Rottura entrambi malleoli è grave?

Ciao, i dottori mi hanno detto che si sono rotti entrambi i malleoli e mi devono operare....

Secondo voi riuscirò a ri-camminare come una volta??? Mi spiegate quello che sapete su tutto?grazieeee

3 risposte

Classificazione
  • 8 anni fa
    Risposta preferita

    Il trattamento varia a seconda del numero e sede dei malleoli e/o legamenti coinvolti. In generale comunque può essere di tipo:

    conservativo (con l'applica-zione di un gesso o di un tutore) (Figura 3);

    chirurgico (viene di norma eseguito entro le prime 24-48 ore dal trauma, ma talvolta può essere necessario procrastinarlo anche di parecchi giorni a causa della imponente tumefazione locale che potrebbe compromettere la guarigione della ferita).

    L'intervento si basa essenzialmente sulla riduzione della frattura e sulla sua stabilizzazione con dei mezzi di sintesi (placche, viti, chiodi) (Figura 4). A seconda del tipo di frattura e del mezzo di sintesi utilizzato, alla fine dell'intervento viene applicato un gesso o un tutore o una semplice fasciatura. Indipendentemente dal tipo di trattamento, la guarigione avviene di norma in 6-8 settimane: il carico sulla caviglia fratturata non è di solito concesso prima dei 3-4 settimane (il trattamento chirurgico serve solamente ad ottenere una migliore riduzione della frattura ed una sua migliore stabilizzazione e non ad accelerare i tempi di guarigione).

    È bene ricordare tuttavia che le fratture malleolari sono delle fratture articolari (ovvero viene coinvolta la superficie articolare) e pertanto, per quanto tempestivo e corretto possa essere il trattamento, lasciano spesso degli esiti (essenzialmente limitazione funzionale ed artrosi post-traumatica) tanto più importanti quanto più sarà stato il coinvolgimento della cartilagine articolare (come nel caso delle lussazioni). Riguardo la riabilitazione, dopo la rimozione del gesso è quasi sempre consigliabile sottoporsi ad un protocollo riabilitativo per:

    Il recupero dell'articolarità della caviglia;

    la riduzione della tumefazione del piede;

    il rinforzo muscolare;

    il recupero della funzionalità in genere del piede. La stretta osservanza delle indicazioni da parte del paziente è fondamentale per ridurre il rischio di complicanze e per ottenere un più rapido recupero dall'infortunio subìto. Ciao!

    ////////

  • Anonimo
    8 anni fa

    l'intervento di norma prevede di inserire una/due viti nel malleolo tibiale e una placca su quello peroneale (tipo questo: http://www.agelao.it/images/fratture/frattura-bima... ). il tipo di frattura certo incide, se è composta il recupero sarà un po' più veloce perchè non è stata necessariamente compromessa anche tutta la parte tendinea-legamentosa, se è scomposta e/o cocomitava lussazione potrebbero esserci anche altre lesioni associate. se il decorso del post intervento va bene recupererai tutte le funzionalità della caviglia, anche se per parecchio tempo potrebbe capitarti di avere dei fastidi (coi cambi di temperatura per esempio) e ci sarà la possibilità di andare in pseudoartrosi (la degenerazione della caviglia comincerebbe prima del dovuto).

  • Anonimo
    8 anni fa

    è più grave rompersi entrambi i ********.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.