promotion image of download ymail app
Promoted
Sybert ha chiesto in Società e cultureLingue · 7 anni fa

GIAPPONESE AIUTO: TRADUZIONE PARAGRAFO!!!!?

2 risposte

Classificazione
  • 7 anni fa
    Risposta preferita

    ciao, ecco la traduzione :)

    (puoi ora eliminare questa domanda, dove riproponevi lo stesso paragrafo http://it.answers.yahoo.com/question/index;_ylt=An... )

    '' Colonna (di giornale)

    L'altro giorno, un Giapponese residente alle Hawaii ha inviato una proposta, nella sezione delle ''lettere al direttore'' di questo giornale.

    E' una lettera in cui dichiara assurdo che, mentre per un verso i fiumi e l'aria inquinata siano tornati puliti, per l'altro l' inquinamento acustico sia diventato terribile, e non ci siano misure per contrastarlo.

    Sono d'accordo, Specialmente nelle ore di punta il rumore è terribile, in mezzo al suono degli altoparlanti e degli annunci delle stazioni,

    ''Scendete restando all'interno della linea bianca. I passeggeri attendano la vettura allargandosi (senza compattarsi); se si resta tutti stretti in un punto, non si riesce a salire a bordo... Occupate i posti in fondo... Coloro che debbono scendere, scendano in ordine, seguendo la persona che è loro davanti''.

    Gli addetti della stazione urlano nel megafono. Le voci di ciascuna piattaforma si sovrappongono, e a esse si aggiunge il suono delle campanelle..... per la verità, diventa tutto incomprensibile.

    Perché mai ci sarà bisogno di continuare a vociare così tanto...?

    Forse si pensa che i passeggeri siano infantili, al punto che creerebbero caos/ farebbero confusione, se non si dessero loro tutte quelle indicazioni così chiassose e insulse...

    Poi, coloro che usano gli altoparlanti sono già avvezzi a urlare; e quelli che ascoltano non fanno che lasciar correre le parole, in un modo o nell'altro.

    Così facendo, la ''quotidianizzazione'' del rumore fa passi avanti.''

    Lettera 2 -'' e nemmeno bastano!''.

    '' O. C:, da Mito-shi - insegnante, 68 anni ''

    Per la verità, si può davvero dire che sia così inutile trasmettere pressoché incessantemente annunci nelle stazioni?

    In molte stazioni di Tokyo la gente gremisce le piattaforme, e a intervalli di pochi minuti arrivano i treni. Se non si avvisasse di scendere all'innterno della linea bianca, chissà quali incidenti potrebbero verificarsi. Ci si può sì indignare per esser ''trattati come bambini'', ma sono molti coloro che, proprio come bambini, adottano comportamenti quali irrompere e farsi largo a gomitate nella folla, senza badare agli altri.

    C'è persino gente che ti urta, senza poi neppure scusarsi.

    Nonostante l'annuncio che dice '' (salite a bordo, solo)...dopo che gli altri passeggeri sono scesi'', sono aumentate le scene di ''sgomitamento'', da parte di chi cerca di non esser lasciato a terra.

    Nelle grandi metropoli sovraffollate, sul come camminare e su che posa tenere tra la folla non c'è una prassi stabile né ci sono regole.

    Non posso nemmeno immaginara quali situazioni di caos si presenterebbero in caso di terremoti, black-out o altri eventi imprevisti, con la folla che tenta di fuggire tutta insieme attraverso gli angusti passaggi nei sotterranei delle stazioni.

    Anche a proposito degli annunci dentro le vetture - dato che fuori è tutto un traboccare di pubblicità, che possono far sfuggire i nomi delle stazioni, è necessario che il nome della fermata successiva venga annunciato con chiarezza.

    Sono poi in aumento i giovani che ostacolano tranquillamente il saliscendi dei passeggeri, piantandosi non solo a destra e a sinistra delle porte, ma perfino nel centro, restando immobili.

    Finché ci saranno passeggeri di questo genere, gli attuali annunci (con altoparlante ecc, nella vettura) non saranno neppure sufficienti..!'' (di qui il titolo, ''neppure bastano'' )

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    7 anni fa

    studi giapponese?? :)

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.