Mimì
Lv 7
Mimì ha chiesto in Servizi YahooYahoo Answers · 8 anni fa

Avete notato? Le domande poste,al di là delle risposte che ricevono,fanno bene anche a chi le pone.?

E' il modo migliore per riflettere e per approfondire...Come quando andavo a scuola e scrivevo sul foglio una frase della lezione,per richiamare l' approfondimento... Cosa pensate? Grazie.

Aggiornamento:

Intendevo la domanda in sé aiuta,anche se non riceve risposte...Grazie Sole.

Aggiornamento 2:

Nonno Eugenio,i libri che proponi aiutano tantissimo Grazie. Approfondiamo un momento"Imparare ad imparare" http://www.treccani.it/scuola/archivio/life_long_l...

Aggiornamento 5:
Aggiornamento 6:
Aggiornamento 7:
Aggiornamento 8:

COMPETENZE CHIAVE PER L'APPRENDIMENTO PERMANENTE:

http://ec.europa.eu/dgs/education_culture/publ/pdf...

Aggiornamento 9:

Grazie Adeles, prendiamo atto che il mondo è "vario" e possiamo incontrare persone diverse...l' importante è riuscire a saper scegliere le risposte che possono aiutare per comprendere meglio le tematiche proposte.Grazie.

Aggiornamento 10:

Grazie Giorgio,la tua risposta è un invito alla speranza e alla ragionevolezza.Grazie.

Aggiornamento 11:

Grazie Nonno Eugenio,i bambini che suonano, toccano e ci fanno toccare il Cielo...Grazie

Aggiornamento 12:

5 risposte

Classificazione
  • John
    Lv 7
    8 anni fa
    Risposta preferita

    Gentile Mimì,

    “Paratus semper doceri”, sii sempre pronto ad imparare, dicevano i latini; anche le domande (a parte le risposte) servono a chi le espone, dato che, chiedersi il “perché” è già l’inizio della conoscenza; self-regulated learning, dicono gli anglosassoni: la capacità di essere registi del proprio apprendimento.

    Una capacità quindi che richiede un ruolo attivo e anche la conoscenza delle nostre procedure mentali; non per niente sul frontespizio del Tempio di Delfi abbiamo trovato scritto il famoso:“Conosci stesso”…il primo passo per ogni successiva conquista:http://en.wikipedia.org/wiki/Self-regulated_learni...

    Un adulto che ha “imparato ad imparare” (un gioco di parole obbligato) sviluppa una strategia cognitiva e, ogni domanda per la quale ha trovato una risposta, lo fa salire di un gradino nella conoscenza. Partendo dal tronco, (prendendo ad esempio l’albero) si formano nella sua mente delle catene associative tratte da elementi e analogie collegate tra loro. Una struttura quindi ramificata, unica a regalare copiosi frutti; non è forse questo il ruolo dell’educatore: trasmettere quanto ha appreso con il suo impegno (consultando fonti di prestigio e autorevoli) e non solo.

    Sentirsi “padroni della propria vita” genera gioia e anche felicità dato che “si sa” il “perché” si agisce e anche “come” e verso “dove” ci si muove, come quell’escursionista che conosce il sentiero della foresta. Un risultato di non poco conto; senza parlare della capacità poi, di gestire le varie situazioni che tutti dobbiamo affrontare, avendo alle spalle un bagaglio di conoscenze cui attingere.

    Quando quel monaco medioevale affermava che: “Siamo spesso noi ad accendere il falò delle nostre rogne…” alludeva proprio a questo…all’incapacità di gestire la propria vita, senza continuamente incolpare la società nella quale viviamo. Quanta gente vive una vita scialba e sbiadita dato che non si chiede mai il “perché”; ecco l’importanza della “domanda”…può essere l’inizio di una vita degna di essere vissuta. Grazie per la bella “domanda” che fa riflettere. “Alla base delle mie conquiste in campo scientifico, c’è sempre stata una gran curiosità…” ha scritto Albert Einstein.

    Se qualcuno intende approfondire, ci sono quattro libri (che ho in casa) molto belli del prof. Alberto Oliverio e dal costo accessibile e non superano le 250 pagine; ecco i titoli:

    L’arte di pensare - Bur Saggi 9,40 Euro

    L’arte di ricordare - Bur Psicologia 8,00 Euro

    L’arte di imparare - Bur Psicologia 8,00 Euro

    La mente - Istruzioni per l’uso - Bur Psicologia 8,00 Euro

    Sono libri adatti al grande pubblico, scritti in maniera fluida e comprensibile anche a chi non è addentro alla materia; si trovano anche con facilità nelle biblioteche. Me li son riletti una decina di volte e sempre scopro cose interessanti e soprattutto utili per i giovani alle prese con gli studi.

    Nonno Eugenio.@ Mimì; ho preso degna nota di quanto ci hai proposto e aggiungo il tutto ai miei appunti per un futuro uso.

    A proposito di imparare da piccoli; guardate questa ragazzina di origini coreane di soli 5 anni che suona il notturno di Chopin… incredibile è dire poco:

    http://www.youtube.com/watch?v=Oc15dAe_o-4

    Youtube thumbnail

    http://amazingkidmusicians.blogspot.it/2011/08/tif...

    Qui a 4 anni:

    http://www.songclue.com/watch/?v=itku8gDfAyY

  • 8 anni fa

    Certamente Mimì è ponendo continuamente domande che riusciamo a capire ed ad imparare.

  • Cars
    Lv 7
    8 anni fa

    Dipende falle risposte che ricevi..io ne ho ricevute di maleducatissime..

    Tanto da rimanersi un po così e chiedermi il perché di tanta villania!

  • @sole@
    Lv 5
    8 anni fa

    Beh, dipende sempre dalle risposte che ricevi! Approfondisci la questione se le risposte sono sensate ed intelligenti, ma se le risposte sono sciocche, le cose sono 2:

    1) c'è da riflettere si, ma sulla stupidità di certe persone che rispondono "tanto per"

    2) non ti fanno bene assolutamente, perchè ti mettono ancora di più in crisi

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    8 anni fa

    No.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.