Vicini che lavorano illegalmente a casa?

Sono otto anni che ho questo problema: ho saputo che il mio vicino di casa ha perso lavoro e da allora, per tutti questi anni, si è messo a lavorare a casa sua riparando motorini e attrezzi del genere ovviamente rumorosi. Il problema è che è come se non si fermasse mai: il rumore è continuo, dalla mattina fino alla sera. Dialogare con lui è impossibile perché 'a casa sua ognuno fa quel che gli pare'. Gli ho anche scritto un biglietto facendogli cortesemente osservare che ha dei vicini e che esistono degli orari di riposo, ma ovviamente non c'è stato nulla da fare. Io ormai lavoro al computer e studio unicamente di notte, e questo mi si ripercuote la mattina che ho sempre zero energie. Come dicevo, questo discorso ormai va avanti da otto anni... posso capire che adesso ci sia la crisi, però secondo me non si è nemmeno impegnato a cercare altrove. E poi, posso sopportare se almeno rispettasse certi orari. Non so cosa fare: cosa implicherebbe se lo denunciassi (e in caso si può fare una denuncia anonima)? Penso che quello che lui stia facendo è illegale, oppure no?

Aggiornamento:

Grazie Irene, mi sono effettivamente dimenticata di scrivere che non siamo in un condominio ma siamo due villette una affianco all'altra, ma è più o meno la stessa cosa? Lui ha un capannone dove fa tutti questi lavori, quando non può uscire fuori (se per esempio piove).

6 risposte

Classificazione
  • 7 anni fa
    Migliore risposta

    Art. 844 Codice Civile: Immissioni

    "Art. 844 Immissioni

    Il proprietario di un fondo non può impedire le immissioni di fumo o di calore, le esalazioni, i rumori, gli scuotimenti e simili propagazioni derivanti dal fondo del vicino, se non superano la normale tollerabilità, avuto anche riguardo alla condizione dei luoghi.

    Nell’applicare questa norma l’autorità giudiziaria deve contemperare le esigenze della produzione con le ragioni della proprietà. Può tener conto della priorità di un determinato uso."

    La norma è sufficientemente chiara: tu, proprietario di un fondo (di una villetta), puoi opporti contro le "immissioni" (comprese quelle di rumori) che superano la soglia di "normale tollerabilità".

    Il fatto che lavora in casa senza autorizzazioni è un altro discorso, che a te comunque non interessa.

    Tu però hai il diritto di opporti a tutti questi rumori, se inaccettabili.

    Anche se il tuo vicino avesse tutte le carte in regola per lavorare, comunque in una zona residenziale deve contenere l'inquinamento acustico.

    Consiglio anche io di:

    1. Mandargli una raccomandata con una diffida a cessare i rumori molesti (nota: non a smettere di lavorare in casa, perché quello non è una cosa che danneggia te direttamente... se insonorizza completamente il suo garage per continuare a lavorare, tu sei contento comunque). Se puoi, falla scrivere da un avvocato civilista.

    2. Se dopo un periodo ragionevole di tempo non risponde, chiedi alla polizia municipale di venire a fare dei sopralluoghi. Loro si apposteranno anche con gli strumenti del caso per fare rilevazioni, e potranno poi eventualmente mettere in atto le azioni opportune.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Irene
    Lv 6
    7 anni fa

    Puoi allertare i Vigili Urbani che faranno un sopralluogo (con i loro tempi...) per verificare che rispetti gli orari di riposo del condominio e che non usi l'abitazione in modo anomalo (es. come laboratorio).

    Prima di questo passo ti conviene mandargli una raccomandata con avviso di ritorno: è una comunicazione ufficiale che ha valore legale. Gli intimi di rispettare gli orari condominiali e avverti che altrimenti ti rivolgerai ai Vigili Urbani.

    Le denunce anonime non sono sempre possibili e, comunque, non sono prese seriamente in considerazione.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 7 anni fa

    Avverti i vigili urbani che almeno di notte nn deve lavorare

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 7 anni fa

    Esistono presso i comuni gli uffici delle guardie comunali, preposte anche alla quiete, poi c'è la polizia, che ha tutti gli obblighi, poi la guardia di finanza, ed infine se nulla si muove dovrebbe esserci la procura. Prima di fargli male pensaci, io chiederei prima alle USL di zona di rilevare il livello di rumore.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • nik
    Lv 5
    7 anni fa

    Per svolgere una attività artigianale deve essere iscritto all'artigianato. avere una partita IVA

    Pagare i contributi per se ed i dipendenti all'INPS, nonché pagare INAIL - Istituto Nazionale per l'Assicurazione contro gli Infortuni sul lavoro.

    Non penso che lui stia facendo un lavoro di ripiego lavorando così tanto.

    Se lavora non puoi certo impedirgli di lavorare ma ci sono anche delle regole di orario. Per esempio, non può certo battere il martello sull'incudine alle dieci di sera.

    Prova a parlare con i vigili urbani. e fatti dire se rispetta le regole

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 7 anni fa

    Puoi chiamare i Vigili Urbai (esiste un regolamento comunale per i rumori molesti!!!) e denunciarlo alla Finanza, dato che dubito molto paghi le tasse.

    • Accedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.