abixo ha chiesto in SportAttività all'apertoPesca · 8 anni fa

Lenza per pesca alla trota?

Ciao a tutti io sono una specie di pescatore che si sta avvicinando a diventarlo ma comunque ancora inesperto,volevo andare a pescare trote in un laghetto di pesca sportiva,ma non ho ancora capito con quale criterio si deve dare acqua alla lenza pescando con galleggiante....o meglio,in questo periodo quindi maggio che lunghezza deve avere circa la lenza dal galleggiante all'amo? io tengo circa 1 metro e mezzo

2 risposte

Classificazione
  • 8 anni fa
    Risposta preferita

    Aprile maggio è un periodo strano, non ci sono più le temperature rigide invernali, in cui la trota si trova a prprio agio; se ti capiterà di andare a pescare in una giornata particolarmente calda potresti avere qualche problema, infatti le trote diventano sempre più apatiche e desistono dall'attaccare una preda o un' esca man mano che le temperature aumentano, se invece la giornata si presentarà fresca specie dopo una pioggia abbondante potresti avere delle piacevoli sorprese, poichè l'acqua si sarà rinfrescata e le trote saranno più attive. Detto questo la montatura base della pesca con il galleggiante, detta anche alla bolognese, nel caso della trota deve essere composta da :

    Filo di base, quello che metterai sul mulinello per intenderci, dovrà essere di diametro 0.16 massimo 0.18, poichè la trota ha una vista molto acuta e un filo molto grosso la farà insospettire. Specifico che ogni pescatore ha un proprio stile che migliora e cambia in base alle esperienze, incontrerai pescatori che usano diametri anche minori, perchè hanno incontrato pesci più sopettosi o per il semplice gusto sportivo di prendere pesci più grossi con un filo più sottile.

    Galleggiante: cene sono vari tipi, io personalmente per la trota uso quelli a forma di penna, utili quando si vuole provare a insidiare la trota recuperando l'esca con la tecnica a strascico, oppure la pallina, un galleggiante sferico che ha il vantaggio di essere molto visibile ed utile quando il pesce si trova a grandi profondità.

    La piombatura: non usare piombi troppo grandi e non usarne troppi, aggiungine fin quando tra il peso del gallenggiante e il peso dei piombini non ci sia la differenza di un grammo a fovore del galleggiante.

    Ora parliamo del finale, dopo aver messo i piombi lega una girella singola o tripla, questa avrà due scopi, darà un apprezzatissimo movimento rotatorio all'esca durante il recupero e cosa altrettanto importante, in caso di rottura potrebbe savarti gran parte della montura, poichè il pesce si porterebbe via solo il filo e l'amo o al massimo la girella, salvando galleggiante e piombi e facendoti risparmiare tempo.

    All'altro capo della girella lega un filo più sottile, ti consiglio un 0.14 o anche un 0.12 in fluorocabon, un nuovo materiale apprezzato per resistenza e la quasi totale invisibilità in acqua. Crea un finale di 50 cm, anche se alcuni arrivano anche ad un metro ma quelle sono scelte personali.

    Infine l'amo, ci sono degli ami appositi per la trota, con una speciale curvatura che impedisce al pesce di slamarsi anche durante i salti, come misura ti consiglio un 4 o 6.

    Per quanto riguarda la profondità, ti consiglio, vistoche non conosco il posto dove andrai a pescare, di mettere in acqua tre canne, ognuna con varie profondità: la prima cercherà nei primi due meti d'acqua, la seconda andrà un po' più a fondo e così via. Osserva bene quale canna riscuote più successo e adatta la profondità alle altre. Col tempo e l'esperienza capirai subito quando in una giornata calda le trote cercano l'ossigeno in superficie e il fresco e delle aqcue profonde e quando invece puoi trovarle nei livelli intermedi poichè sono più attive.

    Fonte/i: Esperienze personali
  • 8 anni fa

    Allora per iniziare io ti consiglio di montare nella tua canna una lenza dura e resistente perchè le trote si dimenano molto e se possiedi una lenza morbida potrebbe strappare il filo.

    Per la montatura ti consiglio sempre di comprare un "sensore" che ti permette di misurare il fondo del laghetto e quando avrai misurato la sua profondità posizionerai il galleggiante in modo che non sia ne troppo alto ne troppo basso così appena il galleggiante si muoverà si vedrà subito il suo movimento e tu quando ne sarai certo strapperai nella direzione opposta.

    Spero di esserti stato d'aiuto :D

    Fonte/i: Enciclopedie e libri
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.