ileana ha chiesto in Relazioni e famigliaFamiglia · 8 anni fa

come possiamo difendere i nostri bambini?

Vorrei postare questa domanda perche ho tanta paura per le mie bambine.

Aprendo internet, leggendo sui giornali, ascoltando le notizie ai tg non si sente altro che parlare di stupri, abusi, violenze su bambine e bambini e mi nasce la domanda spontanea come difendere i propri figli da queste violenze? Sono i media che esagerano o il pericolo e' reale.....A volte mi chiedo come e' possibile che certi abusi possano accadere su delle creature cosi inermi ed innocenti....E' la nostra societa' o e' stato sempre cosi'? Queste bestie, perche' non e' giusto parlare di uomini, esistono perche'? Come possono avere il diritto di approfittare di alcuni bambini, violentandoli non solo fisicamente ma anche moralmente? Si e' perso il senso della vita, il valore della vita, si pensa che tutto e' permesso, che tanto siamo in un mondo dove oramai non si vieta piu' nulla, non stupisce piu' nulla, la violenza e' fuori e dentro casa e noi che facciamo? Cosa possiamo fare? Non possiamo mandare i figli a scuola perche possono essere violentati da bidelli, maestri e inservienti. Non possiamo mandarli al parco perche abbiamo paura che qualche vecchietto possa abusare di loro mentre noi ci distraiamo o magari ce li rapiscono e non li troviamo piu'.....Come possiamo stare tranquilli? Come possiamo far vivere i nostri figli nella sicurezza che meritano? Come li facciamo crescere? insegnando loro che cosa? Che devono diffidare da qualsiasi cosa e qualunque persona? Una volta ci insegnavano che non bisognava accettare caramelle da estranei, adesso siamo arrivati a dire ai bambini che non devono essere avvicinati da nessuno donne o uomini che siano, che non devono fidarsi di nessuno nemmeno del vicino di casa e cosi li facciamo isolare perche non stiamo tranquilli se vanno dall'amichetta a giocare senza che non siamo presenti perche chissa che cosa potrebbe mai capitare!!!

Ma dov'e' andato a finire il valore della vita? Come fanno queste persone (purtroppo devo usare questo termine) a vivere tranquilli sapendo di aver abusato di una creatura innocente? Dove sono le leggi che dovrebbero tutelarci? Perche non esistono pene severe per queste persone che tanto non cambieranno mai? Ho troppa paura, paura che un giorno io non possa difendere le mie bambine da queste bestie e se dovesse capitare credo che sarei violentata anch'io insieme a loro.....spero che non succeda mai e mi sento vicina a tutte quelle persone che hanno avuto una simile esperienza .

Sono io che esagero o anche voi genitori vi sentite cosi'?

3 risposte

Classificazione
  • 8 anni fa
    Risposta preferita

    Sai penso che non posiamo tenere i nostri figli sotto la classica campana di vetro, possiamo però proteggerli insegnando loro la strada da seguire e quello da evitare. Il vecchio detto - non accettare caramelle dagli sconosciuti - è sempre valido, anzi oggi più di ieri. Anche io ho paura per loro ma non posso crescere dei figli che non hanno sicurezza in se stessi, devono imparare che nel mondo ci sono situazioni che è meglio evitare; noi possiamo aiutarli. Io personalmente cerco di conoscere gli amici dei miei figli, li seguo nelle loro attività ma lascio loro la possibilità di giudizio e soprattutto tengo sempre vivo il dialogo con loro dicendogli che con me e con il padre possono parlare di tutto senza aver paura di essere giudicati o rimproverati. Non siamo i loro giudici ma i loro consiglieri, la spada nelle loro mani, il nostro istinto ci fa capire se qualcosa non gira nel verso giusto, ascoltali sempre e guardali. Molte volte siamo distratti e frettolosi, non dobbiamo esserlo con i nostri figli. E' chiaro che crescendo avranno i loro segreti e cose che non vorranno condividere con noi e sinceramente è giusto così, l' importante è che per le cose importanti possano guardare a noi con fiducia e possano avere la forza di chiedere aiuto. Ecco questo è importante: insegnare che chiedere aiuto non è da deboli ma è da persone coraggiose. Un abbraccio e tanti cari auguri per i tuoi figli.

  • 8 anni fa

    Buon giorno, con la premessa che non hai detto l'eta' delle tue figlie, penso che le contromisure piu' adatte possano variare a secondo anche dell'eta'. In ogni caso penso che la contromisura piu' forte per cercare di evitare la magglior parte delle casistiche fondamentalmente penso che sia il dialogo e la conoscenza dei loro atteggiamenti. Penso che soprattutto una madre, si accorga anche solo per una minima cosa, che qualora accadesse qualcosa di diverso nelle loro esperienza quotidiana, si possa accorgere. Questo tipo di risposta e' la piu' generica eppure dal mio punto di vista la piu' giusta. Poi possono seguire quell'insieme di precauzioni generali che ci sentiamo suggerire ogni dove.

    Frequentazioni delle loro amiche (senza dai occhio di essere troppo invasive), conoscenza dei loro genitori. Parental Control se utilizzano Pc a casa. Possibilita' di essere con loro nel tempo lobero (qua dipende se per loro la tua presenza le lega o meno). Dal mio punto di vista, forse i 'pericoli' un tempo erano piu' classificabili nella categoria 'di altro genere' nel senso che c'erano piu' apprensione dei nostri genitori dell'incidente che ci poteva capitare per strada (giocare al pallone sui marciapiedi) che per insidie d'altro tipo. Che altro dirti, la professione dei genitore effettivamente oggi come oggi e' senz'altro piu' impegnativa, ma guai a fronte di questo tipo di apprensione, essere troppo assillanti.

    In bocca al lupo.

  • 8 anni fa

    che papiro,complimenti:)cmq bella e come si può darti torto?purtroppo è così e giustamente come tanti genitori presumo che si sentano poco difesi da queste realtà...l' unica cosa che mi viene in mente che x quanto un genitore faccia x i figli non sempre ha la fortuna che le cose vadano a buon fine,quindi facciamo del nostro meglio x evitare che siano soli o cmq possibili "prede"....cmq intanto sul pc installa il software che controlla i movimenti,x il resto stà vicina a loro...ciao

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.