NanàEMomò ha chiesto in Arte e culturaPoesia · 8 anni fa

qualcuno conoscerebbe una poesia sul pane?

mi servirebbe una poesia sul pane possibilmente nn di gianni rodari =/ mi serve per la tesina grazieee

4 risposte

Classificazione
  • 8 anni fa
    Risposta preferita

    IL PANE

    Se io facessi il fornaio

    vorrei cuocere il pane

    così grande da sfamare

    tutta, tutta la gente

    che non ha da mangiare.

    Un pane più grande del sole,

    dorato, profumato

    come le viole.

    Un pane così

    verrebbero a mangiarlo

    dall’India e dal Chilì

    i poveri, i bambini,

    i vecchietti e gli uccellini.

    Sarà una data da studiare a memoria:

    Un giorno senza fame!

    Il più bel giorno di tutta la storia. G.Rodari

    Di Gianni Rodari so solo questa ma ne ho altre! L'ultima fa ridere! XD

    _________________________________________

    IL PANE

    Un pane grande, caldo, rotondo,

    luminoso come il sole

    da spartire a chi ne vuole,

    un pane grande, più grande del mondo.

    Che ce ne sia per vecchi e bambini

    e per i poveri nostri vicini. (R. Pezzani)

    _________________________________________

    IL PANE

    Il pane ha un sapore

    che il sole ricorda, e la spica

    dal biondo colore.

    Conosce l’umana fatica

    quel pane dorato

    che trovi sul desco ogni giorno,

    che a volte hai spezzato

    ancora fragrante di forno.

    E’ sempre gustoso,

    condito di gioia e di pene.

    E’ un dono prezioso,

    la prova che ci si vuol bene. (M. Castoldi)

    ________________________________________

    IL NOSTRO PANE

    Ricordi quel grano nel solco,

    quel grano piccino così,

    caduto di mano al bifolco

    (che inverno!) e di gel non morì?

    Ricordi quel piccolo stelo

    d’un verde lucente, che in campo

    tremava d’un tuono, d’un lampo,

    fidando soltanto nel cielo?

    Ricordi la spiga ancor molle

    piegata sul gambo cresciuto?

    Il giorno, bambino, è venuto

    che l’uomo la tolga alle zolle.

    Di giugno si miete. Ciascuno

    raccolga nel campo perché,

    un poco più bianco o più bruno,

    ciascuno abbia un pane per sè. (R. Pezzani)

    _____________________________________________

    ER PANE E' BONO CO'...

    Senza cita' Bruschetta e Panzanella,

    e' bono in ogni tipo de spuntino,

    a comincia' dar classico crostino

    fatto co' burro, alice e mozzarella.

    E' bono cor guanciale a Panontella,*

    co' le noce, co' l'uva, intinto ar vino,

    cor miele, co' la fava e 'r pecorino,

    e indorato cor buro a la padella.

    E' bono ner caffe', co' la ricotta,

    cor gelato, l'aranci in insalata,

    cor prosciutto, li fichi e la caciotta.

    Co' tonno e cipolletta, cor salame,

    co' le castagne, co' la cioccolata,

    ma soprattutto e' bono co' la fame.

    *Panunto:

    pane unto col grasso del guanciale o delle braciole di maiale arrostite sulla graticola Aldo Fabrizi

    ___________________________________________________________________________________.

    Io soi queste e ancora rido per l'ultima!

  • Anonimo
    4 anni fa

    .

  • Eric
    Lv 4
    4 anni fa

    Per eliminare definitivamente l'iperidrosi puoi seguire questa semplice guida http://miracoloperiperidrosi.latis.info/?el0I

    L’iperidrosi si divide in due tipi: l’iperidrosi focale, con cui si intende una elevata produzione di sudore, limitata in una area-circoscritta della pelle, per esempio ai palmi delle mani, alle piante dei piedi o alle ascelle (in questi casi, a seconda della regione colpita, si parla di iperidrosi palmare, plantare o ascellare) e l’iperidrosi generalizzata, con cui si intende una sudorazione eccessiva che coinvolge più regioni o aree corporee.

    Per approfondire

  • 8 anni fa

    L'ode al pane.

    Del mare e della terra faremo pane,

    coltiveremo a grano la terra e i pianeti,

    il pane di ogni bocca,

    di ogni uomo,

    ogni giorno

    arriverà perché andammo a seminarlo

    e a produrlo non per un uomo

    ma per tutti,

    il pane, il pane

    per tutti i popoli

    e con esso ciò che ha

    forma e sapore di pane

    divideremo:

    la terra,

    la bellezza,

    l’amore,

    tutto questo ha sapore di pane.

    Pablo Neruda

    ------------------------------------------------------------------

    La luce che dai tuoi piedi sale alla tua capigliatura,

    la turgidezza che avvolge la tua forma delicata,

    non è di madreperla marina, mai d’argento freddo:

    sei di pane, di pane amato dal fuoco.

    La farina innalzò con te il suo granaio

    e crebbe incrementata dall’età felice,

    quando i cereali duplicarono il tuo petto

    il mio amore era il carbone che lavorava nella terra.

    Oh, pane la tua fronte, pane le tue gambe, pane la tua bocca,

    pane che divoro e nasce con luce ogni mattina,

    beneamata, bandiera delle panetterie,

    il fuoco ti diede una lezione di sangue,

    dalla farina apprendesti a esser sacra,

    e dal pane l’idioma e l’aroma.

    Pablo Neruda

    ------------------------------------------------------------------

    Il profumo del pane caldo.

    Profumo di pane caldo

    appena sfornato

    e la pizza croccante

    intrisa dell'olio più buono

    germogliano un'aria di festa

    al solo ricordo.

    Voci allegre di bimbi

    che corrono scalzi

    su strade sterrate

    tra querce ed ulivi,

    una vecchia appoggiata al bastone

    ferma davanti alla casa...

    e poi uomini e donne,

    buttate alle spalle le pene,

    uno sguardo al cielo

    e via al lavoro

    tra papaveri rossi

    e azzurri fiordalisi.

    Patrizia Chini

    -------------------------------------------------------------------

    “Un pezzo di pane, una brocca di vino e te.” - Omar Khayyam

    ------------------------------------------------------------------

    Il pane.

    Amate il pane, cuore della casa,

    profumo della mensa, gioia dei focolari.

    Rispettate il pane, sudore della fronte,

    orgoglio del lavoro, poema del sacrificio.

    Onorate il pane, gloria dei campi,

    fragranza della terra, festa della vita.

    Non sciupate il pane, ricchezza della Patria, il più soave dono di Dio,

    il più santo premio alla fatica umana.

    Benito Mussolini

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.