Perché Dio ha sentito la necessità di creare?

Secondo la visione Cristiana - Cattolica, Dio è l'essere perfetto ed onnipotente.

Da questo presupposto, chiedo, perché ha sentito una "necessità"? Cioè, la condizione di volere qualcosa parta dal concetto che si è in uno stato non ottimale.

Anche la classica risposta di donare il suo amore, sembra non convincere. Infatti, se è perfetto ed onnipotente non dovrebbe avere questa necessità di donare il suo amore. Oltre al fatto che è lui (creatore di tutto) crea anche il sentimento dell'amore, non dovrebbe sentire il bisogno di riversarlo in altre creature, in quanto è lui stesso che lo ha creato e lo può eliminare.

Quindi perché sente questo bisogno di creare? Dio crea prima i sentimenti per sé stesso e poi agisce?

Aggiornamento:

Ma anche la solitudine è un sentimento che ha creato Dio stesso. E può decidere tranquillamente di eliminarla quando vuole, visto che è onnipotente. O sbaglio?

8 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    8 anni fa
    Risposta preferita

    @te lo dico io: un essere come delineato dal modello monoteista è causa autosufficiente di se stessa. Non necessita di altro. Se una cosa è perfetta, non necessita di mutazioni.

    Non mi sembra difficile.

    Comunque l' unica vera teoria è la seguente:

    http://www.youtube.com/watch?v=h-Q229o1BPM

    Youtube thumbnail

    e non ditemi che sia blasfema. E' una teoria come un' altra. Ha la stessa validità di chi sostiene che Eva sia un derivato della costola di Adamo...

  • Anonimo
    8 anni fa

    Noia, maledetta, noia....

  • Anonimo
    8 anni fa

    Io la necessità di creare la sfogo al gabinetto al mattino.

  • aoay
    Lv 4
    4 anni fa

    Leggere l. a. Bibbia e meditarla,crea quella condizione di comunione con Dio,si entra alla Sua presenza e permette di avere rivelazioni attraverso lo S.Santo,l. a. vita si vive in modo diverso e si scopre quale è l. a. volontà di Dio in line with noi,cosa fare in line with Lui,come servirlo nella vita di tutti i giorni,se sei nella Sua volontà niente e nessuno ti potrà fermare e tutto quello che farai prospererà in line with te e in line with chi ti segue,in line with chi aiuti, servire Dio è vivere il paradiso sulla terra.Dio ti benedica.Silvana

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    8 anni fa

    Questi considerazioni, non nuove nel panorama filosofico della storia, sono umanizzazioni. Si passa da Dio ad un dio, alla divinità greca: capricciosa ed insofferente ed anche un pò invidiosa dell'uomo. L'onnipotenza di Dio si declina nell'amore. Dio è onnipotente di amore. Dio è amore (Deus caritas est). Dio è amore comunitario "familiare". Nel seno della Trinità, il Padre ed il Figlio generano un Amore personale: lo Spirito Santo. E' questo Amore personale che crea ciò che è buono, bello e giusto. Nella totale libertà ogni uomo ed ogni creatura senziente, può scegliere altre strade. Ma non è possibile attribuire a Dio "sentimenti" di origine esclusivamente umana.

  • Anonimo
    8 anni fa

    Non credo sia possibile comprendere la mente di Dio, e non penso che Gli si possano applicare logica e sentimenti uguali a quelli degli umani.

    Comunque, tentando un paragone, secondo me quella di Dio non è una "necessità". E' il "desiderio" di fare qualcosa. Non il desiderio che si prova quando ci manca qualcosa, ma un desiderio inteso come volontà di fare qualcosa. Dio ha voluto creare ciò che esiste, ed essendo onnipotente può fare ciò che vuole.

    Fonte/i: Opinione personale.
  • 8 anni fa

    Dio ha creato in necessità del Suo Amore.

    Dio ha creato per amore, per amare e per essere amato.

  • Anonimo
    8 anni fa

    SE tu fossi dio lo comprenderesti.

    Immagine di essere!

    Unico, non c'è altro all'infuori di te, nessuno, nessuna creazione.

    Che faresti per passare il tempo?

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.