promotion image of download ymail app
Promoted

pizzo bernina, il panorama e' come nelle foto?

vorrei prepararmi per poter affrontare il pizzo bernina dalla parte italiana ovviamente partendo dalla marco e rosa.

il panorama e' davvero cos' spettacolare come nei video, cioe' si vede la circonferenza della terra e gli strati del cielo?

come faccio a prepararmi per unescursione cosi'?

grazie !

3 risposte

Classificazione
  • 7 anni fa
    Risposta preferita

    Ciao Claudio, ho fatto dei 4.000 ( non il Pizzo Bernina) e quindi posso dirTi che il panorama ( se il tempo è bello) è sempre bellissimo, gli strati di nuvole certamente, la curvatura della Terra a 4.000 no.( NON per L'altezza)

    Allora, da come vedo la salita NON è affatto banale e in QUOTA, quindi ADEGUATA preparazione FISICO-- TECNICA e EQUIPAGGIAMENTO ADATTO all'ALTA QUOTA ( NON VA SOTTOVALUTATA!!)

    Il Pizzo Bernina è il quattromila più orientale dell'arco alpino, e la vetta più alta delle Alpi Retiche, ed è tra le montagne più

    frequentate di questo settore alpino.

    Già l'avvicinamento al rifugio Marco e Rosa (che è tra i rifugi più alti delle Alpi) rappresenta da solo una escursione d'alta quota, sia

    che la si affronti dal versante svizzero - dove si trova qualche problema di crepacci e difficoltà su roccia per superare la cresta

    della Fortezza - o che si salga dall'Italia - dove oltre ai crepacci ci si deve preoccupare della "via ferrata d'alta quota" che supera le

    rocce sottostanti il Marco e Rosa, sconsigliabile in caso di maltempo.

    La via è molto frequentata e l'affollamento causa spesso ingorghi, specie sul tratto di cresta sotto la Spalla.

    Anche se la salita è ben attrezzata con chiodi cementati e spit, possono risultare utili un paio di dadi o friends.

    Difficoltà: PD+ ( III- / 40° )

    Dislivello: 1650m + 450m (Campo Moro) o 1050m + 450m (Diavolezza)

    Tempi: Ore 5-5,30 + 2 (Campo Moro) o 4,30-5 + 2 (Diavolezza)

    .

    Raggiungere la bastionata rocciosa a quota 3400 metri circa, dove hanno inizio le attrezzature; risalire le rocce seguendo le corde

    metalliche e gli infissi presenti e procedendo lungo una linea in diagonale verso destra, fino a raggiungere la

    spalla rocciosa dove sorge il rifugio Marco e Rosa De Marchi (3597 m). [ore 1,30]

    Dal rifugio risalire l'ampio pendio nevoso (versante Sud-Est della Spalla del Bernina) normalmente

    lungo una buona traccia, inizialmente su pendenze moderate che si fanno via via maggiori salendo verso la

    cresta rocciosa della Spalla; l'ultimo tratto può essere un pendio nevoso piuttosto ripido (40°) oppure, in

    stagione avanzata, un pendio di rocce rotte non difficile ma che necessita un pò di attenzione.

    Lungo un ripido canale raggiungere una sella sulla cresta della Spalla, da dove si aggira sulla destra (II)

    un primo risalto roccioso; si arriva alla base del tratto più impegnativo della salita.

    Raggiunta una catena di sosta salire in diagonale verso destra ad un chiodo cementato, dal quale si deve salire

    in verticale superando un muretto su piccoli ma buoni appigli (III-), fino ad un altro chiodo cementato (tutti

    questi ancoraggi diventano utili in discesa per le eventuali corde doppie).

    Da qui la salita prosegue per rocce facili (II) sempre ben protette con qualche chiodo o spit, sino a raggiungere per neve o

    facili rocce rotte la vetta della Spalla del Bernina (4021 m), da dove si scende brevemente fino al filo

    della sottile ed aerea cresta Sud.

    In caso di innevamento notevole, si può raggiungere questo punto evitando di risalire la cresta rocciosa della Spalla e

    restando sul ripido (45°) pendio nevoso alla sua destra.

    Sempre secondo l'innevamento presente, l'aerea cresta nevosa (cornici) può condurre direttamente in vetta al

    Bernina oppure essere intervallata da tratti di facili rocce, in special modo nel tratto terminale che

    presenta qualche passaggio di II grado prima della cima. [ore 2]

    In discesa ripercorrere la via di salita, ricorrendo ad un paio di doppie per scendere dalla Spalla.

    Ciao. SALUTONI.

    COME TI ALLENI:

    in PRIMIS sulla RESISTENZA ( Corsa- Bici ect)

    POI naturalmente devi essere preparato TECNICAMENTE ( corde Doppie ect)

    Poi sappi che le CRESTE incutono più paura che ad essere in parete,

    QUINDI ALLENAMENTO su tutti i fronti ( mi mancano caratteri)

    http://caiortona.it/montagna3.html

    http://www.paesieimmagini.it/med_sportiva/allename...

    POI , per puntualizzare NON E' AFFATTO UNA PASSEGGIATA come dice l'altro

    utente( POI SUCCEDONO LE TRAGEDIE, MAI SOTTOVALUTARE, e leggi la

    RELAZIONE altro che PASSEGGIATA!!!!

    L'ALTEZZA dell'osservatore non c'entra nulla con la visibilità della curvatura terrestre, la curvatura terreste può essere vista dall'occhio umano se:

    1° l'aria e pulita e quindi con la massima trasparenza che può avere.

    2° c'è abbastanza distanza sia in avanti che lateralmente.

    3° tutta l'area in questione è pianeggiante senza neanche un minimo di dislivello (1 o 2 metri non è da considerarsi)

    quindi per poter vedere la curvatura dell'orizzonte o ti trovi i n mezzo al mare o sul lago salato negli USA o qualche altro rarissimo posto simile

    Fonte/i: Alpinismo E Arrampicata da Decenni
    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 7 anni fa

    All'utente Alberto .. ma come ti permetti di dire che una scalata del

    genere a quattromila m. di quota è una " bellissima passeggiata?"

    Ma sei fuori di testa , non siamo sotto i portici di corso Dante, ma

    ti rendi conto delle tue assurdità, questa salita è quasi valutata di

    difficoltà 3 grado in alta quota, oltre i 4.000m e tu parli di

    """passeggiata""" Dici di averla fatta, ma davanti alla tv.

    Sai almeno che cosa è una relazione tecnica della via, allora,

    leggila, e poi vedrai se è una passeggiata, ma sveglia, non diciamo

    stupidate, poi la gente ci crede e ci lascia le penne!!!!

    @@@ Claudio, L'utente gigi ti ha di già spiegato bene, e condivido,

    per la mia esperienza allenati bene, a parte che non hai detto niente

    sui tuoi trascorsi ( scalate, montagne ) e il tuo livello tecnico, se hai

    fatto dei corsi, comunque non sentire le panzanate, ma sappi che

    non sono passeggiate!

    Ciao

    Fonte/i: Arrampico.
    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 7 anni fa

    Si',

    è una bellissima passeggiata.

    buona escursione

    Fonte/i: escursione fatta
    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.