Il sito di Yahoo Answers verrà chiuso il 4 maggio 2021 (ora della costa est degli USA) e dal 20 aprile 2021 (ora della costa est degli USA) sarà in modalità di sola lettura. Non verranno apportate modifiche ad altre proprietà o servizi di Yahoo o al tuo account Yahoo. Puoi trovare maggiori informazioni sulla chiusura di Yahoo Answers e su come scaricare i tuoi dati in questa pagina di aiuto.

Gee ha chiesto in SaluteSalute mentale · 8 anni fa

Perché quando vedo la gente che piange mi viene da vomitare?

In questo periodo anche il solo pensiero delle lacrime mi fa venire da vomitare.. Perché?

3 risposte

Classificazione
  • 8 anni fa
    Risposta preferita

    Molto probabilmente hai un rigetto verso la sofferenza, ciò significa che colleghi le lacrime al dolore, le possibilità sono due: O rigetti il dolore senza aver vissuto un lutto o una sofferenza in passato oppure l'hai vissuta talmente forte, in durata o in intensità tale da averla rimossa almeno in parte e questo scatena in te un meccanismo di difesa. Questo succede comunemente perché non si accetta a tal punto qualcosa che il fastidio diventata fisico, viscerale e quindi si ha una reazione fisica, spesso mi sono imbattuto in situazioni come la tua con persone che hanno sofferto per amore che sviluppavano una forte repulsione verso l'altro sesso, capita si dica "appena vedo un uomo o una donna mi viene la nausea" Sono messaggi del subconscio che cerca di dire qualcosa, forse nel tuo caso che devi superare la cosa, per esempio cercare di pensare che la morte (causa più comune di sviluppare un sentimento come il tuo) è una liberazione in una lunga malattia quindi invece di pensare al dolore per chi rimane pensa al fatto che chi muore ovunque sia sta meglio ora, che durante la sofferenza, la repulsione al pianto spesso capita quando si ha amato molto qualcuno (ecco il perché del mio accostamento a una delusione d'amore) che muore, non lo si vorrebbe lasciar andar via, si sta male, anche a livello fisco, (più comuni sono il fiato corto, la stanchezza, l'abbattimento anche dopo tanto tempo) lo si fa spesso per rispetto alla persona morta, è come se si fosse morti con lei, ma alla lunga l'istinto di sopravvivenza insito nel subconscio, quando si arriva a sfiorare il punto di non ritorno (si ci avvicina a non mangiare più) reprime in modo drastico il senso di dispiacere attribuendo la sgradevolezza al pianto, al fatto di non voler soffrire più (anche qui il senso di nausea delle persone deluse in amore che cercano di reprimere il desiderio di avere un compagno o compagna con una manifestazione di sgradevolezza).

    Tutto questo per dirti che il senso di vomito è dovuto al tuo subconscio, se ti stai chiedendo perché è segno che desideri superarlo altrimenti lo si accetta, questo vuol dire che vuoi superarlo. Quando ti capita prova a pensare che le lacrime non sono un segno di dolore ma solo di profondità tanto è vero che si piange anche di felicità o dal ridere! Questo dovrebbe farti star meglio, è un semplicissimo esercizio di Programmazione Neuro Linguistica che si chiama dissociazione ossia sganciare il pensiero delle lacrime da quello del dolore, se lo fai con una certa abitudine in situazioni simili riuscirai a cambiare l'accostamento che fai tra le lacrime e il dolore, ciao!

    Fonte/i: Life coach professionista
  • Anonimo
    8 anni fa

    Boh, c'è a chi fa vomitare il sangue, a chi fa vomitare qualche alimento che non piace.. E a te sono toccate le lacrime.. Non saprei ma non avevo mai sentito una cosa simile.. Prova a evitare persone/film dove c'è gente che piange e evita di piangere anche tu.. :)

  • Anonimo
    8 anni fa

    Evidentemente hai dei problemi mentali

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.