice di aver incontrato quando usciva dallo scompartimento della sua padrona) sia entrato nel vagone Istanbul – Calais quando questo era fermo ad una stazione; questa figura, indossando un abito da conduttore ed essendo munito di un passe – partout, si sarebbe facilmente introdotto nello scompartimento di Cassetti e lo avrebbe ucciso, passando poi per l’attiguo scompartimento della signora Hubbard. La seconda ipotesi, quella vera, è che tutti i viaggiatori di quella vettura siano implicati nell’omicidio. Infatti, ognuna di queste persone aveva legami di parentela o amicizia con la famiglia Armstrong. Dato che Ratchett (il cui vero nome è Cassetti) era stato processato per il suoi delitti, ma non aveva ricevuto nessuna pena da scontare, a Poirot, Bouc e il dott. Costantine sembra opportuno presentare come buona, alla polizia jugoslava, la prima ipotesi.

    COMMENTO: Personalmente, trovo il libro molto interessante, ideale per una lettura distensiva e rilassante. Dalla scorrevolezza con cui è scritto, è facile lasciarsi trasportare dal testo e giungere alla fine con il fiato sospeso, per apprendere una conclusione sbalorditiva e alquanto insolita. E’ un testo che consiglio a tutti coloro che amano i gialli e gli imprevisti.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.