Anonimo

Frattura scomposta Tibia e Perone destri, alcuni chiarimenti?

Vi illustro il mio caso.

Tengo a precisare prima di iniziare che ho 15 anni compiuti Febbraio 2013 e non ho mai avuto problemi di alcun tipo prima d'ora.

Il 18 Ottobre 2012 ho subito un contrasto a calcetto che mi ha causato la frattura scomposta alla tibia e al perone destro. Al pronto soccorso, dopo l' rx di controllo, si è scoperto che io avevo anche un'osteoporosi alla tibia all'altezza della caviglia fin da piccolo, ma io non ne avevo la minima idea. Dopo una settimana fermo col gesso ( che arrivava piu' o meno a metà coscia ) in ospedale, il 24 Ottobre vengo operato inserendo due placche con delle viti alle ossa e svuotando, per poi riempire l'osteoporosi.

Vengo dimesso il 27 continuando a portare il gesso, fino al 28 Gennaio 2013, quando alla consueta visita di controllo mensile dall'ortopedico, finalmente mi dicono che potevo levare il gesso e iniziare la riabilitazione. Il 29 faccio la mia prima seduta di fisioterapia. E arriviamo ad oggi, 27 Febbraio, dopo quasi un mese. Oggi, ho fatto la mia 16 seduta, e la caviglia è quasi del tutto mobilizzata, diciamo l'80 %.

Ma c'è un problema, sebbene il fisioterapista mi rassicuri dicendomi che posso iniziare a far peso, e io obbedisco, ci riesco, ma fino ad un certo punto. Mi spiego: sebbene abbastanza storto, riesco a camminare con una sola stampella, anche senza volendo, ma zoppicando vistosamente. Nel passo, quel frangente di tempo in cui rimango solamente sul piede destro, non riesco a sopportarlo, provo un dolore lancinante, atroce, insopportabile, e ogni volta finisco col buttarmi sul piede sinistro, il risultato è una cosa improponibile ovviamente. Riesco a salire le scale senza stampelle, senza alcun tipo di problema specifico, nel scendere, i problemi ci sono, eccome, provo un dolore atroce quando col sinistro vado sullo scalino inferiore rimanendo sul piede destro. A livello muscolare, appena tolto il gesso erano praticamente inesistenti polpaccio e quadricipite, ora con gli esercizi stanno iniziando a riacquistare volume. ma il dolore non accenna a diminuire. Leggendo in giro per i forum ho notato che i tempi di degenza, sia del gesso, sia della riabilitazione, in altri casi sono stati molto, ma molto inferiori ai miei. La mia domanda è: Perchè non riesco a recuperare? Non parlo di giocare a calcio, io facevo una partita al mese con gli amici quando capitava, posso volentieri farne a meno. Parlo di camminare, uscire con gli amici, fare una vita normale. Non voglio correre, fare salti di metri e metri, voglio solamente camminare.

Ho cercato di essere il piu' preciso possibile onde evitare disguidi. Mi affido a voi.

2 risposte

Classificazione
  • 8 anni fa
    Risposta preferita

    così è difficile darti dei consigli tieni presente che la frattura scomposta della tibia-perone è una delle frature più brutte perchè sono ossa che devono sostenere il peso di tutto il corpo e non è vero che 30gg di riabilitazione sono sufficienti io non so se hai fatto un po di magnetoterapia e se il callo osseo si è ben formato devi avere molta pazienza e fare molta tavoletta propriocettiva ed elastico e andando verso la buona stagione poi cerca di camminare anche sulla sabbia e se fai un po di piscina usa la mezza pinna in questo modo rinforzi i muscoli tibiali.dr simone sce medico e massagg sportivo

  • 8 anni fa

    io posso dire solo la mia esperienza, ho fratturato i malleoli e il piede e non mi hanno operato. però ho iniziato a caricare peso prima di togliere il gesso e all'inizio riuscivo solo a sfiorare il pavimento (la gamba ancora nel gesso).

    mi hanno detto di caricare tutto il peso che riuscivo senza sentire dolori acuti, in tal caso dovevo ridurre subito il carico. quindi forse è meglio che chiedi al fisiatra maggiori chiarimenti.

    comunque quando ho tolto il gesso ho dovuto ricominciare con 2 stampelle perchè potevo metterci veramente poco peso.

    prova per curiosità a misurare sulla bilancia quanti chili riesci a caricare prima di sentire dolori. perchè il dolore acuto secondo me è da evitare e anche è meglio cercare di non zoppicare, a me causava mal di schiena.

    secondo me è presto ancora per recuperare il 100% però non avendo esperienza di interventi magari i dolori sono causati dalle placche non so...

    Fonte/i: esperienza
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.