Per VERI ed ESPERTI fan dei Pink Floyd?

Dato che la domanda riguarderà Animals, che ne pensate dell'album e quale delle 5 canzoni preferite?

Come alcuni sapranno,Dogs prima si chiamava You've Got To Be Crazy(e Sheep Raving and Drooling);vi chiedo quale delle due versioni preferite,ascoltando possibilmente con attenzione anche quella originaria:

You've Got To Be Crazy (notare che è suonata in accordatura standard e non un tono sotto come Dogs,quindi anche le voci son più alte,specie nella parte da 8:02 a 9:20) :

http://www.youtube.com/watch?v=jqULy8xQjZU

Youtube thumbnail

Dogs:

http://www.youtube.com/watch?v=0bqZFp7dWbg

Youtube thumbnail

Io forse scelgo la prima,ha qualcosa che mi affascina di più della Dogs normale,che è stupenda cmq :)

2 risposte

Classificazione
  • Risposta preferita

    Ciao,

    Animals, qual magnifico album.

    L'idea di Waters nasce dalla lettura del libro "La Fattoria degli Animali" di Orwell, sinceramente è proprio una reale proiezione sulla società moderna, legata al consumismo. L'album, del 1977 era nell'epoca dove il Punk aveva preso il sopravvento e non musicalmente ma ideologicamente questo album ha in comune la critica alla società contemporanea.

    Musicalmente lo si puo dividere in due parti: una piccola introduzione che termina con il brano conclusivo, ovvero Pigs on the Wing part 1,2. Brano acustico bene interpretato da Waters. All'interno dell'album si trovano tre lunghi brani: Pigs, Dogs e Sheep. Molto interessanti tutti e tre: i primi due hanno un tappeto sonoro molto bello, con intermezzi di sintetizzatore per rendere l'atmosfera più cupa e due bellissimi assoli di un David Gilmour ispiratissimo. Entrambi i brani sono riciclati da Wish you Were Here, con ampie modifiche. Sheep è il più controverso testo di Waters, facendo riferimento ad alcune parti della bibbia, si può sentire una voce modificata che afferma che Dio trasforma le pecore in cotolette d'agnello, come un macellaio. A parte questo, la canzone è molto tirata, nella quale sono il basso e il Synth a farla da padrone.

    Considero Animals il lavoro meglio riuscito dei Pink Floyd, anche se viene solitamente giudicato un album "di passaggio". Si basa su materiale che Waters e soci avevano a disposizione da tempo ed è il primo (e se non sbaglio unico) disco registrato negli studi di Britannia Row, di proprietà degli stessi Floyd. Credo che l'ambiente privo di distrazioni di questo particolare studio di registrazione (un vero e proprio bunker nel quale a fatica entrava la luce del sole) abbia consentito la concentrazione necessaria a quella che, più che una band di importanza planetaria, stava cominciando ad assomigliare a una società di investimenti.

    Tra i momenti che amo ricordare, di quest'album, c'è il "fade in" di Dogs, dove la chitarra acustica crea grande aspettativa grazie a uno strumming giocato su due accordi carichi di dissonanze e consonanze dure (none e quarte, se non sbaglio), che finiscono per sostenere buona parte del pezzo.

    E poi, vogliamo parlare della copertina? Il maiale che sorvola la mastodontica Battersea Power Station era un pallone gonfiato a elio approntato per la session fotografica da cui dovevano essere ricavate le immagini della cover. Il pallone sfuggì al controllo di tutti e si perse nel cielo di Londra, nonostante si fosse provveduto a piazzare un cecchino armato di fucile su una delle ciminiere della vecchia centrale elettrica

    Inoltre, le critiche non erano solo rivolte alla società, ma anche all'allora presidente inglese Margareth Thatcher, non molto amata da Waters. Comunque la genialità di Waters è stata quella di rendere queste critiche sotto forma di metafora, dividendo la gente in tre gruppi: cani, pecore e maiali.

    In conclusione Animals è uno dei migliori album dei Pink Floyd, soprattutto per il delicato tema trattato, nel quale Waters si fa portavoce del pensiero di Orwell. Album importantissimo perchè è il primo in cui Waters prende il sopravvento sugli altri componenti, firmando gran parte del materiale.

    Fonte/i: Preferisco la seconda versione
  • 4 anni fa

    praticamente la migliore canzone non-metallic che conosco, e anche insieme a quelle metallic è tra le mie preferite. sopratutto in keeping with i cori, è una di quelle canzoni (si, lo so, è banale, ma è l'unico modo con cui riesco a spiegarla) che ti sembra di aver già ascoltato quando eri neonato e che , dopo tanto pace, sei quasi obbligato advert amare.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.