"Habemus papam" (il film) e le dimissioni del Papa. Che ne pensate?

Ciao a tutti.

Ieri sera ho visto il film di Moretti, e ve lo vorrei consigliare perchè mi è piaciuto parecchio, vista anche l'attualità dell'argomento.

Ho avuto modo di riflettere sull'argomento delle dimissioni del Papa, e ho cambiato opinione.

Appena ho appreso la notizia sono rimasto un po' "scosso" perchè non sarebbe rientrato nella mia logica. Poi ho pensato al concetto di "utilità", ossia il suo farsi da parte per far posto a un nuovo Papa più giovane, più dinamico, più "adatto ai tempi", etc...

Durante la visione del film invece ho cambiato completamente idea. Mi hanno colpito la scena iniziale del conclave, con il gesto umano dei cardinali che pregavano Dio perchè non fossero stati eletti loro (un po' come quando a scuola non volevamo essere interrogati!!)... Poi l'incarico accettato, e il grosso peso delle responsabilità, il sentirsi gli occhi addosso da tutto il mondo, gli impegni, e lo stare con la gente... che lo hanno portato a rifiutare ufficialmente l'incarico dopo diversi giorni di sofferenza e "fuga". Ho riflettuto parecchio su quanto è detto da Gesù nel Vangelo, sia nell'orto degli Ulivi, quando dice al Padre "se è possibile allontana da me questo calice, ma non sia la mia ma la tua volontà"; e il fatto che il suo "compito" lo abbia portato avanti fino alla fine, morendo sulla croce dopo essere stato sbeffeggiato, picchiato, insultato... .

Alla luce di queste mie riflessioni mi vedo contrariato dal gesto di un Papa (che è uomo e può anche lui sbagliare come tutti noi) che avrebbe dovuto guidare la Chiesa, sentendo l'appoggio della misericordia di Dio (che ha voluto la Chiesa fatta da uomini, con i loro difetti), che doveva riconoscere i suoi difetti/problemi e conviverci serenamente, con coraggio, perchè quella era la sua unicità. Inoltre ritengo che il suo ministero sia un impegno non diverso da chi si sposa e decide di stare vicino al coniuge nella fatica, nella malattia, nel dolore e "finchè morte non ci separi".

Voi cosa ne pensate? Condividete la sua scelta oppure, come me, non siete d'accordo?

Aggiornamento:

@Antonio ciao.

Il primo Papa (san Pietro) è stato scelto nonostante i tanti difetti che aveva e errori che ha fatto. Nel Vangelo ci viene presentato con i suoi "pregi" e i suoi grossi "difetti", basti pensare al suo rinnegamento.

L'incarico del Papa è voluto da Dio per il fatto che, nonostante le debolezze di uomo, Dio ha affidato la sua Chiesa a Pietro, a un uomo. L'unicità di ogni persona (di ogni Papa) contribuirà poi a dare qualcosa alla Chiesa.

Aggiornamento 2:

@rrfilosofo ciao anche a te.

Fino a ieri lo pensavo anch'io, ma su questa "operazione simpatia" mi viene in mente un'altra persona che abbiamo nella politica da 20 anni. Una persona che spaccia i suoi "insuccessi" per "successi planetari" cambiando i nomi alle cose. Non trovi?

Ho tutto il rispetto per il Papa, in quanto anche lui è una persona e può sbagliare. Secondo me non avrebbe dovuto mollare. Ho visto che questo Papa era "scomodo" a "qualcuno all'interno", e questo sicuramente era un buon segno. Ha fatto anche tante cose buone durante il suo papato, ma questa non la ritengo una scelta giusta.

Aggiornamento 3:

@Camomilla ciao! ...e grazie x la stellina! ;)

Sì, è vero, tanti Papi si sono trovati di fronte a questo "desiderio" di abbandono. Credo che già di partenza, all'elezione, uno si senta un grande peso addosso, una responsabilità che viene dall'amore verso le persone che a lui si affideranno. Credo che chi non abbia questi pensieri e sofferenze ha degli interessi di "politica", di "potere", e non di amore e responsabilità.

...Sapevo che anche Papa Giovanni XXIII avrebbe preferito fare il "prete di campagna" e che la vita da "porporato" lo "soffocava" perchè non gli permetteva molto di essere se stesso. Anche le critiche sempre pronte che aveva dai suoi stessi Cardinali, dai giornali, e da tutto il mondo non gli rendevano facile il compito. Però ricordiamoci bene che Gesù è arrivato alla fine, non ha sottratto la faccia agli sputi, si è lasciato flagellare e crocifiggere. Quindi, non per masochismo, ma per ministero, per

Aggiornamento 4:

@Van da ciao anche a te! ;)

Anche io sono rimasto parecchio male per gli insulti rivolti alla sua persona. Sia come persona, sia come guida-rappresentante della Chiesa. Questi "insulti" e queste accuse sono partite evidentemente da persone che non conoscono il rispetto per l'uomo, e il loro attacco è "di partito", ossia schierato all'opposizione, sempre e comunque.

Una volta qualcuno disse: "Uomini che cominciano a combattere la Chiesa per amore della libertà e dell’umanità, finiscono per combattere anche la libertà e l’umanità pur di combattere la Chiesa." Concordo con quello che dice. Sono per il dialogo, ma se manca il rispetto che dialogo può esserci?

PS: rispetto la sua decisione, ma non la condivido.

9 risposte

Classificazione
  • 8 anni fa
    Risposta preferita

    Ciao Claudio.

    Guarda, le dimissioni del papa mi son sembrate, all'inizio, un fulmine a ciel sereno.Ma , ripensandoci, non è così.Ricordo molto bene che, durante la cerimonia di insediamento sul soglio pontificio, papa Ratzinger sembrava sentire molto la responsabilità ( ma forse c'era dell'altro) , perchè disse " Pregate perchè non fugga come se fossi mezzo ai lupi "Forse ho sbagliato qualcosina, però la faccenda dei lupi la ricordo benissimo .E' chiaro che si stava riferendo a qualcosa che sapeva, non era solo il peso della responsabilità .E questo nel 2005.Nel 2009 ha come ribadito il concetto " I cardinali e i vescovo si mordono a vicenda" C'è ben più di una stanchezza fisica e una mancanza di forze ( comunque comprensibile) .Ma le dimissioni di un papa, come si possono accettare?? Altri papi hanno avuto la tentazione di lasciare, ma poi sono restati : Paolo VI , Giovanni Paolo II .Certo, ognuno è un caso a sè, però è anche vero , come tu dici, che il suo ministero è come il matrimonio : guida della chiesa in salute e in malattia ( fino alla morte) .Bisogna pregare per lui, come ha chiesto .A me dispiace molto che abbia deciso di lasciare, anche perchè era un papa " scomodo".Penso che satana stia facendo salti di gioia ( ammesso che possa gioire veramente) per queste dimissioni .

  • Povero Papa. E’ stato molto maltrattato in questi anni di pontificato. Chi, chi è in grado di sopportare tante umiliazioni. E’ vecchio e solo, ho pena per lui.

    Una volta i Papi erano protetti dal mondo, dalle nefandezze del mondo, ma ora non più, la sua ultima entrata in twitter, l’ha reso bersaglio dei più efferati attacchi, al Papa sono giunti da tutto il mondo sproloqui e insulti, sì, anche milioni di followers che lo amano, ma altrettanti followers che lo hanno attaccato in ogni modo.

    Un uomo anziano non può essere spintonato e malmenato così, ma chi siamo noi per farlo. Non è lui, il colpevole della storia, non è lui, che dobbiamo distruggere.

    Ciò che è da condannare è la storia, il passato e il modo migliore per condannare il passato, è il non ripeterlo.

    Benedetto XVI, così come Lutero, si è affidato a Dio: «Mi fermo qui, non posso fare di più. Dio mi aiuterà. Amen». Così Lutero concluse il suo discorso a Worms nel 1521.

    Forse, questo mondo cosmopolita, rende anche le religioni tali, avvicinando così il cattolicesimo al protestantesimo. Forse, questo è un avvicinamento delle ragioni dei sentimenti spirituali più elevati.

    Io non sono una brava cattolica, sono solo una povera cristiana, che vede in questo comportamento papale una grande umanità.

    Io ora, lo sento più vicino a me.

  • Jason
    Lv 5
    8 anni fa

    Chissà se in questo momento in vaticao è in corso il torneo di pallavolo

  • 8 anni fa

    Claudio, mi dispiace ma non sono d'accordo. Non lo vedo assolutamente come un atto di rinuncia. Non sappiamo ancora il motivo e non possiamo esserne certi. Io, nonostante sia molto critica nei confronti della Chiesa come istituzione per i vari motivi dei quali abbiamo parlato a lungo anche qui, credo che dietro alla sua scelta ci sia un disegno più grande. Ora vedo Ratzinger in modo diverso, positivo e spero che trovi la forza per superare questo momento. Per ora non voglio pronunciarmi sulle motivazioni che credo l'abbiano portato a questo, ma è quello che penso:)

    Buona giornata:)

    Scusami, ho dimenticato di rispondere alla domanda:) Ho visto solo degli spezzoni di film ma conto di guardarlo tutto:)

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 8 anni fa

    Premesso che, da non credente (una volta avevo detto che mi sarei, da quel momento, definito come "libero pensatore", ma, ogni tanto, me ne scordo), sento la questione come abbastanza lontana, a me sembra, semplicemente, una scelta razionale: evidentemente, ha valutato che il peggiorare delle sue condizioni fisiche non gli avrebbe permesso di adempiere in modo ottimale al suo mandato.

    Certo, da un punto di vista religioso la razionalità di questa scelta può confliggere con la (obbligatoria, vista la carica rivestita) fede nell'aiuto divino. Ma, su questo, non mi sento di metter bocca.

  • 8 anni fa

    La decisione che ha preso il papa è senza ombra di dubbio molto sofferta e meditata non va affatto presa come un segno di debolezza il mio modesto parere conoscendolo per quel poco che ho letto posso dire che è un affermato teologo uno studioso dei principi cristiani in passato si è trovato in situazioni imbarazzanti quasi in contrasto con il clero romano molto conservatore. Quindi è un personaggio complesso e non di facile manipolazione. La veste di papa gli stava stretta non voluta ma accettata per consentire la transizione del papato lasciato dal papa polacco. La chiesa attraversa un momento difficile come del resto altre istituzioni. Ratzinger non si sentiva di essere manipolato come una marionetta e quindi quando le forze gli sono venute meno ha pensato di lasciare il suo incarico a un' altro che possa affrontarlo nel pieno delle sue forze. Bisogna tener conto che le dimissioni vanno anche viste come un segnale di modernizzazione della chiesa non più il papa che muore in carica ma il papa che si dimette che apre un precedente che da l' opportunità di scelta di rimanere o di lasciare la veste di papa in base alla propria coscienza e alla propria responsabilità in assoluta autonomia.

  • Anonimo
    8 anni fa

    E' la stessa cosa, con quasi otto anni di differenza.

  • 8 anni fa

    Spero che queste dimissioni siano oggetto di riflessione per tutto il mondo cattolico...se il mandato del papa era da Dio,il papa non si sarebbe mai dimesso questo ci fa capire che era ed è un uomo fallace come tutti,chiesa cattolica romana ::1600 anni di eresie

    Fonte/i: La Bibbia geova non è il nome di Dio
  • Anonimo
    8 anni fa

    ha dovuto dare le dimissioni perchè c'è un mandato di cattura internazionale per crimini contro l'umanità e associazione per delinquere.

    http://www.migliorblog.it/60661-benedetto-xvi-dimi...

    http://www.pinkdna.it/il-papa-si-e-dimesso-per-man...

    http://www.liberoquotidiano.it/news/1183798/Su-Ben...

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.