Domani dovrei iniziare a lavorare con Alleanza Toro s.p.a...ma sono dei disonesti, faccio bene a lasciarli?

Ho letto di troppi ex collaboratori fregati nei modi più disparati...ho sentito anche testimonianze da amici...quindi son sicuro che sia una compagnia di ladri fondamentalmente. Secondi voi faccio bene a lasciarli xdere da subito senza nemmeno più contattarli? Tanto di contratti non ne ho firmati...ho solamente compilato un questionario di conoscenza prima di iniziare il primo colloquio se tre...datemi un consiglio x piacere! grazie e buona notte!

4 risposte

Classificazione
  • 8 anni fa
    Risposta preferita

    Di sti tempi ci giocano su queste cose... tanti disoccupati disposti a qualsiasi compromesso pur di avere un lavoro.Queste "ditte" assumono solitamente giovani disoccupati e li spremono il più possibile. Con la paura oggigiorno di essere disoccupati e di non riuscire a trovare una nuova occupazione, i neoassunti sono disposti a subire qualsiasi umiliazione,fare straordinari,trasferte ecc.. pur di mantenere il posto di lavoro e avere uno stipendio a fine mese che in questi casi è veramente una miseria. Proprio per questi motivi, dopo poche settimane di lavoro, i collaboratori si licenziano per l'esasperzione e le ditte passano al prossimo malcapitato per ricominciare il loro"circolo" (tanto di persone che si offrono per il posto di lavoro di certo non ne mancano). Su internet si trovano parecchi annunci di queste società in cerca di nuovi collaboratori (allenza,tecnocasa,società di fornitura di connessioni internet o elettricità ecc). Già solo il fatto che ci sia questo tipo di annunci in cosi grande quantità dovrebbe insospettire gli eventuali pretendenti quindi il mio consiglio è: non fatevi sfruttare da questi strònzi opportunisti!

    Fonte/i: lavorato per tecnocasa ( 6 settimane,un record per quella filiale)
  • 8 anni fa

    Secondo me se le storie di fregature di cui sei venuto a conoscenza riguardano l'agenzia locale con cui dovrai collaborare allora lascierei perdere. Se invece riguardano agenzie di altri luoghi non avrei pregiudizi, si tratta di altre realtà, e bisogna anche vedere cosa ci sia di vero nelle testimonianze indirette di seconda terza quarta mano....

    Poi non so cosa si intende per "fregature", nel senso che se il collaboratore ha accettato di essere pagato a provvigione e poi non ha trovato clienti non può lamentarsi di nulla.

    Io penso anche che ci siano troppe compagnie di assicurazione, ci sono compagnie minuscole che nascono come funghi, e che hanno 4 gatti come assicurati e quindi non danno nessun affidamento nè agli assicurati nè ai dipendenti o collaboratori autonomi.

    La compagnia Toro comunque dovrebbe essere o almeno una volta era una compagnia grande, e mi stupisce molto sentire che stiano avendo problemi nel pagare il personale.

    Ad ogni modo e per rispondere alla domanda io un tentativo lo farei, se non altro per acquisire un'esperienza, e cercherei di collaborare non unicamente nella vendita porta a porta, ma anche (magari anche solo marginalmente) sugli aspetti amministrativi e contabili, in modo che l'esperienza sia ancora più valida.

  • 8 anni fa

    Premesso che, a mio modesto avviso, i toni della tua domanda sono improponibili, rispondo solo ai contenuti "netti":

    Perché sia possibile una truffa è necessario che ci sia almeno un truffatore ed almeno un truffato, dove il primo non è di certo uno sprovveduto mentre il secondo è quanto meno ingenuo.

    Un po' come avviene per la corrente elettrica o i fluidi, tanto maggiore è la differenza tra i due poli o tra i due dislivelli tanto più grande è la corrente o l'acqua che passa.

    Allo stesso modo tanto più grande è la differenza tra l'avveduto e l'ingenuo, tanto più grande è la truffa!

    Partendo dal presupposto che difficilmente l'avveduto si ravveda, l'unico modo possibile per ridurre tale differenza è che l'ingenuo si decida a modificare il proprio stile di vita magari cazzeggiando di meno in rete per dedicarsi di più alla lettura ed alla comprensione dei contratti di lavoro e dei propri diritti.

    Tipicamente, quando mostriamo una buona conoscenza delle cose di cui parliamo, i nostri interlocutori se ne accorgono ed automaticamente si riduce la possibilità di essere truffati.

    Ovviamente se un furbo intuisce che chi gli sta davanti è uno che trascorre il suo tempo cazzeggiando non resisterà alla tentazione di riconfermare il detto che dice: "L'occasione fa l'uomo ladro"

    Se aspettiamo che il mondo cambia, stiamo freschi, perché il mondo non cambierà finché non saremo noi a cambiare il comportamento delle persone che ci circondano e l'unico modo per farlo è CAMBIARE NOI STESSI, il resto verrà da se.

    Ovviamente anche l'esperienza ci sarà di grande aiuto, quindi coraggio! Prima dovrai subire un po' di truffe (la gavetta) in futuro sarai come si dice "grande e vaccinato" e allora non ti fregherà neanche la più potente delle multinazionali ;)

    Fonte/i: Esperienza sulla propria pelle e ottimi risultati ottenuti contro il tentativo di truffa di una multinazionale.
  • 8 anni fa

    Ma io non so niente su di loro però se avessi prove schiaccianti che li non pagano non ci andrei a meno che non fossi disperato.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.