Anonimo
Anonimo ha chiesto in Auto e trasportiTrasporti marittimi · 7 anni fa

Costruzione piccola barca in legno?

Per la costruzione di una piccola barchetta a remi di metri 2,50 in compensato marino da 9mm con metodo cuci/incolla devo usare per forza la resina epossidica per gli incollaggi o si riesce anche con la resina poliestere? Meglio fissare i pannelli di legno con dei chiodini o piccole viti per legno cosi da rinforzare un po la struttira? Una volta incollati tutti i pezzi come funziona per la colorazione del fondo,i prodotti per l'antivegetativa sono colorati o traparenti? come funziona questo processo dal legno grezzo alla finitura??? grazie mille

1 risposta

Classificazione
  • 7 anni fa
    Migliore risposta

    Guarda, per il cuci ed incolla l'unica è l'epossidica. Io personalmente consiglio la linea della "Marlin" (la producono qui a Trieste) ed in particolare il Barrier TIX caricato con microfibre di cellulosa per le incollature d'angolo, il Barrier TIX a spatola (più denso) per gli incollaggi piani tipo rinforzi, fazzoletti, lapazzature, ordinate contro fasciame se tagliate con quartabbuono abbastanza esatto....e per raddoppiare dove serve doppio spessore. Per finire, una bella impregnata di Barrier trasparente allungato la prima mano al 50% con dliuente "lento" poi al 30% poi puro. Io la mia barca di otto metri l'ho fatta così ed è veramente una corazzata....manco una goccia di acqua dopo quaranta mesi sullo scalo....

    Quanto alle viti, bè, qualche vite può servire per tenere il pezzo in posizione finché la colla fà presa. I chiodini lasciali stare, non servono molto...soprattutto, usa delle viti per fissare il fasciame sul dritto di prora, e per comporre la chiglia, per attaccarci lo specchio di poppa, e dove usi massello (se lo usi) perché - sotto una forte "botta" il copensato - anche se incollato con eposidica - può delaminarsi (l'epossidica NON molla, il legno però può spaccarsi) e la vite aumenta enormemente la tenuta....

    Per colorare, dopo impregnato con epossidica tutto lo scafo (non te ne servirà molta, eh) devi passare tutto con una spugnetta Scotch Brite ed acqua calda per eliminare le ammine derivanti dala polimerizzazione, ma devi darci ben bene, poi sciacquare un due volte ed asciugare con stracci puliti, indi passarci una o meglio due mani di Marlin Epoplastic, lasciare polimerizzare, scartavertare fino fino, quindi due mani di una qualunque piuttura poliuretanica da esterni, tipo la IMPA pliuretanica, costa poco ed è dura come il diamante, nella tinta che preferisci (la fanno con il tintometro) Dopo, sull'opera viva, se la barca deve rimanere in acqua, allora non devi dare la pirttura poliuretanica ma una mano in più di Epoplastic, quindi tre mani di Veneziani Ticoprene, e l'antivegetativa.

    Se invece vuoi lasciare il legno a vista, una volta passata l'epossidica la levighi bene, quindi tre mani di poliuretanica trasparente con filtro anti UV che l'epossidica soffre l sole e sbianca....esiste anche antivegetativa trasparente, ma io non lò mai usata.

    Auguri, bravo e fammi sapere!!! Costruire, costruire, costruire!!!!

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.