Consiglio da un/un' infermiere/a o da qualcuno che faccia parte dell'ambito ospedaliero?

Salve a tutti!! Ho 20 anni e sono in questa sezione per chiedervi un consiglio.

Premetto che l'anno scorso mi sono diplomata al liceo scientifico e già da molto tempo maturo l'idea di entrare a medicina. E' praticamente da una vita che ci penso e mi sono vista sempre in quel campo (ho partecipato anche alla croce rossa). Purtroppo però come saprete il test di medicina è un bell'ostacolo, nel senso che non permette di coronare questo sogno in pieno.

L'anno scorso sono stata ammessa ad infermieristica, ma per problemi personali non ho potuto frequentare.

Quest'anno però vorrei riprovarci, ma non so se sia la giusta scelta. Parlando con un amico, mi ha detto che forse scelgo questa facoltà come ''ripiego'' a medicina e quindi sarebbe come una sorta di piano B.

Ci sono inoltre persone, anche nella mia famiglia di cui tengo molto conto della loro opinione, che mi hanno sempre detto e che continuano a dirmi che non mi vedono come infermiera. I miei dubbi su questa professione crescono, come l'incertezza se possa essere una giusta strada alternativa.

In realtà mi sono sempre detta che, qualora non fossi entrata a medicina, avrei scelta una professione analoga, vicina al contesto ospedaliero che adoro e dunque vicina alle mie passioni sulla conoscenza del corpo umano, nell'aiutare gli altri, nel trovare una seconda famiglia insomma. Sarebbe comunque soddisfacente perchè il mio obiettivo primario è lavorare in ospedale.

Allora mi chiedo: sarebbe la scelta giusta? La figura dell'infermiere si avvicina a quella del medico o ce ne sono altre più vicine?

Cosa mi consigliate?

Scusate se ho scritto tanto ma ne avevo bisogno :)

Ringrazio in anticipo!!

3 risposte

Classificazione
  • Lally.
    Lv 4
    7 anni fa
    Risposta preferita

    L'infermiere è la figura più vicina al medico .. ha molte più brighe del medico a livello ospedaliero ( a meno che tu non voglia fare il chirurgo stile E.R! )

    Ti ricordo che ci sono molte lauree brevi (3 anni) che potrano ad essere comunque un dottore. Logopedia, Podologia, Tecnico di Radiologia, Dietistica, Ostetricia..

    Il tutto dipende da te, da che tipo di medicina ti piace.. è semplice dire "aiutare gli altri" ma aiutare in cosa? :)

    Io volevo fare Infermieristica, ma poi ho rinunciato perchè proprio non avevo le basi per affrontare il test.. e sono successe alcune cose che mi hanno dirottato la vita.. Avevo ripreso in testa l'idea, volevo riprovarci e per farmi alcune basi sanitarie sono andata a fare il corso oss.. dopodichè ho visto che con le varie esperienze di tirocinio il ruolo dell'infermiere a me non piace proprio, meno male che non ho tentato il test... sto bene dove sto, nel basso del mio gradino di "pulisci culi" , amo il contatto che ho con il paziente, più di me non ce l'ha nessuno ed è questo che io cercavo. Il contatto quotidiano con le persone, toccarle, aiutarle, spronarle.. L'infermiere (a meno da quel che ho visto io) non ha tempo di fare tutto ciò.... si limita a passare con il carrellino delle medicine, le somministra, e bon.. al di la di quel che sta scritto sulla cartella clinica, del paziente non sa niente.....

    Fonte/i: Senza offesa per gli infermieri che leggeranno eh... Io stimo tantissimo il vostro lavoro, collaboro quotidianamente con voi e mi trovo benissimo.. Sono solo felice di aver capito che la mia strada non era quella...
    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 7 anni fa

    Ciao ho 16 anni e il mio sogno è quello di diventare infermiere o medico quindi sono nella tua stessa situazione con la differenza che io devo fare altri 3 anni di scuola superiore.Io so benissimo cosa fa un infermiere e cosa fa un medico ma nonostante tutto non riesco a scegliere.Se tu sceglierai infermieristica dovrai stare molto a contatto con i pazienti a differenza del medico il quale vede i pazienti solo nel giro visita, dovrai rilevare i parametri vitali, somministrare la terapia e tantissime altre cose. Essendo un lavoro a forte impatto emotivo lo dovrai scegliere come una vocazione e non come piano B altrimenti sarai un infermiera frustrata. Per quello che dicono i tuoi parenti che non ti vedono infermiere bhe posso dirti che devi decidere tu e non i tuoi parenti xchè poi questo lavoro lo andrai a svolgere tu e non i tuoi familiari. Ritenta il test x medicina quest'anno altrimenti puoi dedicarti ad un'altra professione sanitaria tipo ostetricia infermiera pediatrica o quant'altro. ciao bacioni

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 7 anni fa

    Quella dell'infermiere è una professione che può dare moltissime soddisfazioni, ma solo ed esclusivamente se la si fa con enorme passione e non per ripiego.

    Nel tuo caso, l'hai detto anche tu e quindi ne sei pienamente consapevole, sarebbe un piano B.

    Potresti, col tempo, cambiare idea e appassionarti all'infermieristica (che è mooooolto diversa dalla medicina), ma, purtroppo, potresti anche diventare una dei tanti infermieri che hanno scelto questa professione per ripiego (tutti medici mancati) e che non sono contenti del lavoro che fanno e sfogano tutto questo malessere sui colleghi, sui medici e sui pazienti.

    Fonte/i: Infermiera (convintissima della sua scelta XD)
    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.