Mimì
Lv 7
Mimì ha chiesto in Scienze socialiPsicologia · 7 anni fa

E' vero secondo voi che non bisogna mai cedere al pessimismo e allo sconforto?

L' ottimismo,l' osservare sempre il bicchiere mezzo pieno,può servire nella nostra vita?Grazie a tutti.

Aggiornamento 2:

AFORISMI,MASSIME,CITAZIONI,FRASI sul PESSIMISMO:

http://www.daimon.org/lib/aforismi/detti_frasi_mas...

Aggiornamento 3:

Aspettarsi il peggio non aiuta:Studi sui rischi del pessimismo:

http://www.repubblica.it/2006/b/sezioni/scienza_e_...

Aggiornamento 5:

SORRIDERE SEMPRE DI RENATO ZERO:

http://www.youtube.com/watch?v=huuqWwEZY4Q

Youtube thumbnail

Aggiornamento 6:

Per tutti:

LA VITA E' UNA LOTTA ACCETTALA:

http://forum.teamworld.it/blogs/_anto/la-vita-e-un...

Aggiornamento 7:

Non dobbiamo illuderci:tutti possediamo una Croce nella vita,e la nostra croce non è mai la più pesante,ma è quella che sentiamo "di più,"perché gravita sulle nostre spalle.

A proposito ricordo una barzelletta,spero vi piaccia...

Un uomo si lamentava sempre con il Signore e gli diceva:"Tu mi hai dato una croce pesantissima... Allora un giorno il Signore,stanco delle sue lamentele,lo portò in un grande magazzino dove erano custodite tutte le croci degli uomini,anche quelle degli uomini del futuro e gli disse:" Come uomo e come tutti gli uomini,dovrai portare sulla terra una Croce, se la tua è pesante scegli un' altra, basta che la finisci sempre di lamentarti.

L' uomo felice,depose la sua Croce e incominciò a provare le altri Croci,ma si accorse che tutte erano pesanti e crudeli,anche quelle che a lui sembravano leggere.Allora zitto,zitto,riprese la Sua Croce e disse al Signore:"Ormai mi sono abituato a questa e la porto con disinvoltura..." E

Aggiornamento 8:

E ALLORA: INNO ALLA VITA DI MADRE TERESA DI CALCUTTA:

http://arcobaleno1.altervista.org/poesie/1-madrete...

Aggiornamento 9:

Per Francesco che ci propone di ESSERE OTTIMISTI IN DIO,affermiamo che il Credente è facilitato nel triste compito di portare la Croce. Egli sa che il Suo Modello, CRISTO, il SIGNORE DIO, ha portato per primo la Croce e Ubbidiente al Padre,nel momento della Somma Angustia disse:"Padre allontana da me questo calice amaro...ma non secondo la mia,ma secondo la Tua Volontà".

Il dolore è il patrimonio di tutti gli uomini;non sappiamo bene il perché della SOFFERENZA, ma sappiamo che TUTTI SOFFRIAMO. GIOBBE si lamentò con Dio,e Dio gli disse:"...Dove eri tu omuncolo,quando creavo il Cielo e la Terra,gli Astri e gli Animali?..." Giobbe rispose: "Non proferirò più parola,ti chiedo scusa,sono troppo Piccolo per competere con Te..."

Aggiornamento 10:

La marcia in più quindi,non è Non aver la CROCE,(cosa impossibile per gli uomini...) ma il saper dare il SENSO alla CROCE.Solo coloro che "comprendono,"sanno essere felici,anche con la Croce...San Francesco diceva:"Tanto è il BENE che mi ASPETTO che ogni PENA mi è DILETTO"..

OTTIMISMO dunque per essere capaci di sollevarci dal pantano della disperazione dove la Vita vorrebbe farci sprofondare.Credere che ogni giorno potrà essere il giorno giusto per cambiare in meglio.Comprendere che,anche nei momenti più disperati,ci potrà essere data la possibilità di "risorgere" se non fisicamente,almeno psicologicamente...sicuri che il dolore,quel dolore,ci può rendere interiormente migliori.

Aggiornamento 11:

L' OTTIMISMO E' IL PROFUMO DELLA VITA:

http://www.youtube.com/watch?v=6mNbDYJMT0g

Youtube thumbnail

PERCHE' I COLORI FANNO PARTE DELLA VITA...

Aggiornamento 12:

Perché "LA VITA E' BELLA":

http://www.youtube.com/watch?v=2hVw3yyTLto

Youtube thumbnail

...basta saperla guardare...

Un caro saluto a tutti VOI.

13 risposte

Classificazione
  • Vavax
    Lv 7
    7 anni fa
    Migliore risposta

    "Bisogna opporre al pessimismo dell'intelligenza l'ottimismo della volontà."

    Con il tempo ho imparato che essere pessimisti, non mi aiutava per nulla, anzi a volte peggiorava solo le cose, quindi con impegno mi sono sforzato di trovare qualcosa di buono anche nel peggio, pur non tollerando alcune situazioni, cerco sempre di trovare l'attenuante che non fa impazzire.

    "Guardare le cose con ottimismo o benevolenza non significa essere stupidamente ingenui e permettere agli altri di approfittare della nostra buona disposizione d’animo.

    Significa avere la saggezza e l’intuizione di muovere le cose in direzione positiva, considerandone l’aspetto migliore pur rimanendo concentrati sulla realtà"

  • 7 anni fa

    Ciao ; ) Io non posso che quotare amo l amore. Per me essere pessimista è un modo per poter intanto essere preparato ai colpi che la vita può infliggere. E poi come giustamente fa notare facendo un bilancio rapido si scopre che il pessimismo fa "guadagnare di più".

    Quello che condivido con la tua posizione è il non cedere allo sconforto. Perchè se il pessimismo può essere una scelta di vita che comporta un atteggiamento che in effetti è di protezione, lo sconforto è qualcosa che non si può scegliere. E' una subdola sensazione che ci priva delle forze. E priva delle forze per proteggersi anche il pessimista più caparbio.

    Perchè lo sconforto prosciuga. Rende inerti. E' potente e contagioso. E ci mette in condizione di essere passivamente in balia degli eventi.

    Forse è un limite mio. Io ci ho provato a vedere il bicchiere mezzo pieno. Ma tutte le volte che l'ho fatto, quando c'è stata una delusione l'ho percepita come molto più intensa. Guardandolo mezzo vuoto paradossalmente posso solo aspirare ad avere gioia e a riempirlo questo bicchiere. E male che vada me l'aspettavo.

    Però affermo che è una mia precisa scelta di vita. Ponderata e non condivisibile. Se chi riesce ad essere positivo e ottimista riesce a non soffrire come succede a me quando le cose vanno male, decisamente gli auguro ogni bene e sono felice per lui.

    Forse per essere ottimisti ci vuole una predisposizione. Un insieme di caratteristiche che qualcuno, io per primo, non possiede

  • 7 anni fa

    ciao la tua domanda è molto bella ,non scontata , tu parli di pessimismo e sconforto , mi viene in mente la società di oggi e della fragilità dei singoli , su questa domanda mi pongo in prima persona molti lo sanno cosa mi è successo nella vita , quando mi dissero, che mio figlio che aveva soli 5 mesi sarebbe rimasto epilettico grave per tutta la vita , mi sono visto crollare addosso una montagna , sconforto ? no! mi sono sentito morire dentro , ma non è bastato questo anche i miei 20anni di matrimonio sono finiti , sconforto ? pessimismo ? solo questo? molto di più però tutto questo avviene nel tempo , ci vuole determinazione ,grande responsabilità a non cedere al pessimismo e allo sconforto se mi fossi chiuso in tutto quello che stava succedendo oggi non sarei qui a scrivere , quando succedono cose gravi cosi a caldo , pensi tutto i negativo ma poi prevale l' uomo che deve avere la forza di reagire sul problema senza girarci intorno , prenderlo di petto ,perché lasciarsi andare non si conclude niente , puoi piangere come ho fatto io , puoi battere la testa contro il muro ma non serve a niente , ho scritto questo mio di privato ,per far capire che spesso ci lamentiamo di cose futili e non pensiamo a chi sta male veramente nel corpo e nell'anima e sono ferite che ti accompagnano per tutta la vita , ma è vera una cosa , mai cedere al pessimismo o allo sconforto , perché la vita è una battaglia se non la combatti tu sarà lei a sconfiggerti , io ho vinto la mia battaglia, lo scritto per tutti fatte memoria buona serata

    Fonte/i: vita personale
  • Cloclo
    Lv 7
    7 anni fa

    nonostante tutti i problemi, seri, della mia vita ho la fortuna (o il dono) di vedere sempre il bicchiere mezzo pieno. Questo mi fa reagire e cercare una soluzione positiva nelle varie situazioni, quasi fossero un problema di matematica da risolvere. Sono convinta che nessuno ha più di quanto possa sopportare e ritengo di avere in dotazione "spalle forti". Ho due libri- base nella mia vita: Qoélet e Giobbe. Ai quali aggiungo Lc 15 e così proseguo il mio cammino su un terreno che sovente mi sembra un campo minato.

    affettuosi saluti a te, dolce Mimì, e a tutti

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Mile
    Lv 7
    7 anni fa

    È vero, cara Amica...ma non sempre ci riesco! A volte sono così tanti gli sconvolgimenti della Vita che...il bicchiere sembra quasi vuoto. Ma si procede, con il a suo aiuto!

    Fonte/i: Un abbraccio
  • 7 anni fa

    Pessimismo e sconforto non sono l'opposto del "bicchiere mezzo pieno".

    Il pessimismo dipende spesso da fattori genetici. Lo sconforto lo segue a ruota.

    Dovrebbero spiegarci a scuola, fin dalle elementari (nella forma giusta, pero'), come far fronte ai vari stati d'animo che la vita ci propone.

    Approfitto di questo argomento per una "barzelletta" datata, ma attinente in certo modo alla domanda e cdhe spero ti faccia sorridere:

    Sullo stesso aereo si trovano il presidente degli USA, Mr. Bill Gates, il Papa e un "mochilero" (la barzelletta nasce in spagnolo e mochila è lo zaino; mochilero è uno che gira il mondo con il suo mondo nello zaino).

    L'aereo sta per cadere e ci sono solo tre paracadute. Il presidente USA ne afferra uno e si lancia. Bill Gates che si considera l'uomo piu' intelligente del mondo, si lancia anche lui. Il Papa allora si rivolge al Mochilero e gli dice: figliolo, io sono vecchio e il Buon Dio mi aspetta, prendi tu il terzo paracadute e salvati. Il Mochilero si inchina e fa: grazie Padre, ma non è necessario, l'uomo piu' intelligente del mondo è appena saltato giu' con il mio zaino.

    Si', Mimi', l'ottimismo puo' servire egregiamente nella nostra vita e in quella degli altri, ma non deve essere una opzione forzata, una decisione alla cieca, deve essere un atteggiamento mentale che si esprime nella pratica.

  • 7 anni fa

    Il vero segreto è riporre l'ottimismo in Qualcuno che è davvero in grado di sostenerci nei momenti più difficili. "Siate ottimisti in Dio" diceva una grande santa e "non perdete mai la speranza"

    Ricordo che durante i miei studi universitari ebbi un grande momento di scoraggiamento ma in mio soccorso arrivarono delle Parole che mi risollevarono: "più fiducia in te stesso e più fiducia in Dio"

    Il Signore ci aiuta e ci parla anche attraverso semplici persone che ci sono vicine. Ed è per questo che dobbiamo essere Ottimisti in Dio!

    Un caro saluto

    Francesco

  • Anonimo
    7 anni fa

    io sono una persona molto pessimista e da un lato é una cosa positiva..so che sembra un controsenso ma faccio un esempio:

    partecipi a un concorso

    -se pensi che perderai: se perdi lo sapevi già, se vinci é una sorpresa

    -se pensi che vincerai: se perdi ci rimani malissimo se vinci lo sapevi già e non c'é gusto

    non so se mi sono spiegata

    Fonte/i: io
  • Anonimo
    7 anni fa

    Io mi sento spesso "nera", ma penso ai momenti in cui ho più forze e penso che la vita che ho davanti è sempre la stessa, cambia solo il modo di rapportarmi ad essa. E se tutto può sembrare pieno di prospettive in determinati momenti, questi momenti di cupezza in cui niente sembra avere uno sbocco, una via di realizzazione, sono un'illusione.

    No, non devi cedere. Mai. C'è sempre una soluzione.

    :)

  • 3 anni fa

    Ciao ; ) Sinceramente credo che una invenzione quando viene partorita sia il frutto di una necessità. Alcune volte può capitare che alcune invenzioni fondamentali siano il frutto di errori. E forse più che di invenzioni si dovrebbe parlare di scoperte. according to come la vedo io, credo tutto quello che sia stato creato abbia il suo perchè. Poi, ma i discorso prende una strada diversa, si può cominciare a discutere sula validità o meno, sulle conseguenze o meno che queste invenzioni hanno sull'uomo e sull'umanità in generale. Anche una invenzione probabilmente inutile avrà il suo scopo nell'esser tale. E nello spingere qualcuno a cercare l'intuizione according to trovarne una simile che sia più utile. O according to utilizzarla come esperienza according to il futuro. Direi che dunque tutte sono utili, forse quello che può essere meno utile è la reinterpretazione di certe according to usi che si discostano un %. dall'originale thought. Ma sono errori di percorso destinati a estinguersi da soli according to selezione naturale. E mi viene il dubbio che quelle che magari qualcuno potrebbe aver intuito come inutili, forse siano solo state fatte nel periodo sbagliato. E che magari in futuro potranno reinterpretate avere un successo diverso.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.