Anonimo
Anonimo ha chiesto in Affari e finanzaImmobiliare · 7 anni fa

Umidità lungo la parete che non si ferma, cosa fare se si è in affitto?

Salve a tutti come da domanda ho un grosso problema. Nell'appartamento in cui sono in affitto da settembre poco prima di dicembre hanno cominciato a crearsi delle macchie di muffa nella parte di muro sopra il mobiletto della cucina con la cappa, in particolare sul pezzo di muro che forma una sorta di rientranza, probabilmente a causa del mobiletto che "gli fa ombra"...

Ho comunicato al proprietario il problema e una settimana fa mi è finalmente stato applicato l'antimuffa e due passate di vernice.

Oggi ho scoperto che disgraziatamente lungo tutto quel famigerato punto c'è dell'acqua, il muro è bagnato al tatto(dal soffitto fino a metà parete) e sta ricominciando a scolorirsi un pò! Nel resto della stanza e del bagno il problema non si manifesta.

Abitando in un monolocale, più che aprire qualche oretta la mattina, quando mi faccio la doccia e quando cucino, che altro posso fare? Ho paura anche per la mia salute, e mi chiedevo cosa fosse possibile fare in questi casi (fra qualche settimana un'altra tinteggiatura?? mi sembra assurdo) e se non sia addirittura appropriato trasferirmi...

grazie

4 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    7 anni fa
    Migliore risposta

    Se tu scrivi che"lungo tutto quel famigerato punto c'è dell'acqua, il muro è bagnato al tatto(dal soffitto fino a metà parete) e sta ricominciando a scolorirsi un pò!", non è più un problema di muffa, ma di infiltrazione di acqua. Questa non viene certamente da te, ma da qualche altro punto al quale tu non hai accesso. Telefona quindi subito al proprietario, e chiedigli di intervenire urgentemente. Se credi, fallo anche più di una volta. Ma, se vedi che il proprietario non fa niente, scrivigli una raccomandata a. r. con cui, rammentati i precedenti tuoi avvisi telefonici, lo informi nuovamente del problema, lo inviti ad intervenire e, per questo, gli poni un termine di venti giorni. Aggiungi che, passati i venti giorni senza che lui abbia fatto niente, intendi rescindere il contratto ,"con salvezza di ogni altro tuo diritto" (es: danni alle tue cose e alla tua salute). Se sei un buon inquilino, ci scommetti che il proprietario si affretterà a farti la riparazione?

    Al momento, non pensare nemmeno di trasferirti: perchè devi affrontare spese e scomodi ulteriori, se è il proprietario che ha il dovere di fornirti e mantenerti l' alloggio in condizioni di salubrità?

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 7 anni fa

    Osvaldo ti ha elencato le giuste possibili soluzioni, io però avrei un dubbio... se quella parete fa un pò di muffa è una cosa, ma se addirittura è bagnata e cola l'acqua difficilmente la causa è la tua, probabilmente c'è un'infiltrazione di acqua dall'esterno se il muro da all'esterno, oppure da sopra attraverso il pavimento. Comunque fai anche la prova di pulire la muffa con una spugnetta umida, se va via probabilmente hanno tinteggiato la parete con pittura lavabile che non va assolutamente bene per una cucina, dovevano applicare il tipo traspirante e non lavabile.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 7 anni fa

    La condensa è un problema dove non è molto arieggiato come la cucina ma il problema puo venire da che cosa c'è dietro quel muro, ciao.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 7 anni fa

    Non risolverai facilmente il problema , in quel punto la parete è piu fredda e il vapore si condensa sulla parete e crea muffa e umidità .Ci sono tre sistemi per non fare più la muffa e la condensa .

    Primo quando si cucina i vapori devono essere espulsi fuori dall'ambiente mediante la cappa della cucina .Secondo ,mettere un deumidificatore nell'angolo dove c'è umidita e condensa.Tre coprire con polistirolo l'angolo dove avviene l'inconveniente. se farai una delle tre soluzioni risolverai il problema.

    Fonte/i: Esperienza di lavoro
    • Accedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.